Marzo 4, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Quando l’umanità era appesa a un filo

Quando l’umanità era appesa a un filo

Inserito il 5 gennaio 2024 alle 12:00.

Gli otto miliardi di persone che abitano oggi la Terra, e tutte le generazioni che le hanno seguite, potrebbero essere arrivati ​​molto vicini alla non esistenza. Questa è la sorprendente riflessione a cui non possiamo fare a meno di pensare quando leggiamo uno studio sull'era antica pubblicato cinque mesi fa Nella scienza” Che da allora ha continuato a suscitare polemiche.

Analizzando e confrontando i genomi di 3.154 nostri contemporanei, appartenenti a 50 popolazioni diverse (africane e non africane), il team guidato dal ricercatore dell'Università di Shanghai Haiping Li è giunto a una fredda conclusione: 930.000 anni fa, un grave incidente demografico si è verificato nella stirpe umana, che ha portato a un enorme e brutale declino della popolazione dei nostri lontani antenati; Questo “collo di bottiglia”, come lo chiamano gli specialisti, avrebbe causato il declino della popolazione fino a un piccolo numero di… 1.280 individui riproduttori, rispetto ai circa 100.000 precedenti!

Equivalente ad un piccolo villaggio

Immaginate questo: meno di 1.300 persone – appena equivalenti al bellissimo paesino di Sancerre, sul fiume Cher – nascoste in un angolo della vasta Africa, e sulle loro spalle grava la presenza o l’inesistenza di 8 miliardi di persone come noi?

Il migliore (o meglio il peggiore!): se pensate che questa estinzione imminente durerà solo pochi anni, o al massimo qualche generazione, prima di vedere la situazione migliorare, vi sbagliate di grosso. Infatti – e secondo gli autori dello studio – trascorsero più di 100mila anni prima che la suddetta popolazione, il cui numero si era ridotto a zero da tempo, ricominciasse a crescere, passando da questa dimensione microscopica di mille individui di quelle dimensioni, meno di poco meno di 27.000.

Proprio come il collo di bottiglia fu individuato a 930.000 anni fa, i ricercatori hanno individuato la ripresa in questione (con una precisione che fa meravigliare) a 813.000 anni fa, o 117.000 anni dopo il brutale declino demografico del 98,3. % dopo che ci hanno quasi fatto sparire. E tutto questo, lo leggo nel DNA di poco più di 3.000 nostri contemporanei!

Da questo studio non dovremmo concludere che la popolazione nel suo insieme sia scesa a 1.300 individui poco più di 900.000 anni fa.

Celine Bonn è docente presso il Museo Nazionale di Storia Naturale

Lo studio condotto da Haiping Li e dal suo team si basa sulla “teoria della coalizione” (leggi sotto) e il nuovo metodo di analisi, con cui questi esperti di modelli matematici hanno utilizzato per ricavare le loro sorprendenti asserzioni, ha portato il nome barbaro “Fast Intra- Time Coalition Process”, in breve FitCoal. Ma l'evoluzione matematica è una cosa, la realtà umana è qualcos'altro. Sebbene sia i paleontologi che i paleoantropologi accolgano con favore la svolta rappresentata da questo nuovo lavoro, sollevano una serie di domande e osservazioni al riguardo.

READ  Il reste encore plus de 9 000 espèces d'arbres à découvrir, estiment des scientifiques dans une étude

Foreste impenetrabili o aree desertiche

“Da questo studio non dovremmo concludere che la popolazione umana nel suo complesso sia scesa a 1.300 individui poco più di 900.000 anni fa”, sottolinea Celine Bonn, del Museo nazionale di storia naturale. Questo è solo il gruppo dei nostri antenati, il cui lignaggio continua fino a noi. Ma è del tutto possibile che altri gruppi umani, i cui discendenti potrebbero essersi estinti nel frattempo, da qualche parte negli ultimi 900.000 anni, possano aver vissuto contemporaneamente altrove in Africa. »

In altre parole, per i paleontologi, un “collo di bottiglia” non significa automaticamente un declino della popolazione globale, a causa di carestie, epidemie o altro. “Molti eventi diversi dal declino della popolazione possono portare a un collo di bottiglia. Può derivare dalla creazione di infrastrutture all'interno delle specie. Ad esempio, il cambiamento climatico crea barriere fisiche, come foreste impenetrabili o, al contrario, aree desertiche, che dividono il gruppo in diversi sottogruppi, e quindi i membri di ciascun sottogruppo sono costretti a riprodursi esclusivamente tra di loro. Niente ci impedisce di immaginare che questo sia quello che è successo nel periodo oggetto dello studio”, spiega Celine Bon.

