Dicembre 2, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Spazio: perché tutti vogliono tornare sulla luna, più di 50 anni dopo la missione Apollo 17

EXPLORATION – D’ici à 2025, l’homme pourrait à nouveau fouler le sol lunaire, plus de 50 ans après la mission Apollo 17. Au-delà des recherches scientifiques, retourner sur la Lune est une étape pour pousser l’exploration lontano.

“Mettere un piede sulla luna è il sogno di tutti”. Tre giorni dopo il ritorno sulla Terra, venerdì 12 novembre l’astronauta francese Thomas Pesquet ha tenuto una conferenza stampa da Colonia, in Germania. E per chi torna da una seconda missione sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS), è tornato sulla Luna “Sarà un’esperienza entusiasmante per gli anni a venire”.

Il francese, che ammette prontamente il suo desiderio di mettere piede sulla terra della luna, potrebbe essere il primo europeo a farlo. Ma che senso ha tornare lì, più di 50 anni dopo l’Apollo 17?

Tutte le informazioni su

Thomas Pesquet nello spazio

L’agenzia spaziale statunitense, la NASA, ha lanciato il programma Artemis per costruire una stazione spaziale, l’orbita della luna, il portale. L’Agenzia spaziale europea (ESA) ha raggiunto un accordo con gli americani per effettuare tre voli europei verso questa nuova stazione. Se non è stato ancora deciso nulla, Thomas Bisquet potrebbe prendere parte a uno dei suoi viaggi.

Durante la recente visita del vicepresidente Kamala Harris a Parigi, è stata menzionata una partnership con la Francia. Il presidente Macron ha espresso l’intenzione di aderire al programma Artemis in qualità di presidente del Consiglio spaziale (Consiglio spaziale nazionale, ndr)Sono molto entusiasta di questa collaborazione”. Ha detto in particolare.

In cambio del suo aiuto, l’Agenzia spaziale europea potrà affermare che un europeo, per la prima volta, atterrerà sulla luna. “Abbiamo un programma molto importante chiamato European Cargo Lander, che sarà in grado di depositare fino a 1,8 tonnellate di materiale sulla superficie della Luna, in cambio dell’arrivo di un europeo in uno dei primi atterraggi”, riassume Didier Schmidt, capo dei programmi di esplorazione dell’Agenzia spaziale europea, al microfono di TF1.

READ  Fibra in vendita a 14,99€ al mese da Sosh

La luna, il primo passo verso Marte

Nel dettaglio, sono già state pianificate diverse missioni: Artémis 1, che testerà un nuovo missile pesante senza umani a bordo; Artemis 2, che porterà gli astronauti intorno alla luna. Per ora, Artemis 3 mirerà solo a inviare astronauti sulla superficie lunare.

Gli astronauti selezionati per Artemis 3 avranno il compito di raccogliere campioni, al fine di comprendere i processi planetari, nonché l’origine dei volatili dai poli lunari. Sarà studiato anche l’effetto delle radiazioni sugli astronauti, per anticipare in futuro voli spaziali più lunghi.

Leggi anche

  • Thomas Bisquet: E ora, la luna oggettiva
  • Spazio: Thomas Pesquet presto in missione sulla luna?

A lungo termine, l’obiettivo sarà creare mezzi di trasporto per facilitare la ricerca scientifica, studiare la geologia della Luna, installare strumenti per raccogliere dati ed esplorare aspetti sconosciuti del satellite. Ma l’obiettivo è soprattutto quello di costruire una base lunare permanente, in modo che il satellite terrestre diventi una base avanzata, un trampolino di lancio per fare rifornimento prima di raggiungere l’obiettivo finale: il pianeta rosso, Marte.

sullo stesso argomento

Articoli più letti

COVID-19: “Dobbiamo passare da un permesso sanitario a un permesso per i vaccini”, pensa Martin Blacher

LIVE – Covid: oltre 14.600 casi in 24 ore, crescono le indicazioni

Mubasher – Francia-Kazakistan (8-0): i Blues si qualificano facilmente al Mondiale 2022 grazie all’esultanza di Mbappe

Live – Maine: Jogger ammette di aver mentito

Una inquietante scomparsa nelle Isole della Terra: ritrovata la giovane