Marzo 2, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Testimonianze di giornalisti a Gaza: Un massacro senza precedenti negli ultimi trent’anni

Testimonianze di giornalisti a Gaza: Un massacro senza precedenti negli ultimi trent’anni

Reporter Senza Frontiere ha inviato diversi dossier alla Corte Penale Internazionale interrogandoli Per crimini di guerra commessi contro giornalisti palestinesi a Gaza, la terza denuncia dal 2018, e contro un giornalista israeliano ucciso e ferito mentre esercitava le sue funzioni. L’organizzazione è stata allertata Da novembre”Eliminare la stampa a Gaza”.

Dei dieci giornalisti uccisi tra il 18 e il 20 novembre, almeno tre sono stati uccisi nell’esercizio oa causa delle loro funzioni. Il 18 novembre è direttore dell’Agenzia di stampa online palestinese Notizie da Gerusalemme, Hassouna Sleem, E fotoreporter freelance Sari Mansur Sono stati martirizzati durante un bombardamento israeliano del campo profughi di Bureij, nel centro della Striscia di Gaza. Secondo le informazioni di Reporter Senza Frontiere, i due giornalisti hanno ricevuto una minaccia di morte via Internet, 24 ore fa, per motivi legati alla loro professione.“, possiamo leggere Sito di Reporter Senza Frontiere.

Per Nasser Abubakar non c’è dubbio che in molti casi i giornalisti siano stati presi di mira in modo specifico. Sono stati bombardati anche gli edifici delle agenzie di stampa occidentali, tra cui Reuters e Agence France-Presse; È stato riferito che 22 stazioni radio locali sono state distrutte.

Quando diciamo che questi attacchi sono sistematici, abbiamo delle testimonianze. Ieri (martedì scorso, redazione) gli occupanti hanno chiamato il mio vice nella Striscia di Gaza e lo hanno minacciato: se resta a casa sua, sarà preso di mira. Prima di prendere di mira la casa di Wael Al Dahdouh, corrispondente di Al Jazeera, e di uccidere la sua famiglia, i soldati hanno chiamato sua figlia… Vorrei aggiungere che lo stesso portavoce dell’esercito israeliano ha detto ai giornalisti della Reuters e dell’Agence France-Presse che non sono responsabili della vita dei giornalisti.

Va notato che diverse inchieste condotte da organizzazioni non governative, nonché da agenzie di stampa (Reuters e Agence France-Presse), sollevano la questione del targeting deliberato di giornalisti da parte dell’esercito israeliano: nel caso della morte del giornalista libanese Issam Abdallah, che stava lavorando il 14 ottobre. In primo luogo, Reuters, una sequenza di due attacchi a 37 secondi di distanza l’uno dall’altro dimostra che erano stati presi di mira, hanno confermato gli esperti intervistati da AFP Airwars. Anche i giornalisti erano chiaramente identificabili.

READ  Parents de quatre enfants, ils décèdent dans un terribile accident de la route

Il giornalista 37enne è stato ucciso mentre lavorava con sei giornalisti vicino al confine con Israele. Due colleghi della Reuters, due giornalisti di Al Jazeera e due dell’Agence France-Presse, tra cui la fotografa Christina Assi (28 anni), sono rimasti gravemente feriti e lei è ancora in ospedale dopo che le è stata amputata la gamba destra.

Un’indagine della Reuters ha anche concluso che era coinvolto il fuoco di un carro armato israeliano.

Altre due indagini condotte separatamente dalle organizzazioni per i diritti umani Human Rights Watch e Amnesty International, che l’AFP ha potuto esaminare prima della pubblicazione, indicano che “Attacchi israeliani“.

Condannato Human Rights Watch“Attacco apparentemente deliberato contro i civili.” da “Dovrebbero o potrebbero essere processati per crimini di guerra“.

PerdonatemiSi è trattato probabilmente di un attacco diretto contro i civili e dovrebbe essere indagato come crimine di guerra“.

In risposta ad una domanda dell’Agence France-Presse sui risultati dell’indagine congiunta con Airwars, l’esercito israeliano non ha risposto.