Luglio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nathan Ngoy, Roche allenato all’Anderlecht: “Mi ricorda un po’ il giovane Cheikhou Kouyate”

Nathan Ngoy, Roche allenato all’Anderlecht: “Mi ricorda un po’ il giovane Cheikhou Kouyate”

“La partita finale del torneo U8 è stata tra Bruxelles e Anderlecht. Ho notato due giocatori di Bruxelles: Nathan Njoy e Kazim Olegbe (Nota del redattore: attaccante del Cercle Brugge)Oltre a una guardia. Ero con Etienne, il nostro osservatore, che indossava una giacca dell’Adidas, senza il logo dell’Anderlecht, mentre la mia giacca aveva il timbro dell’Anderlecht. Ha chiesto a Etienne di avvicinarsi al padre di Nathan e chiedergli il suo numero di telefono.

I ricordi di Mark van Ransbeek sono ancora molto chiari. Era responsabile della formazione RSCA per gruppi fino a 10 anni di età e voleva attirare il giovane Nathan, che allora si trovava a Bruxelles. Ma padre Sebastian non è molto entusiasta di questa idea. “Bruxelles ha vinto tutte le partite delle giovanili. Abbiamo vinto questa finale 7-1lui ricorda. Molti club hanno seguito Nathan: Club Brugge, Standard, Indeed e Anderlecht. Ma era bravo a Molenbeek.

Nathan Njoy, originario di Molenbeek, ha iniziato a giocare a calcio per strada con gli amici. Avrebbe potuto firmare il suo primo disco ad Ath se non fosse stato per i viaggi. “Siamo andati a trovare mio fratello il cui figlio stava giocando ad Aath“, spiega Sebastian Ngoy. Nathan mi ha chiesto di registrare anche io, ma era impossibile perché viviamo a Bruxelles. “Sono andato a Molenbeek e a dicembre Nathan ha sostenuto il test e l’ha superato.”

Nawras

Era energico e tecnico. Una volta presa la palla, è riuscito a intrufolarsi.

Nathan firmò così il suo primo fidanzamento con Bruxelles. Ha spiegato nel programma Talk ospitato dal canale YouTube Standard: ““Ricordo le prime partite, piangevo perché eravamo sconfitti”.Lui ride.

“Non voleva tornare in campo. Diceva che gli avversari erano troppo forti”.Aggiunge suo padre.

Questo sarebbe durato solo per un po’, dato che Nathan Njoy allora era un giocatore offensivo – “Il mio modello era Cristiano Ronaldo”. – Diventa un elemento da seguire. Quindi l’Anderlecht è sempre più vicino. All’inizio senza successo, poi con un certo successo.

READ  Tre nomi per gestire infortuni e partenze?

Le preoccupazioni finanziarie di Bruxelles, che presto sarà dichiarata fallita, saranno infatti un sostegno necessario per la Nazionale viola. Njoy e Olegbe fanno un breve cammino per raggiungere Nerbede. Quando ha iniziato, è stato messo al centro con Violet. “Era energico, artistico e bravo nelle situazioni uno contro unoVan Ransbeek spiega. Una volta presa la palla, è riuscito a intrufolarsi. Mi ha ricordato un po’ il giovane Cheikhou Kouyate”.

Nathan Ngoy era il capitano dell’Anderlecht nelle giovanili. ©

Oleg Iachtchouck decide di spostarlo dal centrocampo alla difesa

Ci vuole tempo perché Ngoy si integri, ed è timido per natura, ma i primi anni vanno bene, fatta eccezione per la categoria U11. “È stato retrocesso nella seconda squadra e non abbiamo capito bene il motivo., ricorda Sebastian Ngoy. Questo momento non è stato facile da vivere per il giovane Nathan, ma un anno dopo è tornato.E spaccare la casaIl padre sorride.

Lui è trincerato nel mezzo, diventando un leader, ma il cambiamento modificherà la prospettiva e il percorso del dodicenne. Oleg Iachuk, allenatore dell’Under 13, decide di spostare Ngoy da centrocampo a difensore centrale. “A quel tempo giocavamo con una difesa a tre e sentivo che Nathan aveva la velocità e la capacità di inserirsi nella partita.“, spiega l’ex attaccante dell’Anderlecht.

Nathan Njoy sui suoi progressi allo Standard: “Tuttavia non ho ancora fatto nulla”

Ha giocato le sue prime partite in questa nuova posizione durante un torneo internazionaleSebastian Ngoy scivola, Ha fatto una così buona impressione che i dirigenti del club che si sono congratulati con lui non potevano crederci quando hanno saputo che era la sua prima partita in questo nuovo incarico.

