Maggio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sindrome di Parigi, mito o realtà?

Sindrome di Parigi, mito o realtà?

pubblicato


Durata del video: 3 minuti

Salute: sindrome di Parigi, mito o realtà?
Salute: sindrome di Parigi, mito o realtà?
(Informazioni sulla Francia)

Così diffusa sui social network, questa malattia, spesso associata alla popolazione asiatica, che rifletterebbe lo scontro tra l’ideale creato dai turisti e la realtà della capitale, sarebbe infatti infondata.

I turisti giapponesi erano così delusi dal loro viaggio a Parigi che caddero seriamente in depressione. Questo è un principio Sindrome di Parigi. Un disturbo di cui si parla molto sui social e sui media. Sindrome di Parigi, disillusione in una capitale francese lontana dalla Parigi che immaginavamo. Gli stessi parigini ne hanno sentito parlare: “Quando abbiamo un'immagine di Parigi, non è esattamente come quella nei film.”. Allora cosa dice la scienza? In effetti, tutto iniziò con un uomo, uno psichiatra giapponese assegnato al St. Anne's Hospital negli anni '80, Hiroaki Ota. Ha pubblicato prima un libro su questo tema, poi uno studio. Tra i suoi pazienti giapponesi di passaggio nella capitale, lo psichiatra nota attacchi d'ansia, perfino disturbi comportamentali e atteggiamenti deliranti.

Leggenda metropolitana

Oltre a questa delusione, i turisti soffriranno anche per la differenza culturale con la Francia. Ma il dottor Ota offre un chiarimento: i pazienti con questa sindrome hanno spesso una storia psichiatrica, come la schizofrenia. Nell'istituto dove esercitava, la sindrome di cui soffriva era ben nota e fortemente sospettata. Inoltre, l’ambasciata giapponese che abbiamo contattato non riconosce l’esistenza di questa sindrome specifica di Parigi. Pertanto, la Sindrome di Parigi è ampiamente presente sui social network e nei media, ma la sua esistenza non è mai stata dimostrata. Una leggenda metropolitana che persiste da 40 anni.

READ  Intelligenza artificiale in sanità: verso una rivoluzione? - Innovazione