Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L'Egitto sta cercando di fare pressione su Israele affinché eviti di lanciare un attacco militare contro la città di Rafah

L'Egitto sta cercando di fare pressione su Israele affinché eviti di lanciare un attacco militare contro la città di Rafah

Al confine con la Striscia di Gaza, le autorità egiziane hanno inviato veicoli blindati, carri armati e soldati come rinforzo nella zona cuscinetto lunga 5 chilometri, esistente dall’inizio della guerra tra Israele e Hamas nell’ottobre scorso. 2023. Un alto muro di cemento dotato di filo spinato e torri ora separa Osservazione: scende per più di 6 metri sottoterra nel deserto del Sinai nella Striscia palestinese.

La minaccia del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu di lanciare un attacco a Rafah, ultimo rifugio per oltre 1,4 milioni di sfollati palestinesi, ha spaventato le autorità del Cairo. Il loro spazio di manovra è limitato di fronte alla volontà israeliana. Non possono far altro che protestare e chiedere il sostegno di Washington, per evitare un attacco devastante, che potrebbe spingere centinaia di migliaia di abitanti di Gaza a tentare la fuga nel Sinai.

“Non siamo contrari ai piani [d’Israël] Attaccare le quattro brigate di Hamas a Rafah, ma le nostre linee rosse sono chiare: non deve esserci alcun massacro e questo non significa il flusso di sfollati verso il Sinai. È quindi necessario evacuare i civili [vers le nord de la bande de Gaza], Ma non vediamo davvero come ciò sia possibile.”Commenta una fonte diplomatica egiziana. L’esercito israeliano ha ridotto la Striscia in macerie e gli aiuti umanitari hanno cominciato ad affluire.

Leggi anche | Il materiale è riservato ai nostri abbonati Guerra a Gaza: In Egitto, gli abitanti di Gaza sono “intrappolati tra la guerra e uno Stato che non li vuole”.

I rapporti tra Il Cairo e Tel Aviv sono tesi dall'inizio della guerra a Gaza. Su suggerimento dei funzionari israeliani, l’amministrazione americana ha cercato di persuadere l’Egitto ad accogliere due milioni di abitanti di Gaza per scatenare Israele nella distruzione di Hamas. Il presidente egiziano Abdel Fattah El-Sisi si è opposto, citando lo spettro della seconda Nakba (“La Catastrofe” in arabo) – 700.000 palestinesi furono sfollati dopo la fondazione dello Stato di Israele nel 1948 e da allora sono stati condannati all’esilio.

READ  Una campagna su larga scala per combattere la criminalità infantile in Francia e 80 persone sono state arrestate

Avvertenze

Sisi ha anche sollevato il rischio che il Sinai possa diventare una piattaforma per i membri di Hamas infiltrati per attaccare Israele, mentre l’Egitto sta già combattendo lì un’insurrezione jihadista. Le tensioni sono aumentate di nuovo a gennaio, quando Israele ha dichiarato di voler controllare la Philadelphia Road, una zona smilitarizzata tra l'Egitto e la Striscia di Gaza, sulla base del fatto che Il Cairo avrebbe permesso ad Hamas di gestirvi tunnel per il contrabbando. Lo ha denunciato l’Egitto ” Dice il falso “ Ha messo in guardia Israele dall’intraprendere qualsiasi azione che possa violare gli accordi di Camp David firmati nel 1978.

Hai il 60% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.