Maggio 27, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Parkinson: perché questa malattia colpisce le persone di età compresa tra i 30 e i 40 anni?

Parkinson: perché questa malattia colpisce le persone di età compresa tra i 30 e i 40 anni?

La malattia di Parkinson è una malattia neurodegenerativa. È caratterizzato dalla distruzione dei neuroni della dopamina. Questi sono neuroni che svolgono un ruolo nel controllo e nel coordinamento dei movimenti. La malattia provoca sintomi motori (bradicinesia, rigidità muscolare e tremore), dolore, disturbi cognitivi e sensoriali e disturbi del sonno.

Si stima che più di 8,5 milioni di persone abbiano sviluppato la malattia di Parkinson nel 2019”. A livello globale, la disabilità e la mortalità dovute al morbo di Parkinson stanno aumentando più rapidamente di qualsiasi altro disturbo neurologico », confermato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. La malattia è generalmente associata agli anziani. Tuttavia, secondo le associazioni, oggi gli under 65 rappresentano il 20% dei pazienti.

Una complessa interazione tra fattori genetici e ambientali

Secondo France ParkinsonA livello nazionale, 270.000 persone hanno la malattia e ogni anno vengono diagnosticati circa 27.000 nuovi casi. Questa malattia è causata dal progressivo deterioramento dei neuroni dopaminergici. Questi svolgono un ruolo nel movimento volontario e nella cognizione. La loro distruzione è il risultato di tre fenomeni. È il progressivo accumulo di aggregati neuronali intracellulari (chiamati “corpi di Lewy”) composti in gran parte dalla proteina α-sinucleina, attività anormale dei mitocondri e infiammazione del tessuto cerebrale.

Quando compaiono i primi sintomi, più della metà dei neuroni dopaminergici è già scomparsa. I sintomi principali sono l’incapacità di muoversi (bradicinesia), rigidità muscolare e tremori a riposo. Questi di solito compaiono su un solo lato del corpo. La presenza di almeno due di questi sintomi determina la diagnosi. Tuttavia, possono comparire anche altri segni non motori come estrema stanchezza, disturbi del sonno o persino disturbi gastrointestinali e urinari.

Leggi anche: Una sostanza chimica ampiamente utilizzata accusata di aumentare il rischio di malattia di Parkinson

L’età è un fattore di rischio per la malattia, con gli uomini colpiti più delle donne. Ma ora sembra che i giovani ne siano sempre più colpiti. La causa esatta di questa malattia rimane indeterminata. Tuttavia, gli esperti concordano sul fatto che sia causato da una complessa interazione tra genetica e fattori ambientali come pesticidi, solventi e inquinamento atmosferico, a cui siamo esposti per tutta la vita.

READ  Qual è l'importanza della salute mentale negli atleti senior?

« I pesticidi negli alimenti e nei prodotti confezionati contribuiranno in modo significativo all’aumento di nuovi casi di morbo di Parkinson, soprattutto tra i giovani perché vi sono stati esposti sin dalla nascita. Mary Fouzati sottolinea. È la direttrice scientifica della France Parkinson’s Association, durante un’intervista con Europe 1.

I pesticidi sono collegati a un aumento del rischio di malattia di Parkinson

La malattia di Parkinson è una combinazione di cause genetiche e ambientali.
Crediti: Shutterstock / Nefedova Tanya

Pertanto, negli ultimi anni, i casi di malattia di Parkinson nelle persone sotto i 60 anni sono diventati più frequenti. Essendo consapevoli della situazione e liberati da questa condizione preesistente legata all’età, gli operatori sanitari sono in grado di rilevare meglio queste condizioni.

La maggior parte dei casi di malattia di Parkinson rimane sporadica, ma il 15% dei pazienti ha una storia familiare. La ricerca ha identificato diversi geni potenzialmente coinvolti nella malattia. Secondo l’InsermUna ventina di geni sono associati a forme monogeniche della malattia. Inoltre, sono state identificate quasi un centinaio di varianti che aumentano il rischio di svilupparlo. Alcuni di questi geni svolgono un ruolo nel metabolismo dell’alfa-sinucleina. Altri hanno un effetto nel controllo della qualità mitocondriale, nel trasporto delle proteine, nell’immunità, ecc.

Leggi anche: I primi segni del morbo di Parkinson influenzeranno la voce

Allo stesso tempo, l’esposizione a pesticidi oa determinati metalli è un noto fattore di rischio. Uno studio di coorte ha incluso più di 38.000 agricoltori che usano pesticidi. Abbiamo pubblicato i risultati nel 2020 in revisione ricerca ambientale. Ciò ha dimostrato che alcune di queste sostanze chimiche sono associate a un aumentato rischio di malattia di Parkinson. Diversi altri studi sono giunti alla stessa conclusione.

READ  Attraversando la scuola La Mennais: quasi 2.200 studenti corrono per la propria salute

Poche settimane fa, il tribunale amministrativo di Rennes ha riconosciuto ufficialmente il morbo di Parkinson di un ex giardiniere della città di Redon. come malattia professionale. Il 76enne ha trascorso 23 anni a contatto con prodotti fitosanitari. I primi sintomi della malattia sono comparsi nel 2008. Questo nesso di causalità, ormai accertato e riconosciuto, da allora è ancora più allarmante. Agenzia nazionale per la sicurezza sanitaria L’ANSES ha appena rilevato la presenza di pesticidi e dei loro metaboliti in un terzo dell’acqua potabile analizzata.

Nuovi trattamenti portano speranza

La malattia di Parkinson è ormai incurabile. I trattamenti farmacologici (levodopa e carbidopa), accompagnati dalla riabilitazione fisica, possono ridurre i sintomi e migliorare la qualità della vita dei pazienti. In alcuni casi, può essere presa in considerazione la stimolazione cerebrale profonda (tramite l’impianto di elettrodi).

La levodopa, assunta per via orale, ha lo scopo di sostituire la carenza di dopamina. Passa nel sangue e poi nei tessuti cerebrali dove viene convertito in dopamina. Tuttavia, a causa dell’ampio metabolismo periferico della levodopa, solo una piccola porzione della dose somministrata raggiunge il sistema nervoso centrale. Questo è il motivo per cui la carbidopa viene prescritta in parallelo. È un inibitore della dopadecarbossilasi, che riduce la conversione periferica della levodopa in dopamina. Quindi una quantità maggiore è disponibile per il cervello.

Leggi anche: Malattia di Parkinson: l’intelligenza artificiale permette di scoprire nuovi segni della malattia

Sfortunatamente, questi farmaci hanno molti effetti collaterali indesiderati. Si possono sperimentare nausea, movimenti involontari anormali (discinesia) e disturbi comportamentali con alcune forme di dipendenza (gioco d’azzardo, shopping compulsivo, ipersessualità, ecc.).

La ricerca ha aperto strade promettenti per le terapie geniche e cellulari. Nel caso della terapia genica, comporta l’aumento della produzione di dopamina fornendo geni che codificano per gli enzimi responsabili della sua sintesi o proteggendo il funzionamento dei restanti neuroni dopaminergici. La terapia cellulare consiste nel sostituire i neuroni perduti riprogrammando le cellule iPS.

READ  La meta-analisi indica effetti di intensità “da bassa a moderata”.