Febbraio 26, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nella finale femminile del Roland Garros vinta da Iga Switek, ha mantenuto tutte le sue promesse: “Ho sentito la pressione in più”

Nella finale femminile del Roland Garros vinta da Iga Switek, ha mantenuto tutte le sue promesse: “Ho sentito la pressione in più”

Gente, non parleremo degli appassionati di tennis, che hanno i biglietti per la finale femminile e che non hanno fatto un viaggio a Porte d’Auteuil possono pentirsene. L’apoteosi di Two Weeks in Paris tra Iga Swatek e Karolina Muchova rappresenta semplicemente un appello monumentale al tennis femminile con due giocatrici che, per poco più di due ore e quarantacinque minuti, hanno dato vita a uno scontro impressionante (6-2, 5-7, 6-4). Uno scenario inaspettato, soprattutto quando sai che il polacco a un certo punto era in vantaggio sul set a zero e tre game a zero nel secondo set.

“Mi sentivo molto fiducioso nel mio gioco nel secondo set, ma sapevo anche che c’era solo un break e che dovevo rimanere concentrato e pronto a tutto, soprattutto contro Carolina, che era già reduce da una situazione fantastica in questo torneo .” (Nota del redattore: Match point salvato in semifinale contro il Sabalenka.) Mi sentivo come se l’avessi lasciata entrare un po’ nel gioco, cosa che non avrei dovuto, ma è una grande giocatrice e ho colto al volo l’occasione. Nel terzo gruppo non volevo avere rimpianti rispetto al secondo gruppo. Ho guardato avanti e ho pensato tra me e me: Darò tutto me stesso. Nessuna riflessione, nessuna analisi. Fai il mio gioco, segui il mio istinto.

Questo ha permesso alla polacca di vincere il terzo titolo in quattro anni al Roland Garros ma anche di essere la prima giocatrice a confermare il proprio titolo a Parigi dai tempi di Justine Henin (tripletta tra il 2005 e il 2007). “L’anno scorso ho ricevuto la rassicurazione che il mio primo titolo del 2020 non è arrivato per caso. Quest’anno è stato un po’ più difficile, soprattutto dopo il mio infortunio a Roma. Tornando a questo torneo da campione in carica, mi sento come se fosse un po’ diverso; davvero ho dovuto affrontarlo. Sono davvero contento di avercela fatta con l’aiuto del mio psichiatra, perché le ultime tre settimane non sono state facili. Ho sentito più pressione “.

READ  L'Ashton United, il club inglese di settima divisione, offre un prestito di 28 giorni a Erling Haaland

E la numero 1 del mondo, tutta la corte ha riso quando ha tolto il coperchio della sua tazza: “Pensavo di afferrare la palpebra con le dita ma l’emozione, credo, l’ha causata”.