Marzo 2, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una decisione gradita, ma troppo tardi per la destra, e una “rottura storica” per la sinistra

Una decisione gradita, ma troppo tardi per la destra, e una “rottura storica” per la sinistra
Eric Ciotti ha osservato che LR ha già presentato domanda “Una proposta di disegno di legge costituzionale” In questo senso, un anno fa.
Ludovic Marin/AFP

Gérald Darmanin ha annunciato domenica l'abolizione della legge fondiaria nell'arcipelago, cosa che è stata accolta con favore dalla Sinistra e dal Fronte Nazionale, ma fortemente criticata dalle file della sinistra.

Il potere esecutivo è alla ricerca di una via d'uscita dalla crisi di sicurezza che paralizza l'isola di Mayotte, dove da dieci giorni si intensificano gli assedi cittadini contro le deviazioni e la presenza di immigrati provenienti dalle Comore e dal continente africano. Appena sceso dall'aereo, sull'asfalto, domenica, Gérald Darmanin ha annunciato la fine della registrazione dei diritti fondiari nel dipartimento. “In un emendamento costituzionale scelto dal presidente della Repubblica”. “Non sarebbe possibile diventare francese se non fossi figlio di genitori francesi.”ha riassunto il ministro dell'Interno che lo vuole “tagliare la gravità” Dall'arcipelago.

È una misura reclamata da diversi anni dalla destra e dai nazionalisti, che hanno accolto con favore la decisione, anche se ritenuta tardiva, del padrone di casa di Bufao. “Finalmente! Sull'isola, il 50% della popolazione è straniera. La nostra proposta di legge costituzionale lo prevede per un periodo di un anno.”Reagisce il presidente repubblicano Eric Ciotti. Anche il deputato di LR per l'arcipelago, Mansour Kamaruddin, ha espresso il suo desiderio di farlo “Mayotte resta Mayotte, una regione francese abitata da francesi”. “Ancora una volta, avremmo potuto risparmiare tempo se il Senato avesse ascoltato questo.”“, ha criticato il leader dei senatori della LR, Bruno Ritello, mentre la proposta figurava nel testo sull'immigrazione messo a punto dal Senato. “Dico bravo perché finalmente ho realizzato qualcosa di ovvio che avrebbe dovuto essere sul tavolo ormai da quasi dieci anni.”Da parte sua, la capolista della lista Reconqueté alle elezioni europee, Marion Marechal, si è presa gioco del microfono della BFM.

READ  Il presidente indonesiano invita Putin a partecipare al vertice del G20, Washington rifiuta di agire "come se niente fosse"

Un prezioso supporto su cui l’esecutivo può contare durante il processo di revisione costituzionale, che dovrebbe includere: “Nel calendario 2024”. Questo approccio richiede l’ottenimento del via libera da parte dell’Assemblea Nazionale, dove il campo presidenziale ha solo una maggioranza relativa, e poi del Senato, che è dominato dalla destra e dal centro. Prima che il progetto venga finalmente sottoposto a un referendum o al Congresso – una riunione di entrambe le camere del Parlamento –, che richiede il voto favorevole di tre quinti dei parlamentari. Una procedura complessa che richiede quindi il rafforzamento delle sedi di destra e nazionaliste.

Tuttavia, alcuni vogliono approfittarne per andare avanti abolendo i diritti fondiari in tutta la Francia. Perché non tutti i francesi meritano ciò che meritano i mahoriani? Il diritto fondiario deve essere abolito su tutto il territorio nazionale.Il presidente della riconquista Eric Zemmour ha chiesto. La proposta è apparsa anche nei programmi presidenziali di Marine Le Pen, come ha riferito la deputata del Fronte Nazionale Laure Lavallette. “Non aspettiamo che tutti gli altri dipartimenti assomiglino a una zona di guerra.”Ha insistito sul portavoce del partito.

“Rottura storica”

Una richiesta reiterata che irrita la sinistra che denunciamo con una sola voce per primi “rinculo” adottate dal ministro dell'Interno. “Avendo infranto il tabù della preferenza nazionale, Macroni attacca il concetto stesso di nazionalità. E osano ancora presentarsi nello sbarramento?Ha sconvolto la leader del partito Insoumi alle elezioni europee, Manon Aubry. Il capo dei deputati del Partito socialista, Boris Valaud, ha annunciato che il suo gruppo si opporrà alla revisione. “I diritti del suolo non sono negoziabili, sono già stati adattati a Mayotte e non è stato dimostrato che ciò abbia cambiato nulla.Il socialista giustificò ricordando che l'arcipelago era già soggetto “Un sistema legale (…) è più duro.”. Prima di deridere: “Il governo sa dov’è la sua maggioranza, anche se a volte gli costa soddisfare la verità”.

Stessa storia per la capolista della Green List alle europee, Marie Toussaint, che è rimasta schiacciata “I nostri valori sono stati demoliti da un presidente che è in vantaggio rispetto all’estrema destra”.. “La fine dei diritti fondiari a Mayotte non risolverà le difficoltà della regione, ma danneggerà la nostra repubblica”.Mi sono lamentato. Da parte sua, il suo collega ambientalista Benjamin Lucas ha accusato il capo dello Stato di esistere “Acceleratore della lebbra”Attivando a “Pausa storica” Con il resto del territorio nazionale.

READ  Insurrezione armata del gruppo Wagner: un film d'azione di 24 ore