Giugno 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Per Steve Kerr, la finale Warriors-Celtics fa bene allo sport

Steve Kerr e Celtics, è una lunga storia. Una storia lunghissima anche da quando si doveva risalire agli anni ’80, quando il giovane cestista seguiva le gesta di Larry Bird e Magic Johnson… in attacco.

“Sono cresciuto guardando Magic and Bird negli anni ’80. Ero seduto nell’ultima fila all’Inglewood Forum quando Kevin McHale ha assunto la guida di Kurt Rambis e ha cambiato lo show. Penso che fosse il 1984, se non sbaglio . Lui dice. “E poi alcuni dei miei ricordi preferiti sono stati quando ero un giocatore del Boston Garden. Ricordo di aver iniziato una partita all’inizio della mia carriera perché avevamo alcuni giocatori infortunati. Sono arrivato a centrocampo, ‘Facciamo il check-in’ e Larry Bird mi dice: ‘Bene fortuna Steve.'” Ho detto qualcosa del tipo: “Anche tu, Larry”. Mi chiedevo cosa mi stesse succedendo. Era surreale. »

Per Steve Kerr, la magia che circonda questo franchise è ancora lì.

“E’ stato emozionante essere sul pavimento del Boston Garden. C’è un lato mistico nei Celtics, questo è certo. Un franchise incredibile, una storia incredibile. E per me, che sono cresciuto guardando quelle partite ed essendo un fan, è stato fantastico allenarsi contro di loro in finale. . »

“Queste due squadre sono state costruite con pazienza, grazie al draft e allo sviluppo dei giocatori”

Ciò che piace anche a Steve Kerr è la composizione della forza lavoro dei Celtics. Il mazzo è basato su un nucleo di giocatori (Smart, Brown, Tatum) arrivati ​​dal draft e che avanzano insieme.

« Quello che vedo a Boston è una grande squadra difensiva, un super atleta. Una squadra che ha continuità. Hanno corso i playoff anno dopo anno con lo stesso core. Quindi è una squadra che si è fatta strada qui in modo molto naturale. Tradizionalmente, è così che dovrebbero essere le cose nella NBA. Se guardi agli anni, stiamo facendo progressi in squadra grazie al draft, prendi pazientemente i tuoi problemi durante i playoff, sali in alto e arrivi alla finale.

Il nostro team è costruito allo stesso modo. In alcune serie di qualificazioni con i giovani acquisiamo sempre più esperienza e raggiungiamo il successo. Quello che mi piace è che sono due squadre che sono state costruite con pazienza, grazie al draft, allo sviluppo dei giocatori e alla continuità. Penso che vada bene per lo sport. »

READ  GP d'Australie, EL1 : Sainz survole les débats