Dicembre 4, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nuova dimostrazione di Van Art a Heusden Zolder, A Day Without Retirement Van der Poel

Dove si fermerà Wout van Aert? Nella sua forma di vita, il campione belga ha fatto un’altra dimostrazione lunedì a Heusden-Zolder, il giorno dopo la sua vittoria a Dendermonde. Questa è la sua quinta vittoria stagionale in molte gare di ciclocross. Senza concorrenza, il corridore Jumbo-Visma ha battuto Tom Bidcock di 1’04”. Eli Iserbyt ha completato il podio. In una brutta giornata Mathieu van der Poel si è ritirato.

Il buon compositore di partenza Van Aart ha approfittato di un piccolo errore di Ton Aerts e Quentin Hermanns al volante per isolarsi per il secondo giro. Allargando il divario tra i suoi corridori ogni volta che tagliava il traguardo, Van Aert non si è mai rabbrividito nonostante la sua piccola collisione al sesto giro. Alle spalle del campione belga, nel terzo turno si è formato un terzetto con Tom Bedcock, Eli Esserbet e Quentin Hermanns. Quest’ultimo è stato il primo a mollare, lasciando il leader della Coppa del Mondo e il britannico a lottare per il secondo posto in gara.

Lontano, Mathieu van der Poel non ha potuto partecipare alla sua gara. Dopo una brutta partenza, il campione del mondo non è mai riuscito a colmare il vuoto nel colpo di testa. Superati i 30 secondi di distacco, l’olandese si è rotto perdendo molto tempo prima di ritirarsi di tre giri. Dopo il secondo posto di domenica a Dendermonde, il ritorno di Van der Poel sul campo arato non è stato dei migliori. Non è il setup perfetto prima del ciclocross di Loenhout questo giovedì, dove incontrerà di nuovo Wout Van Aert.

READ  Formula 1 | Plusieurs pilotes notent un problème de visibilité à bord des F1 2022

“Ho recuperato bene e la partenza è stata perfetta”

L’atleta dell’anno ha detto che sta facendo bene e ha ammesso di essersi ripreso bene dopo la dimostrazione del giorno prima ai Mondiali di Dendermonde. “Alla sera, ammetto di aver sentito gli sforzi fatti durante la giornata perché il percorso era fangoso, ma stamattina ho recuperato bene. Ho avuto una partenza perfetta e ho cercato di fare la differenza in fretta. Veloce e da solo, è stato comunque un tempo, ma ho cercato di tenere il ritmo”, ha spiegato al microfono degli organizzatori il concorrente belga.

L’unica paura del campione belga era quella di scivolare poco dopo la metà. “È difficile rimanere sempre concentrati al 100% e non commettere errori. Sono scivolato giù dalla radice di un albero. È stato una specie di campanello d’allarme. Ho finito la gara senza pensarci troppo, ma concentrandomi molto bene. Il resto il programma sarà impegnativo, io do ancora tanto ieri oggi, ma ogni volta che inizio un pass me lo guadagno, è sempre stato così e non cambierà”.

Le prossime partite saranno i round della X2O Cup a Loenhout il 30 dicembre, poi Baal il 1 gennaio e Herentals, a casa sua, il 5 gennaio con il round della Coppa del Mondo a Hulst il 2 gennaio nei Paesi Bassi.

Wut van Aert, 27 anni, ha confermato di non essere ancora stato fissato per i campionati del mondo del 29 gennaio a Fayetteville, negli Stati Uniti, dopo il suo programma fino al campionato belga del 9 gennaio a Middlekerke. “Temo che ogni giorno verrà posta la stessa domanda, ma la risposta sarà sempre la stessa”, ha concluso.

READ  Tirreno-Adriatico – Remco Evenepoel si rammarica dell'erreur de signalisation: "Il n'y avait presque rien et personne pour nous montrer où nous devions aller"