Maggio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perdite dai pannelli fotovoltaici: Materials garantirà trasparenza sulla modernizzazione della propria rete elettrica

Infatti, quando splende il sole e il consumo locale non è in grado di assorbire la produzione fotovoltaica, la tensione può aumentare su alcune parti della rete a bassa tensione. Se la tensione aumenta troppo, i trasformatori vengono spenti per riportarla a livelli accettabili. Il problema è che questa perdita fa sì che i consumatori perdano i benefici della loro produzione fotovoltaica.

Il numero degli impianti fotovoltaici esploderà nel 2023: la rete elettrica vallone resisterà allo shock?

Noi di Ores, come altre società di servizi di distribuzione valloni, siamo ben consapevoli di queste difficoltà. Fernand Griffeny, il capo di Oris, ha incontrato lunedì la stampa per presentare il suo piano d'attacco. Dopo un’analisi approfondita, i team di Ores sono giunti alla conclusione che circa 10.000 “avviatori” a bassa tensione, su un totale di 70.000, sono o saranno problematici. Un “alimentatore” a bassa tensione è una linea che va dalla cabina per fornire elettricità alle case. I minerali saranno in grado di risolvere circa 1.250 problemi all’anno, su un totale di 10.000 problemi. Tenendo conto di questo rapporto, occorrerebbero otto anni per risolvere tutti i problemi attuali e futuri della rete mineraria.

Tuttavia, secondo Fernand Grevny, entro cinque anni sarà possibile aggiornare la rete mineraria a un livello accettabile. Nel periodo 2025-2029, ciò includerà l’installazione di 1,35 milioni di contatori intelligenti, la posa di 8.400 chilometri di cavi e l’installazione di 3.850 cabine o stazioni di trasformazione. La GRD indica un budget fino a 1,8 miliardi di euro durante questo periodo per realizzare questi investimenti.

Sono necessarie misure drastiche?

L'amministratore delegato di Ores ha sottolineato la necessità di adottare misure radicali per consentire la realizzazione di questi investimenti entro cinque anni. “Dovremo adottare misure straordinarieHa sottolineato. Se non lo facciamo, dobbiamo smettere di porci obiettivi irraggiungibili. La vera sfida ora è aprire i marciapiedi, arrampicarsi sui pali e ottenere i permessi per costruire cabine elettriche”..

READ  Il governo firma un accordo per obbligare le banche a offrire i migliori tassi di risparmio

Tuttavia, secondo Fernand Griffni, ottenere i permessi necessari, soprattutto quelli relativi alla costruzione di cabine elettriche, è molto complicato. “Oggi in Vallonia ci vuole un anno e mezzo per ottenere il permesso di cabinaFernand Griffeny ha spiegato. “Sogno un sistema in cui, quando costruiamo una cabina normale, venga concesso il permesso se non ci viene detto 'no' entro un mese.”.

Inoltre, il presidente di Ores attende con impazienza l'emanazione del decreto vallone che impone l'installazione di contatori intelligenti in tutta la regione vallona. Senza questi, ha insistito, sarebbe impossibile modernizzare la rete elettrica. “Garantisco che l’installazione del contatore intelligente non avrà un impatto negativo sui nostri clienti.”Ha anche sottolineato. Infatti, contrariamente a quanto spesso si sente dire, un consumatore può comunque trarre vantaggio dal funzionamento al contrario (o dalla compensazione), anche se installa un contatore a contatto.

Aree verdi, arancioni e rosse…

Infine, Ores sta finalizzando una mappa delle aree problematiche, per quanto riguarda le perdite degli inverter. Sulla base delle informazioni raccolte dai primi contatori intelligenti, GRD ha classificato la sua rete in zone verdi, arancioni e rosse. La zona verde corrisponde a meno di un'ora di perdite alla settimana; La zona arancione è compresa tra 1 e 7 ore di perdite settimanali; La zona rossa ha più di 7 ore di perdite a settimana. Si noti che il punteggio peggiore per il consumatore di una regione determinerà il punteggio complessivo della regione. Tieni inoltre presente che in alcuni luoghi non è presente un contatore di consegna e che non saranno disponibili informazioni sugli abbandoni. La pubblicazione di questa mappa è prevista per la fine di aprile sul sito di Ores.

READ  Questa azienda è stata appena eletta "Azienda dell'anno" per il 2023 | Belgio

Nel mese di giugno, infine, Oris indicherà il calendario degli interventi sulla rete. L’idea è quella di sapere in anticipo se l’intervento è previsto per il 2024, 2025, 2026, 2027 o 2028.