Ottobre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tomai, il più antico rappresentante conosciuto dell’umanità, camminava su due piedi sette milioni di anni fa

Toma era bipede? La domanda è stata vorticosa dalla scoperta di un teschio nel 2001 Sette milioni di anni nel Ciad settentrionale. Per il team della spedizione di paleobiologia franco-ciadiana, che lo ha evidenziato, Sahelanthropus tchadensis – Divenne famoso come Toma – poi decollò Ororin di Tojensei milioni di anni, scoperto in Kenya, come il più antico Un noto rappresentante dell’umanità.

La posizione del forame magno nel cranio di Toma, che assume una colonna vertebrale situata sotto il cranio e non dietro di esso come in un tetrapode, lo designa in realtà come capo bipede. Tuttavia, rari specialisti si sono opposti a questa conclusione, sostenendo lo stato incompleto del fossile.

Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri iscritti La turbolenta storia degli osteotomi

studia, Pubblicato mercoledì 24 agosto a temperare la natura, che poggiano su tre ossa appartenenti a un individuo della specie a cui apparteneva Tomai, danno un contributo fondamentale a questa scoperta. Quest’ultimo sembra aver camminato bene con entrambi i piedi sette milioni di anni fa.

“Il teschio ce lo dice Sahelantropo Parte della linea umanaLo ha spiegato martedì il paleoantropologo Frank Jay, uno degli autori dello studio condotto dai ricercatori di Palevoprim – il Laboratorio di evoluzione dell’Università di Poitiers – del CNRS, oltre che da accademici ciadiani. Questo studio lo dimostra “Camminare su due gambe era il suo metodo di movimento preferito, a seconda della situazione”Ha aggiunto durante una conferenza stampa.

Con i piedi, ma non solo

Questo stava camminando su due gambe “Il solito, ma non solo, con un po’ di realismo ad albero”In altre parole, la capacità di muoversi sugli alberi. Un’eredità di un ipotetico antenato comune della linea umana e quella degli scimpanzé.

READ  Tornano le restrizioni per frenare la diffusione del virus in Portogallo, uno dei paesi più fortificati del mondo

Il team lo dimostra attraverso lo studio dettagliato del femore e di due ossa dell’avambraccio, l’ulna. Non sapremo mai se i resti di loro appartengono all’individuo Toma, ma sono stati ritrovati nel luogo in cui sono stati scoperti e appartengono a quello di un ominide, la stirpe umana.

Il peso dell’individuo le cui ossa sono state studiate in questo modo era compreso tra 43 e 50 chilogrammi. Il paesaggio spoglio e desertico che oggi ospita le sue spoglie si mescola ai palmeti e all’umida savana dei suoi tempi. Un quadro che incoraggia la deambulazione e i quadrilateri “alla cautela” nel fogliame.

Leggi anche: Questo articolo è riservato ai nostri iscritti Eve Coppins: “Quando scavi, il passato ti viene in mente in linea d’aria, è indimenticabile”

Gli scienziati della spedizione franco-ciadiana hanno studiato le sue ossa per diversi anni. Hanno identificato ventitré tratti morfologici e funzionali e li hanno confrontati con quelli di altri ominidi, fossili e grandi scimmie esistenti.

La loro conclusione è quella “Tutti questi tratti della personalità sono molto più vicini a ciò che vediamo negli ominidi che in qualsiasi altro primate”.Guillaume Daver, paleoantropologo del team di Palevoprim e primo autore dello studio, ha detto durante la conferenza stampa. Ad esempio, utilizzando un tetrapode, un gorilla o uno scimpanzé, il parente più prossimo dell’uomo, avanza appoggiandosi sul dorso della falange della mano, cosa che non si osserva in Sahelantropo.

Un’immagine completa di Tomei.

Così, lo studio va avanti “Un quadro più completo di Thomas e, in definitiva, dei primi umani”noto paleoantropologo Antoine Balzou, del Museo Nazionale di Storia Naturale, accogliendo il lavoro di “troppo grande”.

Questo studio fornisce ulteriori argomenti per gli evoluzionisti “Denso” Dalla linea umana, a più rami, in contrasto con a “Un’immagine semplificata di esseri umani che riescono a vicenda, con abilità che migliorano nel tempo”La dichiarazione del Sig. Palzio.

READ  Siccità: l'infografica che spiega perché questo luglio è un mese storico

e chi ha fatto Sahelantropo Un essere umano è la sua capacità di adattarsi a un determinato ambiente, secondo i ricercatori Palevoprim, che sottolineano l’importanza di non vedere il camminare su due gambe come un “personaggio magico” Una definizione rigorosa di umanità.

In un articolo che accompagna lo studio, Daniel Lieberman, professore di biologia evolutiva all’Università di Harvard, ritiene che non sia stato ancora presentato. ” soluzione finale “ Alla questione della natura di Tommaso.

Il team di Palevoprim intende riprendere le sue ricerche in Ciad la prossima primavera, Se la sicurezza lo consentedisse il signor Jay. Come sottolinea la paleontologa ciadiana Clarisse Nikolnang del National Center for Research and Development, la differenza nel sito “Prova a cercare siti più vecchi di quello di Tomei”.

Il mondo con AFP