Dicembre 4, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Quando i ghiacciai ricoprivano la Namibia

Se la parola “fiordo” fa subito pensare alla Norvegia, un team di geologi ha appena trovato tracce di queste grandi valli scavate dai ghiacciai in una regione del mondo completamente diversa: la Namibia. Questi antichi fiordi ci permettono di conoscere meglio la penultima glaciazione che ha vissuto la Terra, ma anche il ruolo che i fiordi marini giocano nel ciclo del carbonio e nella regolazione del clima.

Sarai interessato anche a te


[EN VIDÉO] L’evoluzione della massa di ghiaccio terrestre tra il 2003 e il 2010
Le masse dei ghiacciai del globo e delle calotte glaciali (in giallo) sono state misurate per un periodo di otto anni nell’ambito del programma GRACE. Il blu e il rosso sono usati rispettivamente per determinare quanto ghiaccio viene perso o guadagnato. © NASA

Gli stretti sono generalmente caratterizzati da valli strette con alte falesie che tagliano la costa, invase dal mare, e rappresentano i paesaggi costieri dei paesi posti negli altopiani. latitudini, come la Norvegia, testimonia l’ultima era glaciale che ha attraversato vero. Queste grandi valli sono il risultato del lavoroMangiare Ghiacciai alla base continentale. Rappresentano quindi siti preziosi per comprendere la dinamica dei ghiacciai durante le principali ere glaciali. Ma non è tutto. I fiordi sono anche centri di depositi sedimentari molto importanti. Pertanto, svolgono un ruolo importante in stoccaggio del carbonio organico Quindi ha il potenziale per influenzare il clima. Il loro studio è quindi essenziale per comprendere l’evoluzione del clima terrestre nel tempo geologico. Esistono tuttavia alcuni esempi di fiordi risalenti all’era pre-neolitica, che permetterebbero di studiare i ghiacciai prima dell’ultima glaciazione neolitica. quadrilatero Dopo la formazione dello Stretto di Norvegia. La rarità degli antichi fiordi deve essere associata a Morfologia, che li rende particolarmente suscettibili alla corrosione.

READ  Nathria Castle: le migliori formazioni per Theory Making Night - Hearthstone

Monumenti degli antichi fiordi della Namibia

Tuttavia, un team di ricercatori guidati da Pierre Dietrich dell’Università di Rennes ha scoperto un’intera rete di antichi fiordi sulla costa nord-occidentale della Namibia. Questi fiordi si sono formati durante il penultimo episodio glaciale risalente alla fine vita antica. Questo periodo è durato da -360 a -260 milioni di anni fa, rendendolo un periodo glaciale particolarmente lungo nella storia della Terra. A quel tempo, la Namibia faceva parte di subcontinente del Gondwana. “Questo è il primo esempio di fiordo fossili perfettamente conservata”, Spiega Pierre Dietrich. “Il paesaggio desertico della Namibia settentrionale è in realtà un antico paesaggio di ghiaccio!”

L’antica rete di fiordi oggi in Namibia è caratterizzata da valli che tagliano una serie di altipiani. Queste valli, ora occupate da fiumi, sono larghe da 1 a 5 chilometri e lunghe da 80 a 130 chilometri. Il loro passato gelido non è in dubbio per geologi Il suo fondo così come i suoi fianchi sono segnati da tracce del passaggio di antichi ghiacciai. Striature e ammaccature, oltre a vari segni di attrito e usura del ghiaccio, caratterizzano le rocce del basamento. Questi effetti consentono di creare La direzione del flusso del ghiacciaio precedente. I ricercatori hanno anche scoperto sedimento Un ghiacciaio risalente a circa 300 milioni di anni fa e costituito da numerosi detriti rocciosi. Grazie a queste testimonianze della glaciazione così come ai depositi postglaciali sopra di esse, geologi È stata in grado di ricostruire la dinamica della calotta glaciale in quel momento.

Copertura di ghiaccio spessa circa due chilometri

La profondità delle fessure, con la profondità dei fiordi che raggiunge 1,7 chilometri, nonché la presenza di numerose rocce irregolari, indica la presenza di una coltre di ghiaccio che ricopriva completamente le valli durante la prima fase della glaciazione. Pertanto, lo spessore del ghiaccio ha superato 1,7 km. gelato Scorre in queste valli è alimentato da una grande calotta glaciale situata nell’estremo oriente. Questa fase del massimo è stata seguita da una diminuzione dello spessore del ghiaccio. Non è escluso che questa era glaciale sia stata segnata da diversi cicli degli arti inferiori, che si concludono con fonte Invasione totale di ghiaccio e mare nei fiordi. “Gli stretti hanno anche un controllo molto forte sulla stabilità dei cappucci perché essiccano il ghiaccio dai cappucci nelle aree in cui il ghiaccio si scioglie e si disintegra. Man mano che il ghiaccio scorre di più, i fiordi si allargano sotto l’influenza dell’erosione, il che aumenta la impatto dell’erosione. Drenaggio Fiordi. Nel tempo, i cappelli sono diventati più sensibili ai cambiamenti climatici”, Aggiunge Pierre Dietrich.

READ  Nuove tecniche di contagocce per eludere i controlli di Google Play Store

Studiare gli antichi fiordi marini della Namibia fornisce anche una migliore comprensione del fiordo cambiamento climatico Il drastico evento verificatosi tra la glaciazione di fine Paleozoico e il continuo riscaldamento che ne seguì. Questi antichi fiordi, così come quelli odierni in Sud America e Sud Africa, potrebbero aver facilitato il deposito e lo stoccaggio a lungo termine Carbonio biologico. Il seppellimento di grandi quantità di materia organica nelle valli glaciali potrebbe aver contribuito in modo significativo alla diminuzione dell’anidride carbonica2 Atmosfera all’inizio Permin. Questo caso avrebbe permesso di regolare il riscaldamento associato all’indebolimento di grandi giacimenti di carbonio in Carbonato.

I risultati di questo studio pubblicati sulla rivista geologia, mostra l’importanza della geomorfologia e della sedimentologia nella ricostruzione dei climi e delle dinamiche glaciali del passato.

Ti interessa quello che hai appena letto?