Maggio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Miliardi di cicale invaderanno gli Stati Uniti

Miliardi di cicale invaderanno gli Stati Uniti

Miliardi di cicale, rumorose e pronte ad accoppiarsi, si preparano a invadere le foreste e le periferie suburbane americane.

Nelle prossime settimane due specifici gruppi di cicale si divertiranno contemporaneamente. Si tratta di un fenomeno che non si verificava dal 1803, quando ancora era presidente Thomas Jefferson e gli Stati Uniti acquistarono lo stato della Louisiana dalla Francia.

La famiglia delle cicale comprende più di 3.000 specie di insetti in tutto il mondo. La maggior parte di loro trascorre la vita sottoterra, sotto forma di larve. Emergono da adulti per fare la muta e riprodursi.

Alcune compaiono ogni anno, mentre altre, chiamate cicale “periodiche”, compaiono ogni 13 o 17 anni.

Il fenomeno quest'anno comprende due gruppi di cicale: il diciannovesimo gruppo, che appare ogni 13 anni, e ha già cominciato ad apparire nella Carolina del Nord e del Sud (sud-est). Sarà seguito dal 13° gruppo nel Midwest, che appare ogni 17 anni. Nell'Illinois centrale (settentrionale), entrambi si possono trovare nello stesso posto.

“Quando emergono, lo fanno in gran numero, il che suscita l'interesse di genitori e figli”, afferma l'entomologo Gene Kritsky, della Mount Saint Joseph University, che ha sviluppato un'app in modo che tutti possano raccogliere dati su queste creature dagli occhi rossi.

Un fenomeno che ricordiamo e le cui storie tramandiamo di generazione in generazione. Proprio come, ad esempio, guardare un'eclissi.

“Questo è ciò che fa la scienza: si fanno ipotesi che portano a previsioni, e le previsioni vengono verificate, (…) hanno valore, in un momento in cui alcune persone cercano di screditare la scienza”, dice Gene Kritsky.

– Meraviglia scientifica –

READ  Bonus Covid, Ségur de la santé ... Gli stipendi ospedalieri sono aumentati del 6% nel 2020

Senza molta difesa, le cicale “periodiche” dipendono dal loro numero per la sopravvivenza della specie: grazie alle orde che aumentano contemporaneamente, uccelli, volpi, procioni, tartarughe e altri predatori si saziano rapidamente, spiega all'AFP . John Lyell, professore di biologia alla George Washington University.

In uno studio recentemente pubblicato sulla rivista Science, John Lyell e i suoi colleghi hanno dimostrato che un gruppo di cicale apparso a Washington nel 2021 ha portato ad un aumento del numero di bruchi, trascurati dagli uccelli, che si sono concentrati sulle cicale.

Il risultato: un aumento del consumo di giovani germogli di quercia.

Altre ricerche mostrano che gli anni in cui le querce producono il maggior numero di ghiande arrivano sempre due anni dopo la comparsa delle cicale. Più ghiande ci sono e più mammiferi se ne nutrono, maggiore è il rischio di contrarre la malattia di Lyme negli esseri umani.

Il fenomeno “dimostra che esistono potenziali impatti ecologici a lungo termine che si riverberano per anni dopo la comparsa delle cicale”, aggiunge Leal.

-Impatti umani-

Poi c'è il suono unico e forte delle cicale maschi che si accoppiano.

“Abbiamo ricevuto diverse chiamate riguardanti un suono simile a una sirena, un ululato o un ruggito”, ha detto su Facebook questa settimana l'ufficio di polizia di Newberry nella Carolina del Sud (sud-est).

Secondo Chris Simon, ricercatore dell'Università del Connecticut, il cambiamento climatico sta sconvolgendo gli orologi interni delle cicale.

Con il riscaldamento globale negli Stati Uniti, l’allungamento della stagione di crescita delle piante fornisce più cibo e accelera la crescita delle cicale. “Mi aspetto che sempre più cicale di 17 anni si trasformeranno in cicale di 13 anni, e alla fine questa caratteristica verrà assimilata geneticamente”, ha detto.

READ  Gilak. Dipingono e remano per ripristinare la salute e il morale

Non è chiaro cosa ciò significhi per la specie a lungo termine. Allo stesso modo, dice Leal, per vedere quale impatto – positivo o negativo – lo spostamento della terra a partire dall’epoca coloniale ha avuto sulle cicale.

Da un lato, molte specie storiche sono scomparse a causa della deforestazione, ma quelle che rimangono prosperano negli ambienti suburbani che forniscono le condizioni ideali alle femmine per deporre le uova.

ia/md/la-eml/ube/bpe