Maggio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il danno gli è costato caro, si è “girato e attaccato alla macchina…”

Il danno gli è costato caro, si è “girato e attaccato alla macchina…”

La scorsa estate, Yves Lehaen stava tornando da un fine settimana al mare quando si è rotto un morsetto del portabici. Fortunatamente, la bici era fissata con cinghie aggiuntive, come spiega HBVL.

“Si è ribaltato e ha preso l’auto. Poi è rotolato sulla strada per un po’, causando ingenti danni”, spiega Yves. “Fortunatamente, siamo riusciti a fermarci abbastanza rapidamente.”


di video

Quindi Eve lega la sua bici a una corda e torna a casa. Il giorno dopo va nel suo garage Volkswagen dove ha comprato il portabiciclette un anno fa.

Conservali e controllali. “Non l’avevano mai visto prima”, dice Yves, la cui moto è stata riparata per 385 euro.Per un po’, il belga non ha avuto notizie dalla Volskwagen, dopo aver insistito più volte per avere un portabici sostitutivo.

Lo scorso settembre, Yves Lehaen ha ricevuto una telefonata da Volskwagen che gli offriva di tenere il prodotto, ma non era d’accordo. “Non ho accettato”, risponde seccamente Yves. “Il portabici Thule è più pratico. Mi sento come se fossi stato imbrogliato.”

Allora Yves insiste e precisa che ha diritto a riparare o sostituire il suo portabici perché è in garanzia. Diversi mesi dopo, il belga vinse la causa. D’Ieteren contatta quindi Thule e viene consegnato un nuovo prodotto per quattro mesi. Il portabiciclette non si è rotto ma ha avuto un difetto di produzione.

READ  Formula 1 | Peres ridiscuterà "internamente" la strategia "sleale"