Aprile 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

PTB vuole impedire i prezzi dei generi alimentari di base: “Le grandi aziende contribuiranno”

PTB vuole impedire i prezzi dei generi alimentari di base: “Le grandi aziende contribuiranno”

In un anno il prezzo di alcuni prodotti alimentari è aumentato di oltre il 20%. Secondo Statbel, le uova sono aumentate del 38,6%, il latte intero del 33,5%, l’olio per friggere del 32%, la pizza del 28,6% e lo zucchero del 27,5%. “Oggi è impossibile riempire un carrello della spesa con 70 euro, se ne rendono conto i politici?Lo afferma Roberto D’Amico, deputato federale PTB.

“Di fronte all’inflazione alimentare, il governo ordina studi, ma non offre alcuna soluzione” Il politico denuncia il membro della commissione economica. Pertanto, il gruppo PTB ha presentato un disegno di legge per consentire il congelamento dei prezzi per i prodotti alimentari di base, affermando che la situazione sta spingendo molti belgi a fare acquisti nei supermercati dei paesi vicini per risparmiare denaro.

PS chiede il congelamento dei prezzi: “Attualmente siamo in una guerra governativa”

Questa legge si basa su precedenti. Alla fine della seconda guerra mondiale, fu adottato il decreto-legge del 22 gennaio 1945 sulla regolazione economica ei prezzi per combattere la speculazione organizzata degli approfittatori di guerra. Questo decreto-legge ha permesso al re di fissare prezzi massimi e “Determina il limite di profitto che riceverà qualsiasi venditore o broker.”

Il decreto-legge è stato successivamente modificato, ma, secondo il PTB, è possibile restituire al ministro responsabile degli affari economici, attualmente Pierre-Yves Dermagne (PS), la possibilità di utilizzare questo strumento. Il Ministro federale, in collaborazione con l’Osservatorio dei prezzi, fissa i prezzi massimi per i beni di prima necessità (farina, pasta, riso, semolino e patate)

Tuttavia, tale misura può avere un impatto negativo sulla contabilità delle piccole imprese. Un fornaio o un macellaio, già alle prese quotidianamente con bollette energetiche alle stelle, avrebbero entrambi una vaga visione della loro incapacità di realizzare grandi profitti vendendo i loro prodotti.

READ  🎥 Crisi per sempre a La Gantoise: i Buffaloes esplodono in volo a Sint-Truiden e perdono due top player - Tutto Il Calcio

La soluzione di PTB è cercare la partecipazione in una crisi di multinazionali, grandi gruppi di distribuzione e grandi società.

Divieto di prezzi: il ministro dell’Economia Pierre-Yves Derman chiede aiuto all’Osservatorio dei prezzi

“Se i prezzi salgono molto, è per l’assenza di un blocco dei prezzi dell’energia…ma anche perché l’industria alimentare ha raddoppiato i suoi profitti!”Il deputato PTB insiste. “Anche i piccoli indipendenti hanno sofferto della crisi energetica e dei prezzi elevati, che il governo non ha fermato. Questa misura sarà finanziata da un contributo imposto sulle plusvalenze dei colossi dell’agroalimentare, siano essi attivi nella produzione o nella distribuzione.

La proposta dei marxisti viene presentata al Parlamento il 15 febbraio. Ci ricorda un altro PS scritto più volte. I socialisti hanno ripetutamente chiesto un meccanismo di blocco dei prezzi. L’ultima fattura è stata presentata nel marzo 2022 da Christophe Lacroix. Il deputato federale ha chiarito che voleva ripristinare un dispositivo nell’arsenale legale.Il che garantisce davvero un collegamento tra il controllo dei prezzi da parte dell’osservatorio dei prezzi, da un lato, e, dall’altro, il controllo dei prezzi da parte dell’esecutivo». Il ministro dell’Economia Pierre-Yves Derman ha annunciato a settembre che collaborerà con l’Osservatorio dei prezzi per chiarire “Questo sviluppo che minaccia il potere d’acquisto”.