Febbraio 25, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Quando un certo cinema francese amava “Carne fresca”: “Abbiamo avuto paura quando abbiamo sentito i passi del regista nel corridoio”

Quando un certo cinema francese amava “Carne fresca”: “Abbiamo avuto paura quando abbiamo sentito i passi del regista nel corridoio”

Nel 1986, l'agente Isabelle de la Pateliere (1) espresse la sua preoccupazione:Ogni giorno ricevo telefonate di registi che sistematicamente mi chiedono di presentare loro una ragazza molto giovane, spesso sconosciuta. Fino ad ora avevano circa 17, 18 anni, ma dal loro successo troia, Siamo scesi a 14, 15.“Parla nelle colonne delle riviste cinematografia Che assegna un (piccolo) file con un titolo appropriato “Cinema misogino” A proposito di un fenomeno allora nuovo: la corsa dei cineasti affermati verso quello che Benoît Jacot chiamò qualche anno dopo “Sedia fresca“In alcune delle sue interviste – un regista affronta una denuncia di stupro su minore portata dall'attrice e regista Judith Godrich – che aumenterebbe negli anni '90. Ed è difficile immaginare la scomparsa senza un controesempio dei personaggi femminili centrali, una volta superati i 22 anni – in questi anni, anche Catherine Deneuve sta attraversando un punto basso della sua carriera. Questa invisibilità sarà sempre visibile, spesso detta dalle stesse attrici, eppure, è come se parlassero nel deserto.

Naturalmente nei titoli di coda ci sono sempre i nomi delle attrici. Ma sono oltre agli attori, nella migliore delle ipotesi, che servono il tè, interpretando il ruolo di utilità. I film di successo si concentrano poi sulle coppie maschili: Gérard Depardieu-Pierre Richard, Gérard Lanvin-Michel Blanc, Jean-Paul Belmondo-Alain Delon, Richard Anconina-Christophe Lambert. Regia: Annie Girardeau, specializzata in ruoli di donne dinamiche coinvolte nei disordini sociali (Dott.ssa Françoise Gilland) Negli anni '70, Miou-Miou, altrettanto popolare, attraversa un tunnel, anche se ottiene lo stesso tipo di ruolo in una versione più giovane. In un altro disco, Romy Schneider, che potrebbe simboleggiare la possibilità di tornare sugli schermi dopo 40 anni, non esiste più. Naturalmente c'è Isabelle Adjani. Ma chi, necessità o scelta, gioca sulla sua scarsità nell'attesa? Camille Claudel. Isabelle Huppert resta l'eccezione che conferma la regola, soprattutto con… Una questione di donne Di Claude Chabrol. Cosa succede negli anni Ottanta e Novanta finché metà dell'umanità scompare dagli schermi? E sono ancora in questo file leggero, cinematografia “Appunti”Che accanto a questa oscena mascolinità apparivano appendici mostruose: adatte al matrimonio“.

“La Baume” con Sophie Marceau, 1980. ©gaumont

Sophie Marceau denuncia ancora una volta la “volgarità e la provocazione” di Gérard Depardieu

La necessità di “carne fresca”

In effetti, un’intera azienda si sforza di riprodurre il successo globale che ha ottenuto la Boom Scritto da Claude Pinotto, si concentra sulla preadolescente Sophie Marceau e continua ad essere un bancomat grazie alla sua disponibilità negli episodi (Boom 2, studente). O anche cartone Diabolo Mente Di Diane Couris (oltre 3 milioni di iscrizioni nel 1977) Spingere la cometa Eleonore Clarwin, che aveva 13 anni al momento delle riprese e, stremata dalla fama e dall'isolamento, non voleva continuare la sua carriera. Ma soprattutto, il grande schermo non può credere di aver scoperto, in rapida successione, due attrici adolescenti che hanno stupito pubblico, critica e pari, una trilogia rarissima: Sandrine Bonnaire in Ai nostri cari di Maurice Pialat nel 1983 (aveva solo 16 anni quando ricevette il Premio César come attrice più promettente), e Charlotte Gainsbourg, 14 anni, in Impudente Di Claude Miller due anni dopo. In ogni caso, spiegano i realizzatori, si tratta di catturare un momento di cambiamento, un corpo in transizione, la pubertà… “Hai perso la fossetta.” Si osserva il padre confrontarsi con la figlia, interpretata da Sandrine Bonnaire, in un'indimenticabile sequenza alla fine del film Ai nostri cari. Charlotte Gainsbourg, vincitrice del Premio César ImpudenteÈ diventata un modello per tutte le adolescenti della sua generazione, ma anche per le giovani attrici che tutte la invocano nelle loro interviste. La cantante Vanessa Paradis aveva 17 anni quando interpretava una studentessa delle superiori che ha una relazione romantica con il suo insegnante, interpretato da Bruno Kramer, 60 anni, nel film matrimonio in bianco (1989) di Jean-Claude Brissot.

