Giugno 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Oscar Pistorius potrebbe presto uscire di prigione | altri sport

Oscar Pistorius potrebbe presto uscire di prigione |  altri sport

Poco prima di San Valentino, dieci anni fa, tutto è cambiato quando ha ucciso la sua ragazza. A metà della sua pena detentiva, l’ex campione paralimpico Oscar Pistorius sarà presto rilasciato sulla parola.

Un comitato si riunirà venerdì a Pretoria per decidere se rilasciare l’ex re del calcio, ora 36enne, a cui sono state amputate entrambe le gambe ed è stato condannato per l’omicidio di Reva Steenkamp nel febbraio 2013, ha affermato il ministero, secondo la South Africa’s Justice e servizio correzioni.

La decisione della commissione, composta principalmente da rappresentanti dei servizi penitenziari, della polizia e di civili ordinari, dovrebbe essere presa nei prossimi giorni dopo le deliberazioni. La legge sudafricana prevede che una persona condannata possa, una volta scaduta metà della pena, beneficiare di una modifica della pena.

Oscar Pistorius, condannato in appello a 13 anni e 5 mesi di reclusione nel novembre 2017, è ammissibile dal luglio 2021. Verranno esaminati il ​​suo comportamento in custodia e le sue condizioni fisiche e psichiche oltre al rischio di recidiva.

“Il comitato deve determinare se lo scopo della prigione è stato raggiunto”, ha detto all’AFP Singapakho Nxumalo, portavoce del servizio carcerario.

Il lungo procedimento, iniziato più di un anno fa, prevedeva un incontro lo scorso anno con i genitori della vittima. Poi hanno detto di essere rimasti scioccati dall’idea di liberare l’assassino della figlia.

Epopea giuridica

Nella notte tra il 13 e il 14 febbraio 2013, l’atleta sudafricano si trovava nella sua ultra-sicura residenza di Pretoria insieme alla sua compagna. Soddisfatto che un ladro sia riuscito a entrare, spara attraverso la porta del bagno. Reva Steenkamp, ​​modella di 29 anni, è stata uccisa da quattro colpi di fucile.

READ  Deve lasciare il club belga per mantenere i suoi beni spagnoli!

Reva Steenkamp e Oscar Pistorius, 4 novembre 2012. © Afp

Oscar Pistorius, il sei volte campione paralimpico, era ricco, famoso e molto popolare all’epoca. Un anno prima, è diventato una leggenda quando si è schierato con i normodotati nei 400 metri alle Olimpiadi di Londra, la prima volta per un amputato.

Il “Blade Runner”, soprannominato (il Carbon Synthetic Blade Runner), è stato catturato la mattina presto del 14 febbraio. Egli supplica malinteso.

Con l’accusa di omicidio colposo, è stato condannato nel 2014 a cinque anni di reclusione in primo grado. L’ex star dello stadio piange durante il processo, trasmesso in diretta televisiva.

L’accusa chiede la riabilitazione negli omicidi e un appello. È comparso davanti ai giudici sui suoi moncherini e poi è apparso “rotto”, secondo la difesa.

Il mondo è entusiasta del caso e la saga legale tiene i media con il fiato sospeso: l’ex campione è stato condannato a sei anni di carcere per omicidio nel 2016.

Salvo circostanze eccezionali, la pena minima per omicidio in Sudafrica è di 15 anni. L’accusa ritiene che la giustizia sia stata ancora una volta troppo indulgente ed è di nuovo in appello.

13 anni e 5 mesi

Nel 2017 la Suprema Corte d’Appello ha condannato Oscar Pistorius a 13 anni e 5 mesi di reclusione.

I genitori di Reeva Steenkamp hanno dichiarato alla stampa che la loro figlia “può finalmente riposare in pace”.

Dopo essere stato abbattuto dai suoi sponsor, è devastato e l’idolo dello stadio vende la sua casa per pagare il suo avvocato. È imprigionato in una prigione vicino a Pretoria.

L’avvocato dei genitori, Tanya Quinn, ha detto ad AFP che la madre della vittima, June Steenkamp, ​​parteciperà all’udienza venerdì.

READ  Un pilota è rimasto ferito ed è tornato a casa dopo che il suo veicolo è esploso

Il padre, Barry Steenkamp, ​​non potrà andarci per motivi di salute ma la coppia presenterà per iscritto le proprie argomentazioni. «Allora la legge farà il suo corso», ha spiegato l’avvocato, senza fornire ulteriori dettagli sullo stato d’animo di Steenkamp.

Se la libertà condizionale viene negata, il detenuto può richiedere una revisione della sua domanda.