L'apparente assenza di fossili

L'ipotesi avanzata dal ricercatore del museo sembra più credibile perché questo periodo (circa un milione di anni fa) ha visto un cambiamento nel sistema climatico, passando da cicli climatici (alternanza di periodi glaciali e periodi interglaciali) di 40.000 anni a cicli climatici. 100.000 anni fa, come lo conosciamo oggi. Questa transizione, chiamata Transizione del Pleistocene Medio (o TPM, poiché il Pleistocene è l’era geologica che precede l’attuale Olocene), ha avuto un ruolo nel collo di bottiglia identificato a -930.000 anni fa? Forse…

READ  Il commissario per la salute e il benessere denuncia l'ambiguità della salute pubblica

Una cosa è certa: questo periodo cruciale è allo stesso tempo avvolto nel mistero, a causa della mancanza di fossili umani che lo attestino. Troviamo ossa di ominini più antichi (soprattutto Homo erectus) in Africa, e troviamo ossa di ominidi più recenti, ma raramente, o così poche, che possiamo datarle da -950.000 a -650.000 anni fa – una virtuale assenza di cui il il collo di bottiglia può essere un componente. Di interpretazione.

La specie non è stata ancora identificata ufficialmente

E con nostro grande rammarico, è in queste stesse acque del tempo che dovremmo trovare la traccia di questa specie – non ancora formalmente identificata – alle radici delle tre forme di umanità che poi fioriranno. Neanderthal e Denisoviani. L'orologio genetico indica che questa specie visse tra -700.000 e -500.000 anni fa. Quanto a dargli un nome, la mancanza di fossili rende difficile il compito e i paleoantropologi sono divisi…

Un altro elemento di preoccupazione: mentre altri primati, come i nostri cugini stretti lo scimpanzé, hanno un cariotipo di 24 paia di cromosomi, tra cui una coppia di cromosomi 2A e una coppia di cromosomi 2B, l'Homo sapiens ne ha solo 23 (cromosomi 2A e 2B). . essere fusi); Sappiamo anche che sia i Neanderthal che i Denisovani avevano anche 23 coppie: quindi la fusione avrebbe potuto avvenire solo prima che i due lignaggi si separassero, portando da un lato all'Homo sapiens, che avrebbe portato ai Neanderthal e ai Denisoviani dall'altro.

Ma quando è avvenuta questa importante riconfigurazione genetica, senza dubbio il processo più importante a cui la razza umana ha assistito nella sua intera evoluzione? Anche in questo caso gli specialisti restano all’oscuro e le ipotesi si diffondono. Ma, più recentemente, uno studio dell'Università di Varsavia ha indicato lo stesso periodo: 900mila anni fa.

READ  Coronavirus: moins de 230 ricoveri en moyenne par jour, l'épidémie poursuit son recul (infografica)

Supponendo che questa data sia corretta, i due eventi – fusione cromosomica e collo di bottiglia – sono correlati? “È un peccato che gli autori dello studio non abbiano applicato il loro metodo di analisi ai genomi di Neanderthal e Denisovan. Se avessero trovato lo stesso collo di bottiglia contemporaneamente in queste due specie, ciò avrebbe rafforzato l'ipotesi di un legame tra i due”. '”, Celine Bon si rammarica.

Effetto fondatore

La razza umana ha visto molti colli di bottiglia nel corso della sua lunga storia. Tra questi, alcuni derivano da quello che gli specialisti chiamano “effetto fondatore”: quando una parte di una popolazione si separa dal resto (ad esempio per esplorare una nuova area), la diversità genetica diminuisce meccanicamente. Una teoria suggerisce che tutti gli esseri umani non africani discendono da un piccolo gruppo di Homo sapiens, che furono abbastanza audaci da attraversare lo stretto di Bab el-Mandab, 60.000 anni fa, che separa il continente nero dalla penisola arabica (a livello di l’attuale Yemen). ) E rimuovendo l’umanità dalla sua culla africana: questo collo di bottiglia è chiaramente visibile nei genomi dei non africani (al contrario, in Africa troviamo la più alta diversità genetica). Allo stesso modo, il piccolo gruppo di Homo sapiens attraversò la Siberia nord-orientale fino all’Alaska attraverso la Beringia (il ponte terrestre situato nel sito dell’attuale Stretto di Bering), da cui tutti i nativi americani crearono una nuova influenza istituzionale limitata alle Americhe.

Coalizione

La dimensione delle differenze genetiche tra due persone aumenta man mano che invecchiano. Ultimo antenato comune (Il punto d'incontro nell'albero genealogico corrispondente ad A Coalizione).

È stato sviluppato negli anni '80 da un matematico britannico John KingmannIL Teoria della coerenza Fornisce ai paleogenetisti uno strumento che consente loro di descrivere/simulare i pedigree di un campione di individui in base alla frequenza e alla distribuzione delle mutazioni genetiche osservate al loro interno.