READ  Ecco i risultati del sorteggio di Euromillions: Vinto il jackpot da 41 milioni, scopri i numeri estratti

Judith Goodrich conferma la sua denuncia contro Benoit Jacquot e accusa Jacques Doillon di violenza sessuale. Isilde Le Besco parla di violenza psicologica

Insolenza et al Ai nostri cari Chiaramente non sono responsabili di questa frenetica ricerca di un nuovo Santo Graal – la scoperta di un giovane e di un volto sconosciuto – da parte di un regista che poi è orgoglioso di averlo scritto. Ma in questa breccia si precipitano i più importanti registi francesi, che poi colgono l’occasione per teorizzare il loro bisogno di “carne fresca” con il pretesto di ritrarre una “vera ragazzina”, titolo del primo film di Catherine. Anche Breillat fa parte di questa ricerca con 36 bambina.

In questa stessa intervista, Isabelle de la Pateliere analizza con chiarezza la situazione che lascia ancora disoccupati nove decimi delle attrici, non ultime tra loro. Per il giornalista che notaÈ una cosa tra Charlotte Gainsbourg e Denise Gray [âgée à l’époque de 90 ans ndlr], I punti si sono rotti e Catherine Deneuve si è rimpicciolita “Rimetti dentro il panino Forte Sagan O per aiutare Christophe Lambert e Richard Anconina ad attraversare la strada Parole e musica“, L'agente concorda: «È vero che scriviamo meno per le donne e le fasce d'età sono aumentate». Perché ? Il cliente pensa che potrebbe essere perché François Truffaut è morto. O ancora, perché cineasti come Rohmer in particolare, che ha sempre rivendicato la castità tra sé e le sue attrici, e in altro modo Doillon “Oggi si nutrono dell’essenza delle loro attrici più che di inventare personaggi”. L'agente aggiunge: “Questi sono il tipo di vampiri che hanno un desiderio quasi documentaristico di essere fotografati, di catturare momenti di vita sul posto.” E continui ad analizzare bene: “Credo che questa ‘crisi’, questa carenza di bei personaggi femminili, comporti la scomparsa dei ruoli sintetici. Non chiediamo più a un'attrice di comporlo e ci concentriamo più sulla sorpresa della sua realtà.

READ  Il rapper Diddy, il bancomat di Sting

Violenza sessuale: cosa è cambiato in #MeToo sui set cinematografici

“Azione schiacciante”

Cosa succede alla giovane attrice, improvvisamente in cima alla lista, e la cui realtà è diventata “sorpresa”? Come affronti questi registi di vampiri, che hanno il diritto pienamente dichiarato di esporli al mondo attraverso la magia della loro macchina da presa? Marianne Denicourt, discendente del teatro, che lavorò con Antoine Vitez, era allora studentessa all'École Amandier diretta da Patrice Chéreau e Pierre Romain. È stata in tournée con Jacques Doillon, Benoit Jacquot e Arnaud Deplechin. Se parlasse oggi, specificherebbe che si tratta di lui “Per non lasciare le altre attrici che si esprimono da sole.” Che misura il suo coraggio. Parli di certi film di quel periodo“Un progetto travolgente che provoca il crollo della solidarietà tra donne anche se restiamo unite”.

