Luglio 6, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Russia pagherà il suo debito estero in rubli

La Russia pagherà il proprio debito in rubli, ha detto mercoledì il ministero delle Finanze russo, dopo che gli Stati Uniti hanno deciso di porre fine all’esenzione da mercoledì che consente a Mosca di saldare il proprio debito in dollari.

“Poiché il rifiuto di estendere questa licenza rende impossibile continuare a far fronte al debito estero in dollari, i pagamenti saranno effettuati in valuta russa con la possibilità di convertirli poi nella valuta originaria tramite il National Settlement Deposit (NSD), che agirà come un “agente di pagamento”, ha affermato il ministero in una nota.

L’NSD è l’organismo centrale russo responsabile del deposito di titoli negoziati nel paese.

“Il ministero delle Finanze russo, in qualità di mutuatario responsabile, conferma la sua disponibilità a continuare ad adempiere e rimborsare tutti i suoi obblighi finanziari”, si legge nella dichiarazione.

“La situazione attuale non ha nulla a che fare con la situazione del 1998, quando la Russia non aveva fondi sufficienti per ripagare i suoi debiti”, ha affermato il ministro delle finanze Anton Siluanov nella dichiarazione. “Oggi abbiamo i soldi e c’è anche la disponibilità a pagare”.

“Questa situazione, creata artificialmente da uno stato nemico, non avrà alcun impatto sulla vita dei russi”, ha affermato.

Il Tesoro degli Stati Uniti ha annunciato, martedì, di aver deciso di porre fine a un’esenzione che consente a Mosca di pagare i suoi debiti in dollari a partire dalle 00:01 di mercoledì, ora di Washington.

Dall’inizio delle sanzioni occidentali contro la Russia, in risposta alla guerra in Ucraina, questa esenzione ha permesso a Mosca di sfuggire al default.

Il segretario al Tesoro statunitense Janet Yellen ha dichiarato la scorsa settimana che Washington ha deciso di “consentire una transizione ordinata e che gli investitori vendano i loro titoli”.

READ  La guerra in Ucraina: la Russia impone nuove sanzioni ai Paesi europei

Quindi il segretario Joe Biden ha indicato che questa esenzione sarebbe “probabilmente” scaduta.

La misura di Washington entra in vigore due giorni prima della scadenza per il prossimo pagamento di Mosca, che è di poco più di 100 milioni di dollari di interessi sulle obbligazioni.

Secondo il Wall Street Journal, citando l’agenzia di stampa ufficiale russa TASS, le autorità hanno già pagato gli interessi.

Oltre alla scadenza del 27 maggio, il governo russo deve ancora soddisfare 12 pagamenti entro la fine dell’anno.

La Russia già non può più ripagare il suo debito con dollari detenuti nelle banche statunitensi, a causa delle inasprite sanzioni imposte dagli Stati Uniti il ​​5 aprile.

Il 29 aprile il governatore della banca centrale russa, Elvira Nabiullina, ha ammesso che Mosca stava affrontando “difficoltà di rimborso”, ma ha rifiutato di parlare di un possibile default.

Il debito estero della Russia, secondo il ministero delle Finanze, è di circa 4.500-4.700 miliardi di rubli (circa 78-81 miliardi di dollari al tasso attuale), ovvero il 20% del debito pubblico totale.