Marzo 4, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Non penso che sia un pedofilo”: questi investigatori dubitano del coinvolgimento di Fourniret nel caso Estelle Mozin | Fatti vari

“Non penso che sia un pedofilo”: questi investigatori dubitano del coinvolgimento di Fourniret nel caso Estelle Mozin |  Fatti vari

“Non credo che Michel Fournier sia un pedofilo”: venerdì gli ex investigatori hanno espresso i loro dubbi sul coinvolgimento di Gul Arden e della sua ex moglie Monique Olivier nella scomparsa di Estelle Mozan, suscitando indignazione civile tra i partiti che denunciavano il “revisionismo giudiziario” .”

Il primo investigatore venuto a testimoniare, Philippe Gee, ha detto al tribunale penale dell’Hauts-de-Seine, che processa Monique Olivier dal 28 novembre con l’accusa di complicità nel rapimento, detenzione e omicidio della bambina, che aveva ancora “dubbi” sul coinvolgimento della coppia in questo delitto.

Ci assicura che il percorso di Michel Fournier, “un serial killer dal carattere raro e inquietante, il peggiore in Francia da 40 anni”, è stato esplorato e “considerato prioritario” dalla polizia giudiziaria di Versailles. Ma gli investigatori non hanno ottenuto “prove sufficienti” per implicarlo, secondo l’ufficiale di polizia. Uno dei suoi argomenti: quel giorno, il 9 gennaio 2003, nevicava e le condizioni del traffico erano troppo difficili per chi veniva dalle Ardenne.

Chiamata dal Belgio

Inoltre, lui stesso ha impiegato due ore e mezza per fare il viaggio da Versailles a Guermantes venerdì 10 gennaio 2003, quando dovette recarsi in questo villaggio della Senna e Marna dopo che la Procura aveva preso in carico le indagini. Il giorno dopo la scomparsa di Estelle. Philip J. non ha dubbi. Nell’alibi di Michel Fournier, una chiamata dal telefono fisso della sua casa di Sarthe-Kustin in Belgio al figlio maggiore, che proprio quel giorno compiva gli anni. Ma aggiunge che è difficile sapere chi abbia effettivamente fatto la telefonata.

La direttrice dell’inchiesta dell’epoca, Stephanie Duchatel, confermò che gli investigatori erano “costretti a credere” che Michel Fournier avesse fatto quella chiamata “perché Monique Olivier”, interrogata su questa chiamata, “dice ancora di non averla accettata”. .” Makan” il marito: “Non abbiamo elementi per contrastare questa tesi”.

READ  Petrolio: la Russie avertit de «conséquences catastrophiques» pour le marché en cas d'embargo

Michel Fournier è stato accusato di questo caso nel novembre 2019, dopo che Monique Olivier aveva contraddetto l’alibi fornito dal serial killer il giorno della scomparsa di Estelle, al giudice istruttore Sabine Khreis. Ha poi ammesso la responsabilità nel caso davanti a un giudice nel marzo 2020: “Mi rendo conto che c’è un essere che non esiste più a causa mia”, ha dichiarato.

“Non saremmo qui se il Palazzo di Versailles avesse continuato a perseguire questo caso, e voi avessite delle condanne, e tentaste di demolire le indagini”, ha criticato duramente il signor Didier Sepin, avvocato delle parti civili. La signora Kheris aveva preso l’esempio di Fournier dagli investigatori di Versailles nell’indagine su Estelle Mozin e lo aveva consegnato alla gendarmeria del Dipartimento di ricerca di Digione nel 2019.

“Insondabile” ma “credibile”

Di fronte alle tesi difese dai due inquirenti, Mai Siban ha condannato il “controllo giurisdizionale”, dopo scambi tesi con l’ex membro del Sindacato dei giornalisti di Versailles. ha affermato Philip J Che il serial killer preferiva “ragazze adulte, non ragazze in età prepuberale” e che non credeva che “Michel Fournier fosse un pedofilo”. Corinne Herrmann gli ricordò esplicitamente l’età di alcune delle vittime del serial killer, in particolare Elizabeth Brichet, che fu rapita, violentata e uccisa quando aveva 12 anni.

Nel 1967, Michel Fournier fu condannato a Sedan per aver aggredito sessualmente bambine di sette anni. Confessioni di coppia? Per Philip Gee, la coppia ha comunque “la menzogna e la manipolazione nel loro DNA”. La Duchatel aggiunge: “Bugie che non potevamo sfatare finché Monique Olivier non avesse ammesso i fatti”. Tuttavia, martedì sera, Sabine Jerez ha descritto Monique Olivier come “incomprensibile” ma “credibile” nelle sue dichiarazioni, anche se ha confessato solo poco a poco, man mano che le indagini procedevano.

READ  La Russia accusa la Russia di aver spostato nel suo territorio un gran numero di civili ucraini: un modo per rafforzare i suoi dati demografici?

Leggi anche

Monique Olivier chiede perdono alla famiglia di Estelle Mozan: “So di essere una brutalità”

Monique Olivier: “Mi rendo conto di tutti i fatti”