Uno dei suoi primi scatti è L'amato Di Jacques Doillon, disegnato da nove giovani attrici di Les Amandiers. La sceneggiatura viene sviluppata gradualmente man mano che le riprese procedono e ogni persona scompare dal film in modo imprevedibile. “Doyon voleva creare competizione per consolidare il suo potere”. Analizza l'attrice. Le attrici, che alloggiavano nello stesso albergo in Normandia, ogni sera sentivano il regista bussare a vicenda alla porta. “Le sue intenzioni erano chiarissime. Ne parlavamo tra di noi. Ci spaventavamo quando sentivamo i suoi passi nell'atrio. Di tanto in tanto il pretesto era che sarebbe venuto a raccontarci qualche scena, e abbiamo convenuto che lui non dovrebbe mai restare solo nella sua stanza.” Alla fine del film rimangono solo tre attrici. “È stato estenuante. E nel fine settimana c'era Jane Birkin, che è stata meravigliosa, che è venuta a trovarci ed è stata così fantastica con tutti, meravigliosa. È stato così imbarazzante.”

Un nuovo scandalo nel cinema francese: un attore e regista accusato di stupro durante le riprese

Marianne Denicourt racconta questo ricordo non per mettere particolarmente in ombra Doillon (ora accusato anche di stupro, violenza sessuale e molestie dalle attrici Judith Goodrich, Anna Mouglales e Isilde Le Besco) ma per mostrare fino a che punto la rivalità fosse organizzata e avesse tutto in vista. Ciò non ha rappresentato alcun problema per alcuni dei registi partecipanti. Citazioni di Oscar Wilde: “È tutta una questione di sesso, tranne che il sesso è una questione di potere.” Da giovane attrice, viene chiamata da un grande produttore che le promette un ruolo altrettanto importante nel prossimo film di Godard. “Sono sorpreso. Quando sono arrivato nel suo ufficio dove c'erano dei divani, si è lanciato contro di me. Sono riuscito ad andarmene.” Ovviamente non c'era nessun film. L'attrice crede che ci siano sempre state persone terribili. “Ma in quegli anni beneficiavano di una totale impunità che ora comincia a sgretolarsi”. Come controesempio cita la felicità di lavorare su due film di Jacques Rivette, che interpretava quasi esclusivamente giovani donne.

Jacques Doillon e Judith Goodrich sul set di “La fille de 15 ans” (1989). © Odessa Film

“Avevo paura di fissare un appuntamento.”

Le attrici odiano davvero sentirsi dire che sono scomparse o che hanno fatto un viaggio senza fine attraverso il deserto. Ma è chiaro che il cinema inghiotte e schiaccia le giovani attrici, soprattutto in quegli anni, senza permettere loro di continuare a vivere, lavorare e rinnovarsi. Ritiro occasionalmente programmato. “C'è stato un tempo in cui avevo paura di fissare appuntamenti con registi di cui amavo il lavoro. Non sapevo come gestire questi rapporti tra registi e attrici”. disse ancora Marianne Denecourt.

READ  Gerard Depardieu accusato di stupro dall'attrice Charlotte Arnold

Quando sono riemersi i ruoli femminili centrali, riservati ad attrici di tutte le età, che non siano necessariamente dive? Oltre ai film realizzati da Isabelle Huppert in cui lei è sempre al centro, un cambiamento avviene con l'arrivo di registe come Toni Marshall con il suo film Non molto cattolico, Con gli anemoni, quindi La bellezza di Venere Con Bulle Ogier e Nathalie Baye (il primo ruolo per un'attrice allora cinquantenne). Nello stesso periodo vengono prodotti due film simbolo del giovane regista Lawrence Ferreira Barbosa, Non c’è nulla di insolito nella gente comune et al Io odio l'amore, Valeria Bruni-Tedeschi e Jeanne Balibar, rispettivamente, si inseriscono in un cambiamento nel registro della scrittura per i ruoli femminili che contrasta con l'erotismo dei decenni precedenti. Le successive rivelazioni di registi che credono di aver stretto un patto sessuale con le loro attrici, anche minorenni, come garanzia di rivelazione e sublimazione attraverso l'arte, il cinema e la luce della celebrità, si sgretolano ogni giorno di più come cliché sessuali che avrebbero potuto essere meglio esposto e conosciuto per i combattimenti. Il cinema si ritrova bloccato in Francia alla luce delle turbolenze che hanno colpito Hollywood con il terremoto di Weinstein nel 2017, e delle successive rivelazioni pubblicate su… il mondo La condanna di Benoît Jacquot e Jacques Doillon, due cineasti post-New Wave da lungo tempo celebrati, sembra destinata a mandare in frantumi le ultime strategie di elusione dei problemi, dopo il già terrificante episodio di Gérard Depardieu.

(1) Isabelle de la Pateliere è l'agente di Benoit Jacquot