Iachuk spiega con i sentimenti le ragioni della sua scelta. ““Sentivo che fosse migliore in quella posizione per lui e per la squadra”. Nella squadra in quel momento Zino Debast passò dalla difesa al centrocampo”.“Per un passaggio facile.”La piccola squadra del Move viene incoronata campione cinque giorni prima della fine del torneo.

Nawras

Nathan era libero di andare e partì per la notte.

Nathan Njoy si oppone a Noah Dudini. ©

Il giovane difensore si fa avanti e sente il padre riempire bene il suo posto, ora con Zino Debast a comporre la difesa; Si trova bene nell’ambiente dell’Anderlecht. Ma un infortunio, una frattura al piede, fermerà il progresso e getterà dubbi. “Avevamo l’impressione che ci fosse meno interesse per Nathan.ripete Sebastiano. Nel corso di un torneo internazionale Kevin De Bruyne si è visto togliere la fascia di capitano, in favore di Romeo Lavia, salito di categoria e che in questo momento è la pepita.

READ  "Ho adorato questa macchina, ho pianto tutto il giorno"

“Nathan non voleva lasciare l’Anderlecht, ma ho dovuto parlargli per spiegargli i miei sentimenti. C’erano meno contatti con lo staff tecnico., precisa il padre. Anche le discussioni contrattuali sono un problema con il club di Bruxelles e lo Standard ha iniziato a chiedere informazioni tramite Thierry Vergans, il coordinatore dei giovani della Roche, che conosceva Nathan all’Anderlecht.

Allo Standard non crediamo molto all’ipotesi del giovane libero. Tuttavia… “Nathan era libero di andare ed è partito per la notte.”, scivola Sebastian Ngoy, il quale conferma che suo figlio non aveva alcun risentimento nei confronti del suo ex club. Quando Jan Kindermans, capo dell’allenatore dell’Anderlecht, è stato interrogato sulla sua riluttanza a tornare su questo episodio, si è consultato con il club di Bruxelles.

Perché lo Standard non ha ancora dominato: ‘Dovevamo prima stabilizzare questa squadra’

Per quanto riguarda Oleg Iachuk, che continua a seguire da lontano la crescita del suo ex giocatore, ““La parte più difficile deve ancora venire per Nathan, perché bisogna saper restare ad alto livello”.. Questa domenica, a Slesin, incontrerà con gioia Zeno Debast. “ZDB, amicoRoche sorrise alla conversazione. In campo non ha amici, gioca per l’avversario, è un po’ viola.

Anche Njoy era un po’ viola. È molto importante per le rouches, e dopo un mese con suo figlio che è stato abbinato professionalmente allo Standard contro l’Anderlecht, la sua famiglia (l’Exclusion Suite di Ameen Al-Dakhil), questo sarà il titolo. La sensazione sarà necessariamente speciale, ma l’idea sarà unica: battere l’Anderlecht.

Ebolo e Palikwesha, gli altri Rosh, si allenarono con Violet

Nathan Ngoy non è l’unico Roche ad allenarsi part-time all’Anderlecht. Mathieu Epolo, il terzo portiere, ha continuato la sua formazione nella capitale fino all’età di 14 anni, prima di approdare al Liegi nell’estate del 2019. Portiere popolare, è stato nominato miglior portiere del torneo Overmars prima di partire per le rive della Mosa. .

READ  Lo standard porta cinque giovani, tre dei quali hanno 16 anni, al campo invernale di Marbella

William Palicuesha ha giocato anche per l’Anderlecht, dal suo debutto nel calcio senior all’età di cinque anni fino al 2014. All’età di 15 anni, è entrato nella Standard Academy, insieme a suo fratello Michel Ange, che ha due anni meno di lui. All’Anderlecht, Balikwesha ha giocato soprattutto con Albert Sambi Lukunga e Alexis Saelmakers.

Raskin, l’outsider, ma anche Fellaini e Batshuayi

Altri giocatori, in passato, hanno ottenuto un trasferimento diretto dall’Anderlecht allo Standard, tra le giovanili, come Nicola Raskin (2017) o Amin Dakhil (2016). Infine, ci sono giocatori che si sono allenati all’Anderlecht, ma hanno completato fasi di transizione prima di terminare la formazione allo Standard, come Marouane Fellaini e Michy Batshuayi.

Fellaini è stato testato all’Anderlecht quando aveva sette anni. Rimase lì per tre anni prima che la famiglia si trasferisse nell’Hainaut. Marwan è poi passato per Mons, Frank-Borens e Charleroi prima di arrivare a Standard.

Batshuayi ha trascorso solo una stagione all’Anderlecht (2006-2007). Sullo sfondo del licenziamento per motivi disciplinari, è tornato a Bruxelles per poi approdare allo Standard, dove Domenic D’Onofrio ha fatto molto per evitare un altro licenziamento.