Dicembre 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Mediapart Censura: per la prima volta un giudice vieta ai media online di pubblicare un articolo

La giustizia ha vietato a Mediapart di pubblicare nuove informazioni sul sindaco di Saint-Etienne Gael Perdrieux dopo che in precedenza aveva denunciato la presunta estorsione di un video intimo, Investigative Media ha annunciato sul suo sito web lunedìdenunciaControllo senza precedentiQuesto ordine emesso dal tribunale di Parigi è stato emesso d’urgenza venerdì 18 novembre, su richiesta del signor Berdriau, secondo Mediapart.

È una decisione senza precedenti nella memoria di avvocati e giornalistiLo ha detto il direttore di Mediapart Publishing, Edwi Plenel, a France Press. Secondo lui, deriva da “Una procedura davvero eccezionale“chi non l’ha fatto”senza precedenti nel campo del giornalismo“.

Mediapart non è stata informata di tale azione e la questione è stata assunta dal giudice senza che il nostro giornale potesse difendere il suo operato ei suoi diritti.deplora il signor Plenell in un post pubblicato lunedì da Mediapart.Lei ci sollecita“non pubblicare”Una nuova rivelazione sulle pratiche politiche del sindaco di Saint-Etienne, basata in particolare sulle stesse registrazioni che hanno permesso di svelare lo scandalo delle estorsioni di cui è stato vittima il suo primo deputato del centrodestra, Gilles Artigis.“, prosegue Plenell. Secondo il testo dell’ordinanza, Mediapart dovrà pagare”Inserito 10.000 euro per estratto“.

…tutti i possibili rimedi legali per porre rapidamente fine a questa censura

Secondo Mediapart, il signor Birdriau ha protestato:Un’invasione della privacyPer chiedere ai tribunali di non pubblicare questo articolo. Il giornalista che ha condotto l’inchiesta gli aveva chiesto in precedenza la sua posizione sui “fatti nuovi” di cui doveva parlare l’articolo.

READ  La giornalista Ovsiannikova, che ha sfidato in diretta la guerra in Ucraina, è fuggita dalla Russia e agli arresti domiciliari

Secondo Mr. Plenell, questi fatti “Mettere in discussione le pratiche del sindaco di Saint-Étienne, in particolare il suo uso delle voci come strumento politico“.”Questa volta, la loro vittima è una figura di spicco della destra, Laurent Wakis, capo della LR della regione Auvergne-Rhône-Alpes.Aggiunge.

I nostri avvocati stanno implementando tutti i possibili rimedi legali per porre rapidamente fine a questa svista.“, conferma il signor Plenel, analogamente a un’altra decisione del tribunale presa dal tribunale commerciale di Nanterre all’inizio di ottobre.

È stato citato in giudizio dal gruppo Altice per aver pubblicato articoli basati su documenti rubati da hacker e al sito di informazioni Reflets è stato vietato di pubblicarne altri. L’udienza d’appello si svolgerà mercoledì a Versailles.