Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Marce per denunciare “l'indifferenza” della comunità internazionale

Marce per denunciare “l'indifferenza” della comunità internazionale

Nella Repubblica Democratica del Congo, lunedì 12 febbraio sono scoppiate nuove manifestazioni a Kinshasa contro i rappresentanti diplomatici occidentali e la Missione di Stabilizzazione dell'Organizzazione delle Nazioni Unite nella Repubblica Democratica del Congo. I manifestanti esprimono la loro frustrazione per quella che vedono come indifferenza internazionale nei confronti dell'est della Repubblica Democratica del Congo, dove si combattono l'esercito e il Movimento 23 Marzo. La polizia ha utilizzato gas lacrimogeni per fermare e disperdere i manifestanti.

Pubblicato su:

3 minuti

Decine di manifestanti si sono radunati davanti alla sede della Missione di Stabilizzazione dell'Organizzazione delle Nazioni Unite nella Repubblica Democratica del Congo. Alcuni sono arrivati ​​in moto, altri a piedi, sventolando la bandiera congolese. Tuttavia, non sono riusciti a raggiungere le strutture della missione delle Nazioni Unite a causa del dispiegamento della polizia. Per esprimere il loro disappunto, hanno raccolto insieme dei pneumatici, gli hanno dato fuoco e li hanno disposti in cerchio, cantando davanti alla polizia.

Bruno è arrabbiato: Lasciate andare la MONUSCO, non ci serve. Non abbiamo bisogno nemmeno dei francesi, degli inglesi o degli americani. La guerra continua nell'est del nostro paese. Eppure sono venuti qui per sostenerci. Dall’inizio di questa guerra non abbiamo visto nulla del loro coinvolgimento. Vogliamo che se ne vadano. »

Intanto un altro gruppo si dirige verso l'ambasciata francese. Anche Timothy è arrabbiato: “ Per noi, popolo congolese, è un giorno di lutto. È una rivolta popolare contro tutte le multinazionali. Abbiamo capito che la guerra non è contro il Ruanda, ma contro quegli occidentali che ci combattono per rubarci le nostre ricchezze. Abbiamo capito. Questa è la ragione di questa rivolta popolare. »

READ  Norman su YouTube è in custodia della polizia per stupro e oscenità

La situazione diventa tesa. La polizia ha cercato di prevenire ogni violazione e ha sparato gas lacrimogeni per ristabilire l'ordine.

Stress e critiche

La tensione era già evidente la scorsa settimana, con crescenti richieste di manifestazioni. Alcuni noti pastori evangelici hanno addirittura incitato pubblicamente le persone a radunarsi davanti alle ambasciate occidentali, arrivando addirittura a chiederne l'espulsione dal Paese.

Questi messaggi si sono diffusi ampiamente sui social media e la polizia ha affermato di aver trovato pubblicazioni anonime in alcuni luoghi della città.

Hanno avuto luogo le marce Una svolta più aggressiva, sabato 10 febbraio, Atti di sabotaggio contro veicoli appartenenti ad alcune ambasciate.

Nell’opposizione si levano voci che criticano l’efficacia di queste misure. Alcuni oppositori puntano il dito contro le responsabilità sovrane delle autorità congolesi. Da parte loro, alcuni diplomatici occidentali hanno espresso la loro confusione sulla logica di queste manifestazioni, mentre crescono le condanne contro il Movimento 23 Marzo e i suoi sostenitori nella regione dei Grandi Laghi.

Christophe Lutondola, vice primo ministro degli Affari esteri, ha chiesto domenica un incontro urgente con il capo della missione di stabilizzazione dell'Organizzazione delle Nazioni Unite nella Repubblica democratica del Congo e gli ambasciatori degli Stati Uniti, dell'Unione europea e del Regno Unito esprimere il rammarico del suo governo dopo queste violenze e garantire loro sicurezza e protezione.

In questo stesso incontro, il capo della diplomazia congolese ha sottolineato la necessità che tutti “ Fare una diagnosi onesta, per curare il male che viene da fuori del territorio congolese. »

Leggi ancheProvincia del Nord Kivu nella Repubblica Democratica del Congo: continuano i combattimenti tra l'esercito e il movimento M23

READ  Un'eredità indiscutibile dell'antisemitismo: perché la partecipazione dell'Assemblea nazionale alla "Marcia civica" solleva interrogativi