Febbraio 5, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Prezzi dell’energia: i prezzi del gas e del petrolio sono in forte calo

Il clima mite e la situazione sanitaria in Cina hanno portato a un calo dei prezzi dell’energia. Il gas naturale è tornato ai livelli di inizio anno scorso.


Giornalista presso il Dipartimento di Economia

Tempo di lettura: 3 minuti

FDovremmo rallegrarci dell’attuale ondata di moderazione nelle nostre regioni? Da un punto di vista ecologico e climatico, probabilmente no. Ma da un punto di vista prettamente finanziario, le temperature miti, insieme alle scorte molto elevate ovunque in Europa per questo periodo dell’anno, hanno un effetto molto positivo: hanno provocato un forte calo dei prezzi del gas. Mercoledì il contratto TTF olandese di un mese – che funge da riferimento per la fissazione dei prezzi nel mercato europeo – è tornato al livello di inizio 2022, scendendo sotto i 65 €/MWh (-11%) alla fine del il pomeriggio. Siamo molto lontani dai record che abbiamo visto la scorsa estate, quando i prezzi flirtavano con i 350 euro/MWh.


Leggi anche
Il prezzo del gas torna al livello prebellico

Buone notizie per privati ​​e aziende con contratti variabili, per cui il calo dovrebbe gradatamente incidere sul fatturato. Ricorda, tuttavia, che non tutti i fornitori riducono automaticamente i premi. Da parte della Federazione belga delle società di elettricità e gas (Febeg), si consiglia ai consumatori di codificare la lettura mensile del contatore del gas naturale nella loro area clienti sul sito Web del fornitore, al fine di beneficiare del calcolo nel modo più accurato possibile. Per evitare sorprese al momento dell’emissione del rendiconto annuale e dello sgombero del portafogli.


Leggi anche
Luminus annuncia i prezzi per i suoi nuovi contratti fissi, avverte Test-Achats

Allo stesso tempo, i prezzi del petrolio hanno assistito a una sessione ribassista nei mercati petroliferi. Alla fine del pomeriggio, il WTI americano ha perso il 4,91%, a 73,15 dollari al barile, e il suo omologo europeo, il Brent del Mare del Nord, è sceso del 4,86%, a 78,11 dollari al barile. Spiegazione: le preoccupazioni per la situazione sanitaria in Cina, il più grande importatore mondiale di petrolio greggio, stanno aumentando, di fronte a una grave epidemia del virus COVID-19. Il rallentamento dell’economia cinese e, più in generale, lo spettro della recessione che aleggia sull’economia globale sta pesando sulla domanda e, a sua volta, sul sentiment del mercato.

Le fabbriche cinesi sono in crisi

“Nonostante il lassismo della sua politica a somma zero, l’economia cinese si sta indebolendo”, osserva Stephen Brennock, analista di PVM Energy. Mentre le misure drastiche per frenare l’epidemia hanno gravemente colpito l’attività in Cina – a causa delle infinite restrizioni che colpiscono i lavoratori – la revoca delle restrizioni imposte dal governo comunista in quasi tre anni non ha contribuito alla ripresa, anzi. . . L’attività manifatturiera in Cina ha continuato a diminuire a dicembre, per il quinto mese consecutivo, poiché il regolare funzionamento delle fabbriche è ora interrotto dall’inquinamento.

Parallelamente, “i timori di un rallentamento dell’economia globale e di un rafforzamento del dollaro USA” si stanno aggiungendo alla tendenza ribassista del petrolio, hanno sottolineato i loro analisti di Energy Denmark.

READ  Insolito: a Cuesmes, questo negozio di famiglia è aperto solo due mesi all'anno per le vacanze di Natale