Maggio 21, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Isis attacca una grande prigione in Siria e libera i jihadisti


L’Osservatorio siriano per i diritti umani, che dispone di un’ampia rete di fonti in Siria, non ha immediatamente riportato possibili vittime in questo raro attacco nella città di Hasaka, controllata dai curdi siriani.

Le Forze democratiche siriane (SDF), dominate dai combattenti curdi e che guidano la lotta contro l’Isis, hanno confermato l’attacco alla prigione di Ghweran, uno dei più grandi jihadisti che ospitano i jihadisti in Siria, ma non ha fermato la fuga dei jihadisti.

Secondo l’OSDH, un’autobomba è esplosa all’ingresso della prigione e una seconda esplosione si è verificata nelle vicinanze prima che i jihadisti dell’ISIS attaccassero frontalmente le forze di sicurezza curde a guardia dell’istituto carcerario.

L’organizzazione non governativa ha affermato che “un certo numero di prigionieri è riuscito a fuggire”.

Rami Abdel Rahman, direttore dell’OSDH, ha detto all’AFP che Gharyan è uno dei più grandi centri di detenzione che ospitano combattenti dell’Isis in Siria, un paese in guerra dal 2011.

Le forze democratiche siriane hanno dichiarato in una dichiarazione: “C’è stato un tentativo di fuga da parte dei terroristi dell’Isis (che è l’acronimo arabo di ISIS) che sono stati detenuti nella prigione di al-Hasakah dopo l’esplosione di un’autobomba”. Hanno continuato: “I membri della cellula dormiente dell’ISIS provenivano dai quartieri vicini e si sono scontrati con le forze di sicurezza curde”.

READ  Il folle viaggio di un sessantenne fuggito a piedi da Mariupol con il suo cane: 'Ho detto che avevo un'ulcera allo stomaco'

L’associazione ha affermato che le forze di difesa e di sicurezza hanno inviato rinforzi al carcere e chiuso l’area.