Luglio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perché il fatto che alcuni Paesi europei si dotino di scudi antimissilistici suscita “preoccupazione” in altri Paesi del continente?

Obiettivo dello “Sky Shield” tedesco (ESSI), al quale hanno aderito una ventina di Paesi, escluse Francia, Italia e Polonia, è l’acquisto congiunto di sistemi altamente avanzati che “Rilevare, identificare e intercettare Oggetti ostili che volano a tutte le altitudini – tranne i satelliti, che possono essere distrutti con sistemi semplici, come i laser. Una difesa “a più livelli” solleva questioni tecniche, strategiche, finanziarie, politiche ed etiche.

Guerra in Ucraina: il progetto europeo Sky Shield fa un nuovo passo

Freccia 3, sistema 3,5 miliardi

Il concetto è quello di dividere lo spazio in strisce orizzontali. I sistemi mobili di difesa aerea comprendono sensori (radar), un centro di comando e controllo (C2), una base di lancio e missili. Per intercettare proiettili a corto raggio, come missili, droni o “low-layer”, Berlino ha scelto il missile tedesco Iris-T SLM, che ha una gittata fino a 40 chilometri. Il Bundestag ha già concordato l'acquisto di sei batterie aggiuntive, ciascuna del costo di circa 145 milioni di euro.

Per proteggere la classe media fu scelto l'aereo americano Patriot Pac-3, con un'autonomia fino a 100 chilometri. Le dodici batterie già possedute dall'esercito tedesco non erano sufficienti a coprire il suo territorio e si dovette ordinare unità aggiuntive dagli Stati Uniti. Tuttavia, secondo il Centro per gli studi strategici e internazionali (CSIS), il costo della batteria Patriot è di circa 1 miliardo di euro, di cui 650 milioni solo per i missili, che costano circa 3,5 milioni di euro ciascuno.

Infine, per le altitudini molto elevate, la Germania ha concluso a novembre un accordo per l’acquisto del costoso sistema antimissile israeliano Arrow 3 (“Arrow”) sviluppato dalle Israel Aerospace Industries con una significativa assistenza americana. Per la prima volta nella sua storia, l'Arrow 3 ha dimostrato, a novembre, la sua capacità di intercettare un missile balistico proveniente dalle zone controllate dai ribelli Houthi nello Yemen. Eredi dei nazisti V2, i missili balistici sono dotati di un sistema di guida e di una carica militare che può essere convenzionale, nucleare, radiologica, batteriologica o chimica. Vengono spinti da un motore a razzo ad un'altitudine di oltre 100 chilometri, quindi seguono una traiettoria a forma di campana nello spazio, come palle di cannone sparate da un “trabucco” romano. Il ruolo dell'Arrow 3, un missile lungo 6 o 7 metri (le sue caratteristiche sono segrete) e con una gittata dichiarata di 2.400 chilometri, è quello di lanciarlo nello spazio con un'unità incaricata di distruggere il missile nemico prima che la gravità non lo faccia tornare. A velocità atmosferica molto elevata (fino a 30.000 km/h). Secondo uno specialista del settore, ogni guscio potrebbe costare 10 milioni di euro, mentre l'intero sistema costerebbe 3,5 miliardi di euro. Il più grande contratto militare israeliano della storia.

READ  Pascal Smit vuole installare luci a Bruxelles per il Ramadan come a Londra: "L'illuminazione d'atmosfera unisce le persone"

Il Bundestag aveva già votato, a giugno, un anticipo di 560 milioni di euro, prelevati dal fondo di investimenti per la difesa da 100 miliardi di euro che la Germania ha lanciato alla fine di febbraio 2022 dopo decenni di disarmo. “Ciò che conta per noi è avere uno scudo sull’Europa il più rapidamente possibile. Siamo disposti ad acquisire sistemi non europei finché non svilupperemo i nostri sistemi in Europa. Boris Pistorius ha giustificato in autunno il ministro della Difesa tedesco. Un argomento che fa sobbalzare un ufficiale francese, e la Germania lo preferisce “Modello di business americano” A scapito dell’industria europea.

Quando l’Europa vede l’orlo della guerra

Più politico che strategico

Questo scudo potrebbe essere più politico che strategico, perché una protezione completa, per quanto riguarda la difesa antimissile, è solo un'illusione. Il dispiegamento di Arrow 3 presuppone che un giorno la Russia rischierà un attacco su larga scala contro la Germania, un paese della NATO che possiede bombe atomiche statunitensi. Ma la sua popolazione è profondamente divisa sulle questioni di difesa, il che rende possibile rispondere alle preoccupazioni tedesche evitando di parlare di energia nucleare.

“I missili balistici russi Iskander hanno certamente la capacità di raggiungere Berlino dall’enclave di Kaliningrad, che dista solo 500 chilometri. Ma i russi hanno dimostrato di poter lanciare una raffica di trenta missili nello stesso giorno e contemporaneamente”. spedizioni nucleari, anche “Se lo Scudo raggiungesse un eccezionale tasso di intercettazione del 97%, il Paese ne sarebbe entusiasta”. Preciso con lancio François Hesburg, consigliere speciale della Fondazione per la ricerca strategica, autore del libro Lezioni dalla guerra (Odile Jacob). Quanto ai missili antimissili Iris e Patriot, progettati venti o trent’anni fa, non sono adatti al progresso tecnologico della Russia, l’unica potenza al mondo che ha dimostrato di possedere missili ipersonici manovrabili, e lo troveranno difficile da manovrare. In risposta ad uno sciame di diverse centinaia di piccoli droni.

Guerra in Ucraina: cos’è questo nuovo tipo di “bomba volante” utilizzata dalla Russia?

