Dicembre 3, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perché Macron vuole imporre agli anziani la terza dose del vaccino?

Con il ritorno dell’epidemia di Covid-19, Emmanuel Macron ha annunciato martedì sera che una dose di richiamo del vaccino sarebbe una condizione per mantenere la sua salute tra le persone di età superiore ai 65 anni.

Il capo dello Stato ha anche affermato che tutti i francesi sopra i 50 anni possono ricevere una dose di richiamo, anzi spesso una terza dose, da dicembre.

Una dose aggiuntiva è già richiesta dagli scienziati per la divulgazione e incoraggiata da diversi paesi.

Dose di richiamo per chi?

Attualmente sono ammissibili i residenti delle case di cura, le persone di età superiore ai 65 anni e le persone a rischio di sviluppare malattie gravi (come comorbilità, immunodeficienze, ecc.). Dall’inizio di ottobre sono preoccupati anche operatori sanitari, vigili del fuoco e parenti di persone immunocompromesse. A partire da dicembre, sarà così anche per oltre 50 anni.

La dose di richiamo deve essere somministrata 6 mesi dopo l’ultima iniezione di vaccino.

Coloro che hanno ricevuto una dose di vaccino Janssen possono anche ricevere una dose aggiuntiva, insieme al siero Pfizer-BioNTech, almeno quattro settimane dopo l’ultima iniezione.

A questo punto, 3,4 milioni dei 7,7 milioni di persone ammissibili sono stati rivaccinati.

Qual è lo scopo di questa dose di richiamo?

Dovrebbe “aumentare” l’efficacia dei vaccini contro le infezioni di tipo delta, che sembrano scemare nel tempo.

Da un punto di vista scientifico, c’è un consenso su questa dose di richiamo per le persone che sono chiamate “immunocompromesse”, cioè quelle con un sistema immunitario indebolito. Gli studi hanno dimostrato che, nonostante la vaccinazione, i loro corpi non producono abbastanza anticorpi (il criterio principale per valutare l’efficacia dei vaccini).

READ  Selena Gomez: la sua nuova iniziativa per destigmatizzare la salute mentale

Anche se abbiamo meno dati, la logica è la stessa per gli anziani, il cui sistema immunitario diventa meno efficace a causa dell’invecchiamento.

Martedì sera Emmanuel Macron ha chiesto di conservare la tessera sanitaria per gli over 65, un modo per spingere i più vulnerabili a prendere il comando.

Secondo il ministero della Salute, la metà dei pazienti in terapia intensiva ha ormai più di 65 anni, rispetto a un terzo a fine agosto. Sembrava difficile prendere la stessa misura per le persone con comorbilità perché sarebbe stata contraria alla riservatezza medica. Il Ministero della Salute ha confermato che non sono stati colpiti.

La dose di richiamo dovrebbe essere estesa a tutta la popolazione?

All’inizio di ottobre, l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha approvato una nuova dose di Pfizer per le persone di età superiore ai 18 anni. “Non ci sono ancora prove scientifiche molto convincenti per raccomandare una terza dose per tutte le popolazioni ammissibili”, afferma l’epidemiologo Antoine Flaholt.

Nel suo parere lunedì sera, l’Alta Autorità sanitaria (HAS) ha stimato che “al momento non è necessario modificare le sue raccomandazioni sull’opportunità del richiamo nella popolazione generale, anche se è probabile che sia necessario farlo ‘dopo’”.

Molti scienziati lo considerano già necessario. A CNews, prima che il capo di Stato intervenisse, lo specialista in malattie infettive Benjamin Davido sperava che Emmanuel Macron avesse “il coraggio di spiegare che era necessaria una nuova dose di rinforzo”.

“Il problema non è proprio una questione di età. Dopo sei-sette mesi, gli anticorpi diminuiscono”, ha detto, osservando che “questo aumento dell’immunità consentirà ovviamente di fermare le infezioni tra i vaccinati”.

READ  Docaposte cambia per passare "dall'e-health alla salute"

Che cosa hanno fatto gli altri paesi?

Israele È il primo Paese a far circolare la dose di richiamo a tutti i residenti idonei alla fine di agosto (dai 12 anni).

Molti paesi europei raccomandano una dose aggiuntiva per gli anziani e i fragili. in un Regno Unito, il governo incoraggia le persone con più di 50 anni a ricevere una dose di richiamo.
occupazione GermaniaDi fronte all’intensificarsi della ripresa dell’epidemia nel Paese, anche il governo e le regioni ne hanno chiesto la circolazione.

occupazione IslandaLa scorsa settimana il capo epidemiologo del paese ha lanciato un appello per l’iniezione di una nuova dose in tutte le persone di età superiore ai 16 anni che sono state completamente vaccinate per “circa sei mesi”.

occupazione ItaliaAlla fine di ottobre, il viceministro della Salute ha indicato che la terza dose sarà senza dubbio aperta a tutti da gennaio. Qualche giorno fa era un file Danimarca, che rilascerà il permesso sanitario a causa del forte aumento dei casi di Covid-19, ha anche annunciato l’intenzione di fornire a tutti una dose aggiuntiva del vaccino.