Marzo 1, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Putin è stato sottovalutato”: come la controffensiva si è rivolta contro l’Ucraina e l’Occidente | Guerra in Ucraina

“Putin è stato sottovalutato”: come la controffensiva si è rivolta contro l’Ucraina e l’Occidente |  Guerra in Ucraina

“Questo sarà un anno di vittoria”, si vantava il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj all’inizio di quest’anno, nel primo anniversario dell’invasione russa. Dopo diversi mesi la situazione è diventata completamente diversa. Un’indagine del quotidiano americano The Washington Post rivela come gli errori di calcolo e i continui disaccordi tra Kiev e i suoi alleati occidentali su strategia, tattica e tempistica abbiano portato il contrattacco a raggiungere lo status quo.

Il Washington Post, che ha parlato con più di 30 alti funzionari provenienti da Ucraina, America ed Europa, rivela nuovi dettagli sullo stato di avanzamento del contrattacco ucraino. All’inizio di quest’anno, otto importanti esercitazioni militari si sono svolte presso una base aerea statunitense a Wiesbaden, in Germania, vicino a Francoforte. L’obiettivo era utilizzare le simulazioni per sviluppare un piano di attacco e determinare quale assistenza sarebbe stata necessaria dall’Occidente.

Lo scenario più ottimistico

Ad ogni scenario viene assegnato un punteggio: dalla resa della Russia (“estremamente improbabile”) alla sconfitta dell’Ucraina che consente un contrattacco russo (anche questo improbabile). Secondo lo scenario più ottimistico, l’Ucraina potrebbe raggiungere il Mar d’Azov entro 60-90 giorni e tagliare completamente il ponte terrestre tra Russia e Crimea. Ma l’Ucraina non è riuscita a trasformare il suo esercito così velocemente come previsto.

L’Ucraina e gli Stati Uniti avevano opinioni diverse su strategia, tattica e tempistica. Il Pentagono voleva che il contrattacco iniziasse a metà aprile in modo che Mosca non avesse la possibilità di rafforzare le sue linee. L’intelligence americana ha indicato durante l’inverno che le difese russe erano estremamente deboli e in gran parte senza personale, e che il morale delle truppe era basso dopo le perdite a Kharkiv e Kherson. Da parte sua, l’Ucraina ha confermato di non essere pronta e di non avere ancora armi, addestramento e supporto aereo.

READ  "Quoicoubeh", "T'as les cramptés": da dove vengono queste espressioni dei nostri adolescenti (che fanno impazzire i genitori)?

Putin è stato sottovalutato?

Anche gli Stati Uniti volevano che l’attacco avvenisse ad un certo punto, verso Melitopol (allora Mar d’Azov), mentre l’Ucraina voleva mantenere la pressione su tutto il fronte e scelse tre punti di attacco oltre al punto di attacco. Gli americani si diressero verso Berdyansk e ad est verso Bakhmut.

Secondo fonti del Washington Post, “l’Ucraina e l’Occidente sottovalutano completamente Putin”. Più precisamente, la capacità della Russia di rialzarsi dopo pesanti sconfitte sul campo di battaglia e di sfruttare continuamente le sue risorse: i suoi grandi numeri, in particolare, e la sua capacità di sacrificare vite umane su una scala che pochi altri paesi sono disposti a concordare A. .

L’inizio della controffensiva è stato più volte ritardato dall’Ucraina, che ha lamentato ritardi nella consegna delle attrezzature militari promesse dall’Occidente. Kiev, che a volte considerava inappropriata l’ultima opzione, temeva perdite catastrofiche. Il punto di partenza delle simulazioni prevedeva una battaglia difficile e sanguinosa, con la perdita fino al 30-40% dei soldati e dell’equipaggiamento, secondo i funzionari statunitensi.

Nel paese in cui

Nel frattempo, la Russia preparava le sue difese, costruendo chilometri di barricate, trincee e altri ostacoli sul fronte in previsione dell’avanzata ucraina. Di conseguenza, l’intelligence statunitense dava solo il 50% di possibilità di un contrattacco entro la tarda primavera.

Il contrattacco è stato finalmente lanciato all’inizio di giugno. Solo che con l’avvicinarsi dell’inverno la parte anteriore si muoveva a malapena. Pertanto è dubbio che l’Ucraina sia ancora in grado di vincere la guerra. Soprattutto perché il sostegno militare occidentale sembra diminuire e l’attenzione internazionale è ora focalizzata sul Medio Oriente.

READ  Un artista ed ex ministro è stato condannato al carcere per aver criticato l'attacco all'Ucraina mondo

Il presidente Zelenskyj. © Immagini Notizie