Aprile 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Parigi – Nizza: Mathieu Jorgenson resiste a Remco Evenepoel e vince l'82esima edizione, e il belga vince l'ottava tappa

Parigi – Nizza: Mathieu Jorgenson resiste a Remco Evenepoel e vince l'82esima edizione, e il belga vince l'ottava tappa

Alla Promenade des Anglais, un terzo americano ha vinto domenica la Parigi-Nizza, dopo Bobby Goelich (2005) e Floyd Landis (2006). Quell'uomo avrebbe potuto essere Brandon McNulty (UAE), tornato in giallo da venerdì a La Colle-sur-Loup. Ma alla fine è stato Mathieu Jorgenson (Visma-Lease a Bike), suo amico fin dagli inizi e secondo prima dell'ultima giornata, a conquistare la vittoria finale volando alla Côte de Belle con Remco Evenepoel (Soudal). -Quick Step), trionfante a Nizza in questa splendida ottava ed ultima tappa.

McNulty aveva già mostrato segni di cedimento il giorno prima, perdendo 19 pollici al migliore sulla Madone d'Utelle. La sua posizione era quindi a soli quattro secondi da Jorgenson, un giornale considerando le montagne russe che erano in mostra domenica nell'hinterland di Nizza. Dopo una scrematura guidata da Mattias Skjelmose della Lidl-Trek, il gruppo maglia gialla sulla Côte de Peille, penultima delle cinque salite di giornata, si è disintegrato sotto i colpi di Remco Evenepoel.

La terza è quella buona: Evenball attacca e libera McNulty

Evenball le dynamite

Il terzo attacco del campione belga è stato quello giusto, a 43 km dal traguardo. Solo Jorghenson ha potuto accompagnarlo. McNulty una volta resistette solo per pochi secondi. Nella fretta, Alexander Vlasov ha fatto il salto poco prima della vetta per raggiungere la coppia di testa, lasciando McNulty solo nelle sue difficoltà. Come previsto, un piccolo gruppo che includeva Skillmoz e Roglic raccolse l'americano. Ma il divario si allarga irrimediabilmente nel lungo falsopiano in discesa che porta a La Turbie. Entrando nelle ultime 30 miglia, il divario era di oltre un minuto. Era comprensibile allora che McNulty perdesse la maglia gialla.

READ  Il ritorno del Paris Saint-Germain contro il Barcellona solleva la divisione: "Sospetto"
immagine

Evenepoel: “Ho commesso qualche errore in settimana ma sono contento del secondo posto”

Vincendo la gara intermedia sul Col d'Eze, Jorgenson si è ripreso 2 pollici di generosità da Evenepoel che immaginavamo fosse prezioso. Ma alla fine l'americano non è stato attaccato dal belga sulla salita finale, cosa che gli ha dato un'opportunità. “. Sul Col des Quatre Chemins (3,6 km all'8,8% e al 16% di sorpasso), l'ex campione del mondo si è accontentato di applicare un ritmo costante che ha avuto l'unico effetto di tenere a bada Vlasov, finendo terzo sulla tappa a 50” e quinto assoluto.No Dubitava di essersi già arreso alla vittoria finale, visti i 34 pollici che ha dovuto togliere a Jorgenson per rovesciarlo.

Due americani sul podio finale

E così i due uomini raggiunsero insieme la Promenade des Anglais senza guardarsi negli occhi né guardare la mandria. In termini di forma, Evenepoel ha regalato quella che sembrava una gara per ottenere la 54esima vittoria in carriera, la prima in terra francese, mentre Jorgenson, a pochi metri di distanza, si stava già godendo la vittoria nella classifica finale, la più bella della sua carriera. Il 24enne dopo due vittorie al Tour of Oman lo scorso anno (di tappa e generale). Arrivato con 1'39″ di ritardo, alla ruota Skjelmose, McNulty si è salvato sul podio finale (3° posto a 1'47″). Dove troviamo due americani. Primi nella corsa al sole.

immagine

Al teatro Evenpoel, al generale Jorgenson: ricorda l'arrivo dei cavalieri a Nizza