Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Per me è…

“Per me è…

Scritto da Elsa Gerard Basset | Giornalista web

Patrick Bruel è apparso venerdì sera in prima serata su France 3 ed è senza dubbio uno dei mecenati della canzone francese. Attraverso la sua esperienza, l’artista ha logicamente visto la fioritura di molti talenti, tra cui Nolwyn Leroy. Quest’ultima ha recentemente parlato anche della sua figlia maggiore, di cui si è presa cura molto rapidamente quando è nata.

Patrick Bruel ha oggi 64 anni, ed è in cima alla lista da quasi quarant’anni senza sosta. Una prestazione così rara che solo nomi come Michel Sardou, Johnny Hallyday o Florent Bagny, in misura minore, possono vantarsi di realizzare. È quindi naturale che il cittadino di Tlemcen veda su France 3 un programma a lui dedicato, che raccoglie l’8% della quota di mercato.

Tra gli innumerevoli ospiti venuti ad onorare l’interprete del “Café des délices”, abbiamo visto in particolare Patrick Fiore, che ha raccontato un racconto commovente su… Il dramma familiare che gli cambiò la vita. Era presente anche una persona di nome Nolwenn Leroy, che voleva essere lì a tutti i costi. E per una buona ragione.

Nolwyn Leroy entusiasta di Patrick Bruel

Chiesto prima star della tvla cantante ha voluto sottolineare l’atteggiamento impeccabile di Bruel nei suoi confronti, e questo fin dall’inizio:

Patrick, ho avuto la fortuna di averlo al mio fianco quasi come un padrino da quando ho iniziato, vent’anni fa. È una persona che ha avuto un ruolo importante nel mio percorso anche se non abbiamo mai avuto l’opportunità di scrivere insieme. Era sempre lì, prestando attenzione alla mia musica, a ognuno dei miei album. Pochi artisti lo fanno. Alla mia prima esibizione all’Olympia, vent’anni fa, venne a rassicurarmi e ad augurarmi buona fortuna proprio prima che salissi sul palco quando ero terrorizzata. Per me questo è un grande segno di amicizia e non lo dimenticherò mai.

Patrick, è davvero mio amico. Abbiamo fatto molti spettacoli ed eventi insieme. Di recente siamo stati in Quebec per realizzare un programma nel mondo francofono, ed è stato fantastico e ci siamo divertiti molto. Abbiamo tanti ricordi, è un vero amico. Quando devo prendere decisioni sul mio lavoro, spesso gli mando messaggi o gli chiamo per chiedergli la sua opinione. Dà sempre buoni consigli, è una persona brillante e di buon gusto. Lui, come Laurent Folzi, fa parte di una cerchia molto ristretta di artisti ai quali sono vicino da vent’anni. Ho grande fiducia in lui.

È stata molto commossa nell’interpretare “J’te liamentais” in duetto con Bruel, poiché questa canzone le sta molto a cuore, e Nolwen ha concluso il suo intervento specificando perché ammira così tanto il suo anziano, al di là del rapporto personale che aveva con lui. lui:

Ciò che attira la mia attenzione, a parte le sue canzoni, è il suo rapporto con il pubblico. Patrick, questa è una lezione magistrale. Sapeva essere un artista popolare e impegnato, sapeva fare film ed essere credibile in tutto ciò che faceva. Ha tante qualità e ha un rapporto unico con i suoi tifosi. Non puoi comprarlo, è un legame e una lealtà che hai costruito in molti anni.

Nonostante la sua grande fama e status, Patrick Bruel trova sempre il tempo per sostenere e aiutare i giovani, rendendolo uno degli artisti più apprezzati nel settore. Un comportamento di grande classe, per il quale Nolwyn Leroy sarà eternamente grato. Possiamo capirlo.

READ  Christopher, l'ex maestro di Liegi "Don't forget the lyrics", assunto da un'importante radio belga!