“Siamo di fronte a un Frankenstein tecnologico che non garantisce realmente protezione contro le minacce attuali o future, e il suo costo totale sarà sconcertante. I cittadini europei hanno tutto il diritto di mettere in discussione l’appropriazione indebita delle loro tasse e dei loro contributi”. Valerie Rousset, consulente strategica e tecnologica e autrice di… Guerra all'aria aperta (Dekopmann). Per intercettare missili balistici o da crociera a lungo raggio non bastano semplici radar di difesa aerea, e sarà necessario creare uno strato di sensori di allarme precoce, generalmente in orbita. Tuttavia, gli unici radar sopra l’orizzonte a ovest sono americani. “Il combattimento antimissile viene effettuato in tempo reale, a velocità misurate in chilometri al secondo, senza tempo per coinvolgere gli esseri umani. È molto difficile padroneggiare l'integrazione a più livelli di componenti eterogenei, sottolinea il consulente. Mentre Berlino giustifica la sua scelta con l’urgenza generata dalla guerra in Ucraina e con il fatto che l’Arrow 3 dovrebbe essere consegnato alla fine del 2025, il sistema di sistemi sarà effettivamente operativo solo per dieci anni.

READ  La nuova variante del Covid-19 dovrebbe diventare dominante in Europa tra poche settimane: cosa sappiamo di "XBB.1.5"?

È stata esclusa l’offerta industriale europea

Mentre i 27 paesi mostrano un accordo sorprendente per lanciare il riarmo dell'Europa, molti osservatori sottolineano il fatto che rivolgersi a produttori stranieri, noti per la loro estrema aggressività in materia commerciale, metterà invece l'Unione in una posizione sottomessa nei confronti degli Stati Uniti. Rafforzare la propria sovranità negli affari di difesa. Per vendere l’Arrow 3 alla Germania, Israele ha dovuto attendere il via libera degli Stati Uniti e, nel contesto attuale, Washington e Gerusalemme avrebbero sicuramente altre priorità oltre al rispetto dei programmi di consegna delle esportazioni. “Come possiamo descrivere lo scudo “europeo” al quale 15 paesi europei, membri dell’Unione Europea e/o della NATO, non aderiscono, almeno secondo l’attuale proposta? Sono state condotte consultazioni preventive in seno alla NATO, in particolare con gli stati nucleari europei? Si chiedeva, lo scorso febbraio, in un articolo di giornale piattaformail generale Jean-Paul Palomeros, ex comandante supremo alleato della NATO, e Denis Verret, ex amministratore delegato di Airbus, dove hanno partecipato “malessere”.

La scelta delle attrezzature è oggetto di ulteriori discussioni poiché l'industria europea della difesa commercializza sistemi simili. Secondo una fonte militare francese, il SAMP/T (soprannominato Mamba) dell'esercito francese, un sistema antimissile franco-italiano sviluppato da Thales e MBDA e schierato in Romania e Ucraina, fornisce “Prestazioni equivalenti a quelle di un Patriot americano.” Alla domanda, MBDA, il principale produttore europeo di missili, ha risposto: “Offre soluzioni di difesa complete e multilivello per la protezione contro l'intera gamma di minacce aeree, dai piccoli veicoli senza pilota ai missili balistici.

Riuscirà l’industria militare europea a tenere il passo con la Russia? “Il vantaggio di Putin è avere munizioni e carne da cannone”.

READ  Contenimento in Austria da lunedì: cosa sappiamo

Deterrenza nucleare francese

L'anno scorso, durante una conferenza sulla difesa aerea europea, Emmanuel Macron accusò lo scudo europeo di Berlino di “Preparati per i problemi di domani. Parigi critica il progetto tedesco di incoraggiare una corsa agli armamenti sul pianeta. Nel 1972, in piena Guerra Fredda, gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica firmarono un trattato per limitare i sistemi difensivi antiaerei, al fine di evitare un’escalation di attacchi offensivi. Sistemi.

In effetti, il timore della Francia è che il missile Arrow 3 possa indebolire l’equilibrio strategico del potere. Secondo la dottrina francese, la deterrenza nucleare è sufficiente per prevenire qualsiasi attacco tramite missili cruise e missili balistici, anche convenzionali, contro il Paese e i suoi interessi vitali. Quest’ultimo, come ha affermato Emmanuel Macron nel 2020, ““A parte l’acquisto di sistemi extra-UE situati in Europa, secondo il pensiero nucleare francese, se la Germania installa uno scudo in Europa, dice al tuo avversario che non ti fidi abbastanza del tuo deterrente nucleare per proteggerti”, ha detto. spiega Heloise Fayt, ricercatrice presso il Centro di studi sulla sicurezza dell'Istituto francese di relazioni internazionali e coordinatrice del programma di deterrenza e proliferazione.

Da parte loro, i tedeschi, che vedono la Russia sviluppare armi strategiche non nucleari e usarle spudoratamente contro i suoi vicini, non capiscono quale sia il problema. “La reazione negativa della Francia al progetto dello scudo è stata considerata una sorta di arroganza. Parigi non ha mai dichiarato espressamente che il suo deterrente nucleare coprirà la Germania in caso di attacco. Nonostante la recente apertura, in Francia si parla poco di questo argomento. Ma la Germania ha cominciato a pensarci a causa delle minacce di Donald Trump riguardo al contributo degli Stati Uniti alla NATO. “È ora di discuterne tra gli alleati.” pensò il ricercatore. Nel frattempo, se i loro consigli nazionali e regionali non esprimessero un’opposizione significativa, gli svizzeri preferirebbero riservarsi il posto sotto lo scudo del cielo tedesco.

L’Europa affronta i tabù della guerra La Libre dedica una serie di articoli alla difesa europea, ponendo la grande domanda: può l’Europa affrontare un attacco russo?