Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Omicron lo ha colpito prima del Belgio, la Danimarca vede i suoi numeri salire di nuovo .. Come lo spieghiamo?

Se i numeri sono diminuiti drasticamente la scorsa settimana, il paese scandinavo sarà nuovamente influenzato dalla variabile. Il regno conta 4954 nuovi casi positivi per milione di abitanti, mentre in Belgio sono 2801. Numeri che la Danimarca non conosce dall’inizio della crisi sanitaria. Come spieghiamo questo? cerca di spiegare.

Più variabili contemporaneamente

A dicembre, a pochi giorni dalle vacanze, il Paese del nord è stato duramente colpito dal coronavirus e dalle sue varianti. Se Omicron inizia ad apparire, allora il Delta era in Danimarca. La nazione ha subito le conseguenze di essere il paese più colpito dell’Unione Europea fino a gennaio.

Questa settimana, l’Istituto danese per la salute (SSI) ha rivelato che, per la prima volta, il Paese ha superato la soglia dei 30.000 in un solo giorno. Numeri incredibili, soprattutto quando si torna indietro di qualche mese. A novembre, la Danimarca ha avuto circa 5.000 nuovi casi al giorno.

Per Emmanuel Andre, microbiologo dell’Università di Lovanio, questi aumenti hanno due spiegazioni: l’inizio dell’anno scolastico e la nuova variante di Bachelor 2. Questa variante è diventata anche la maggioranza nel regno e nessun altro paese europeo ha nuovi casi più positivi di questo sottotipo di Omicron della Danimarca.

In risposta a una domanda dei nostri colleghi di Het Laatste Nieuws, il biostatistico Geert Mullenbergs ha avanzato un’altra ipotesi: la Danimarca testa la sua popolazione molto più spesso. “Anche questo avrà un ruolo, ma i numeri sono quello che sono”.

E la situazione negli ospedali?

Gli esperti lo ripetono: se la variante Omicron è più contagiosa, è meno pericolosa. Questo si traduce in letti d’ospedale occupati. Per Magnus Heuneck, ministro della Salute danese, l’aumento dei casi positivi non si traduce in ricoveri. Anche l’alto sostegno da parte dei danesi per il vaccino gioca un ruolo in questo, poiché un danese su due ha già ricevuto la dose di “richiamo”. Al momento in cui scriviamo, 810 danesi sono stati ricoverati con il virus, di cui 49 in terapia intensiva secondo HLN.

E le misure?

La scorsa settimana la Danimarca ha intensificato le sue misure per combattere questa nuova ondata. Come in Belgio, bar e ristoranti devono chiudere alle 23:00 con un massimo di otto persone per tavolo (contro le sei qui). Sono stati chiusi per alcune settimane e hanno riaperto musei, zoo o parchi a tema. Proprio come cinema, teatri e sale da concerto, che riceveranno un numero limitato di spettatori.

Come da noi, le discoteche sono sempre chiuse.

READ  Guerra in Ucraina il 7 luglio: Putin sfida l'Occidente, il suo esercito bombarda il Donbass