Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Opoidi: e se il colesterolo diventasse avvincente?

Le persone che soffrono di forti dolori causati da ictus, traumi o cancro sanno che nel tempo gli antidolorifici da prescrizione più efficaci perdono la loro efficacia. Il neuroscienziato Dr. Kirill Martimyanov e il suo team dell’UF Scripps hanno cercato di capire meglio come si è sviluppata questa dipendenza, inclusa la prescrizione di dosi sempre più elevate.

Lo studio rivela il ruolo chiave del gene PTCHD1, che è coinvolto nella modulazione del contenuto di colesterolo nella membrana cellulare. In altre parole, la ricerca solleva la possibilità che il colesterolo nella membrana cellulare possa influenzare la risposta agli oppioidi e forse anche ad altri farmaci.

Il colesterolo nella membrana cellulare può influenzare la risposta agli oppiacei

Recettori dei farmaci: Centinaia di recettori agiscono come siti di legame per farmaci e molecole biologiche sulla superficie cellulare. Pertanto, come i “recettori”, i recettori mu-oppioidi catturano specificamente la morfina o le molecole correlate. ‘Al ricevimento’ attiva i sistemi cellulari che contribuiscono ad alleviare il dolore, rallentando la respirazione e persino regolando la digestione. Circa un terzo dei farmaci agisce su questi siti recettoriali, chiamati GPCR Recettori della proteina GIl che lo rende di grande interesse per gli scienziati.

Esistono quindi più di 800 recettori di questo tipo e capire come questi geni siano coinvolti nella regolazione del colesterolo e come il colesterolo possa promuovere la tolleranza, può consentire una svolta nello sviluppo di una nuova classe di analgesici meno “avvincenti”.

lo studio: Lavorando sul verme C. elegans e aggiungendo il recettore mu-oppioide dei mammiferi al genoma dei vermi, al fine di rendere i vermi sensibili agli antidolorifici, i ricercatori hanno scoperto che:

READ  La Francia è al quarto posto

  • Il trattamento dei vermi con recettori mio-oppioidi nei mammiferi con fentanil e morfina li paralizza inizialmente;
  • Questo effetto diminuisce con l’esposizione ripetuta;
  • I vermi alla fine sviluppano tolleranza;
  • Utilizzando numerosi tentativi di modificazione genetica per silenziare diversi geni, spicca un singolo gene che codifica per una proteina di membrana, implicata nella tolleranza/dipendenza, il trascritto “mammifero” più vicino è PTCHD1;
  • Dati scientifici indicano che nell’uomo questo gene è coinvolto in condizioni neuropsichiatriche; Inoltre, PTCHD1 appartiene a una famiglia di geni noti per essere coinvolti nella regolazione dell’accumulo di colesterolo nelle membrane cellulari;
  • I topi progettati per mancare di PTCHD1 sono intolleranti dopo l’esposizione ripetuta agli oppioidi, ma mostrano anche pochissimi sintomi di astinenza dopo l’interruzione del trattamento.

Che ruolo gioca il colesterolo nella tolleranza/dipendenza dagli oppiacei? I ricercatori hanno dimostrato che la sovraespressione di PTCHD1 riduce significativamente il contenuto di colesterolo delle membrane cellulari.

L’arricchimento delle membrane cellulari con il colesterolo potrebbe essere una strategia per ridurre la dipendenza da oppiacei?

  • I topi trattati con simvastatina, un farmaco per abbassare il colesterolo comunemente prescritto che aumenta anche la lipoproteina ad alta densità, o HDL, mostrano già una dipendenza ridotta dopo l’esposizione ripetuta agli oppioidi.

Pris ensemble, ces résultats suggèrent donc que le cholestérol affettie les récepteurs cellulari soit en se liant directement à eux, soit en contrôlant indirectement les activités cellulaires en aval, et ce faisiole processdesant, de auxe aux tre auxe Drugs.