Ottobre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Prezzi dell’energia: le scuole britanniche si preparano al brivido

L’ascesa del “tremendo”: Rachel Warwick, che gestisce un gruppo di tre scuole nel sud dell’Inghilterra, non è riuscita a trovare un’altra parola. In tempi normali, il suo budget di gas ed elettricità ammonta a 250mila sterline (289mila euro) all’anno. Ma il rapido aumento dei prezzi dell’energia per un anno ha portato la bolletta a 1,1 milioni di sterline (1,27 milioni di euro).

“Stiamo cercando altre 900.000 sterline che non sono incluse nel budget”, ha detto ad AFP. “C’è molta pressione”.

Il Regno Unito è già colpito da un’inflazione a doppia cifra, il livello più alto del G7, e la situazione rischia di peggiorare di fronte ai previsti aumenti dei prezzi dell’energia.

Mentre le famiglie sono tutelate da un price cap imposto dalle autorità pubbliche, che deve aumentare dell’80% ad ottobre, non c’è niente per le aziende e le istituzioni pubbliche.

Dai bar agli ospedali, la crisi sta colpendo tutti i settori.

Dopo due periodi di ritorno a scuola gravati dalla pandemia di Covid-19, gli amministratori scolastici devono ora gestire questa nuova crisi, con i budget prebellici dell’Ucraina fissati e i prezzi dell’energia alle stelle.

“Da quello che ho sentito da altre scuole, i prezzi raddoppieranno, o almeno raddoppieranno”, si preoccupa Paul Gosling, preside di una scuola elementare a Exmouth (Inghilterra meridionale) e presidente dell’Association of Principals, NAHT Institutions.

Tanto più che le scuole devono finanziare, senza un contributo aggiuntivo dello Stato, l’aumento del 5% degli stipendi dei dipendenti, annunciato dal governo quest’estate.

Steve Chalk, fondatore del gruppo di 52 istituzioni Oasis School, insiste: “I libri sono più costosi, il cibo è più costoso e tutto è più costoso”.

READ  Qualcuno è entrato clandestinamente in Corea del Nord dal Sud

Di conseguenza, gli amministratori scolastici di tutto il mondo sono alla ricerca di modi per risparmiare denaro. “Queste sono scelte difficili”, ha detto, aumentando la possibilità di aumentare le dimensioni delle classi, annullare le gite scolastiche o abbassare il riscaldamento di un grado o due.

“Alcuni suggeriscono di andare a una settimana di 4 giorni. Scuola chiusa per un giorno. Ma non possiamo farlo (…) Altrimenti, come andranno a lavorare i genitori?”

giacca extra

Rachel Warwick prevede di ridurre del “20-30%” il consumo di energia nelle sue scuole, con misure “ovvie”. “Abblicheremo il riscaldamento e spegneremo le luci. Chiederemo agli studenti e al personale di indossare abiti più caldi. Ma non si tratta assolutamente dei risparmi che dobbiamo realizzare”, sottolinea.

Quindi tutti fanno appello al futuro premier che lunedì sarà nominato. “Tutti i servizi pubblici avranno bisogno di un tetto massimo”, come afferma Paul Gosling.

Lui, come altri manager, indica anni di austerità nel finanziamento dell’istruzione.

“Se il governo non fa nulla, le scuole cercheranno di pareggiare il proprio budget tagliando le spese”, in particolare riducendo il personale, come gli assistenti educativi. “Ma questa non è una buona cosa perché punirà l’educazione che ricevono i bambini”, ha detto.

Al ministero dell’Istruzione, diciamo di essere “coscienti delle pressioni inflazionistiche che gravano sulle scuole”.

In una dichiarazione inviata all’Afp, ha affermato che il governo ha “aumentato i suoi finanziamenti di 4 miliardi di sterline quest’anno” e ha anche formulato raccomandazioni alle scuole sulle offerte di approvvigionamento energetico.

Nella campagna per la nomina del futuro primo ministro, le due finaliste, Liz Truss e Rishi Sunak, hanno promesso di aiutare le scuole a far fronte a questi costi aggiuntivi.

READ  Mubasher - La guerra in Ucraina: nuove vittime civili nel bombardamento di un edificio nel Donbass

“Siamo in questa situazione perché abbiamo deciso di sostenere gli ucraini. Così facendo, c’è ovviamente un prezzo da pagare ma non c’è motivo per cui i bambini debbano pagare”, ha detto Steve Chalke.