Marzo 2, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Parigi: 39 membri del movimento di estrema destra arrestati dalla polizia

Parigi: 39 membri del movimento di estrema destra arrestati dalla polizia

Trentanove membri dell'estrema destra, tra cui una ventina di membri del partito S, sono stati arrestati e messi in custodia di polizia sabato a Parigi, nel contesto della crescente minaccia rappresentata da questo movimento.

L'Agence France-Presse ha appreso da una fonte vicina al caso e alla Procura che queste persone sono sotto interrogatorio con l'accusa di “partecipazione ad un gruppo con l'obiettivo di commettere danni”.

Sono stati arrestati dagli agenti di polizia Brav-M intorno alle 16 all'uscita del cimitero di Sharon, nel 20° arrondissement della capitale, dove avevano appena reso omaggio allo scrittore di estrema destra Robert Brasillach, condannato a morte e sparato. Nel modificare il lavoro di collaborazione, ho identificato queste fonti.

Tra loro ci sono personaggi noti del movimento di estrema destra, tra cui l'ex leader del piccolo gruppo “Zouaves”, il defunto Marc de Caquere-Valmenier, o Gabriel Loustau, il personaggio di Jude.

La fonte vicina al caso ha affermato che almeno due di loro erano dotati di stampelle, che potrebbero essere considerate armi a seconda della destinazione.

La stessa fonte ha affermato che ad alcuni di loro è stato impedito di recarsi a Parigi.

Ha sottolineato che questi attivisti sono stati visti prima del loro arresto vicino ad una manifestazione sindacale anti-estrema destra che si stava svolgendo nella capitale, Piazza della Repubblica.

Marc de Cacqueray-Valmenier, 24 anni, è stato condannato e incarcerato negli ultimi anni.

Attualmente è accusato e posto sotto controllo giudiziario nel caso dell'attacco agli attivisti di SOS Racisme durante un incontro di Eric Zemmour, capo del movimento di estrema destra Reclaim Movement, nel dicembre 2021.

READ  La guerra in Ucraina: esplosioni sul ponte di Crimea? Almeno due morti e il traffico è stato interrotto

Il “ritorno” della violenza

Si è vantato sul suo account Instagram di essere andato a combattere nell’autunno del 2020 nel Nagorno-Karabakh insieme agli armeni cristiani contro gli azeri musulmani.

Nel novembre 2023, 13 persone, tra cui sette appartenenti agli S-files di estrema destra, sono già state arrestate a Parigi a causa dei segni di svastica sul terreno nel 18° arrondissement della capitale.

Due di loro sono stati accusati di essersi scusati pubblicamente per un crimine o una violazione, mentre altri sei sono stati accusati di essersi rifiutati di consegnare il codice del proprio cellulare alle autorità giudiziarie.

Negli ultimi mesi il governo ha sciolto diversi piccoli gruppi di estrema destra.

L'ultima, l'associazione di estrema destra La Citadelle di Lille, alla quale è stato vietato di organizzare una serata dal titolo “Lasciateli tornare in Africa” ​​nel febbraio 2023, è stata sciolta mercoledì dal Consiglio dei ministri.

A dicembre, un altro piccolo gruppo, La Division Martell, è stato sciolto dopo una manifestazione di tipo campagna punitiva a Romans-sur-Isère (Drome), in risposta alla morte del giovane Thomas a Crepol.

L’ex direttore generale della Sicurezza interna (DGSI), Nicola Lerner, che ora è a capo della DGSI, ha messo in guardia lo scorso luglio dal “ritorno profondamente preoccupante” della violenza da parte dell’estrema destra a partire dalla primavera del 2023, in un’intervista al quotidiano Le Monde.

Secondo le autorità, dal 2017 sono stati sventati 10 attacchi pianificati ispirati dal movimento di estrema destra.