Giugno 19, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le nuove sanzioni contro la Russia hanno portato ad un aumento dei prezzi dei metalli industriali

Le nuove sanzioni contro la Russia hanno portato ad un aumento dei prezzi dei metalli industriali
Lunedì l’alluminio ha raggiunto il suo picco al London Metal Exchange a 2.728 dollari la tonnellata e il rame a 9.640,50 dollari, un record da giugno 2022.
MulderPhoto/Stock.adobe.com

Questo aumento dei prezzi arriva dopo che Washington ha annunciato il divieto di importazione di alluminio, rame e nichel di origine russa negli Stati Uniti.

I prezzi di alluminio, nichel e rame sono aumentati lunedì al London Metal Exchange (LME) dopo che Stati Uniti e Regno Unito hanno vietato l'importazione di metalli di origine russa nell'ambito delle sanzioni volte a ridurre le entrate di Mosca. Così, lunedì l’alluminio ha raggiunto il suo picco al London Metal Exchange a 2.728 dollari la tonnellata e il rame a 9.640,50 dollari, un record da giugno 2022. Da parte sua, il nichel è salito al suo prezzo più alto da settembre a 19.355 dollari la tonnellata. Il rame è ampiamente utilizzato nell'industria, soprattutto per realizzare circuiti elettrici. L’alluminio è ampiamente utilizzato nell’industria automobilistica e il nichel è essenziale nella produzione di acciaio inossidabile e batterie per auto elettriche.

Questo aumento dei prezzi arriva dopo che Washington ha annunciato venerdì il divieto delle importazioni di alluminio, rame e nichel di origine russa negli Stati Uniti, come parte delle ulteriori sanzioni adottate con il Regno Unito che mirano a ridurre le entrate di Mosca. “Le borse dei metalli, come il London Metal Exchange (LME) e il Chicago Mercantile Exchange (CME), non potranno accettare alluminio, rame e nichel prodotti dalla Russia. Le borse dei metalli svolgono un ruolo centrale nel facilitare il commercio di metalli industriali il mondo.Lo ha confermato venerdì il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti.

READ  Finanziamento europeo concesso al Belgio nell'ambito di un piano di risanamento pianificato da 1,4 miliardi di euro

Esportazioni per 15 miliardi di dollari nel 2023

I minerali sono il principale prodotto di esportazione di Mosca dopo l'energia, anche se il loro valore è diminuito dopo l'invasione russa dell'Ucraina, ha spiegato venerdì il governo britannico in una dichiarazione separata. Queste esportazioni rappresenteranno 25 miliardi di dollari nel 2022 prima di scendere a 15 miliardi di dollari nel 2023. “A causa degli sforzi del G7 e dei suoi alleati per limitare il mercato”.È stato scelto.

Sanzioni “Riflette l’intenzione del governo britannico di limitare i benefici finanziari che il governo russo ricava dai minerali prodotti in Russia e scambiati in tutto il mondo”.Lo rende noto il London Metal Exchange in un avviso pubblicato sabato. Paesi LME “Prendendo in considerazione tutte le sanzioni.” Nelle sue operazioni.