Febbraio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perché questo colosso dei videogiochi ha perso 46 miliardi di dollari in una notte?

Perché questo colosso dei videogiochi ha perso 46 miliardi di dollari in una notte?

La Cina sta conducendo una guerra contro le microtransazioni limitando la spesa dei giocatori nei giochi online. Un duro colpo per i colossi cinesi dei videogiochi che sono stati severamente puniti dal mercato azionario.

Fonte: immagine di SCREEN POST su Unsplash

Un duro colpo per il mercato cinese dei videogiochi: le autorità di regolamentazione del paese hanno stabilito nuove regole per gli editori per frenare le pratiche commerciali ritenute abusive.

Questo nuovo regolamento mira specificamente agli incentivi premiali, attraverso meccanismi di ricompensa e comunicazioni regolari. Sulla scia di questi annunci, Tencent ha perso quasi 46 miliardi di dollari in valore di mercato, indicando la grande ansia avvertita dall’intero settore.

Ridurre l’incentivo a spendere in videogiochi

Al centro di queste nuove regole c’è un limite imposto alla spesa per i giochi online, soprattutto su dispositivi mobili. I giocatori non saranno più in grado di ricaricare il saldo del proprio account quanto desiderano e verranno inviati avvisi relativi a “spese irrazionali”.

L’obiettivo qui è ridurre il più possibile le mie microtransazioni, consentendo l’acquisto di cosmetici, personaggi o mod di gioco, uno strumento di monetizzazione ormai molto consolidato, soprattutto nei giochi Gasha Proveniente dal Giappone.

PUBG è diventato un Gioco per la Pace in Cina nel 2019 per compiacere le autorità di regolamentazione // Fonte: Tencent

Agli editori sarà inoltre vietato offrire premi che incoraggino i giocatori ad accedere quotidianamente, così come quando spendono regolarmente all’interno del negozio di microtransazioni.

Questi meccanismi sono classificati come fattori di dipendenza e di spesa eccessiva. Gli organizzatori prevedono inoltre di vietare qualsiasi trasmissione in diretta per i giocatori che spendono ingenti somme di denaro. Quindi niente più afflussi di giocatori che acquistano tutti i cosmetici in una volta Passaggio di battaglia.

Proteggi i bambini dalle loot box

Una delle norme emanate dall’Amministrazione nazionale della stampa e dell’editoria riguarda le loot box, che ora saranno vietate ai minori. Su questo punto, l’Europa è chiaramente in ritardo, mentre la legislazione stenta a svilupparsi e i bambini e gli adolescenti non devono affrontare restrizioni per quanto riguarda le microtransazioni e le loot box.

READ  In Brasile, il gruppo belga Floridienne ha ottenuto un grande successo con mezzo miliardo di euro

Non è la prima volta che la Cina si concentra sulle abitudini dei giovani calciatori del Paese: ha accennato Reuterstutti IL Giocatori I minori di 18 anni avevano un tempo di gioco limitato Nel 2019 e anche nel 2021 una media di tre ore settimanali.

Ma un’altra decisione deve soddisfare, per quanto possibile, i principali attori dei videogiochi cinesi: i regolatori devono avviare i processi di approvazione dei giochi entro 60 giorni. I rapporti tra gli editori e il governo sono sempre stati tesi, una situazione di stallo culminata quando le autorità di regolamentazione hanno smesso di approvare qualsiasi videogioco per otto mesi, tra luglio 2021 e aprile 2022.