Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Mazu ha un sapore ma non fiammeggia: “Sono troppo vecchio per ballare”

“Vieni a Matzo, canta con noi.” Alcuni tifosi dell’Anderlecht hanno provato il colpo, ma l’allenatore dell’Anderlecht ha salutato con un gesto saggio con un grande sorriso. Non ha cantato né ballato, come era solito fare in un altro parco di Bruxelles la scorsa stagione.

Non sei propenso a ballare come un sindacato?

“No. Mi sono preso un altro anno e sono diventato troppo vecchio per ballare (sorride).”

L’accoglienza del pubblico deve averti reso felice però.

“Sì, ovviamente. Mi sono rincuorato. Ma so che i tifosi dell’Anderlecht sono esigenti e dovremo continuare a vincere”.

A volte hai avuto paura di perdere quella prima vittoria?

“Sull’1-0 non sarai mai del tutto calmo. Non so se dovresti attaccare per un secondo o difendere. Ma alla fine non abbiamo concesso nulla e Hendrik (van Kromberg) non ce l’ha fatta molto da fare. Sono felice della maestria. ” .

Tuttavia, non tutto andava bene.

“No, a dire il vero. Contro una massa ridotta con questo caldo non abbiamo sempre fatto le scelte giuste. Abbiamo cercato molto di giocare dentro, dimenticando le fasce. Ho visto anche sprechi tecnici insoliti per alcuni giocatori. Ma è stato solo il prima partita”.

Il primo match che a Silva è piaciuto molto.

“Sì, ha segnato un gol da prima classe. Proprio come ha fatto Sebastiano (Esposito) la scorsa settimana contro il Lione. E c’è ancora Mario (Stroykens) che ha pazienza, Benito (Raman). Ho tanti profili diversi, e tocca a me di fare le scelte giuste.””.

Ho scelto di avviare Trebel e ha dato l’impressione che non fosse mai stato licenziato.

“Non voglio legare la sua prestazione a quello che gli è successo prima qui. Porta esperienza in un settore. È bello quando ci sono tanti giovani”.

READ  OHL riporta Saint-Gilloise sulla Terra