Febbraio 2, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

lupi | Il parassita può dettare la scelta del capogruppo

(Parigi) I lupi infettati da un parassita comune hanno maggiori probabilità di affermarsi come leader del loro branco, secondo uno studio che suggerisce che un intruso, che colonizza il cervello, spinge il suo ospite a correre dei rischi.


Toxoplasma gondii, un parassita unicellulare, si riproduce solo in gatti e gatti, ma può infettare qualsiasi animale a sangue caldo.

Si stima che tra il 30 e il 50% delle persone sia infettato dal parassita, che vi rimane per tutta la vita sotto forma di tessuto dormiente. Il sistema immunitario di una persona di solito impedisce la comparsa di qualsiasi sintomo.

Gli studi hanno dimostrato una relazione tra la sua presenza nel cervello umano e l’aumento del comportamento rischioso e aggressivo. Altri hanno contestato l’esistenza di tale collegamento.

Lo studio è stato pubblicato giovedì sulla rivista scientifica Biologia della comunicazione Basato su 26 anni di osservazione di lupi grigi nel Parco Nazionale di Yellowstone, USA.

I ricercatori dello Yellowstone Wolf Project hanno analizzato campioni di sangue di 230 lupi e 62 puma. Quest’ultimo è noto per diffondere il parassita nelle sue interazioni con i lupi.

rischio aumentato

La loro ricerca ha stabilito che un lupo infetto aveva una probabilità undici volte maggiore di lasciarlo infetto rispetto a un lupo non infetto, il che è caratteristico della sua maggiore propensione a correre rischi.

E un lupo ferito ha 46 volte più probabilità di diventare il capobranco, secondo lo studio, che rileva che il ruolo spetta tipicamente alla persona più aggressiva e avventurosa.

Questi tre risultati forniscono “rara prova di infezione parassitaria che colpisce il comportamento nei mammiferi selvatici”, secondo lo studio.

READ  Il gruppo sanitario CHC-Montlégia è vittima di un tentativo di attacco informatico: alcuni sistemi sono # bloccati

“Essere più coraggiosi non è una cosa negativa in sé e per sé, ma può accorciare la vita degli animali perché le loro decisioni possono spesso metterli in pericolo”, ha affermato Kira Cassidy, coautrice dello studio.

Un altro studio pubblicato lo scorso anno ha concluso che il comportamento più aggressivo causato dai parassiti nelle giovani iene in Kenya li rende più propensi ad avvicinarsi e mordere i leoni.

Lo stesso scenario si applicherebbe a un roditore infettato dal parassita: perdono tutta la paura istintiva del loro primo predatore, il gatto, che è l’ospite preferito del Toxoplasma gondii.

Effetto toxoplasma

Pur lodando i risultati dello studio sui lupi, William Sullivan, professore di farmacologia e tossicologia all’Università dell’Indiana, avverte che non dimostrano una relazione causale.

“Un coyote con una natura rischiosa potrebbe essere più incline ad avventurarsi nel territorio dei puma, contraendo lì la toxoplasmosi” (che è causata dal parassita in questione), osserva un professore che ha studiato il parassita per più di 25 anni.

Aggiunge: “Se i risultati sono corretti, indicherebbero che stiamo sottovalutando l’impatto del Toxoplasma sugli ecosistemi”.

Negli esseri umani, il parassita colpisce principalmente le persone immunocompromesse e causa la toxoplasmosi, una malattia che può danneggiare il cervello e gli occhi. L’infezione generalmente si verifica succhiando carne molto cruda, oppure attraverso le cure prestate al proprio gatto, in particolare ripulendo la lettiera.

Ajay Vyas, un parassitologo della Nanyang University di Singapore, sospetta che tali infezioni negli esseri umani possano portare a comportamenti rischiosi. Sottolinea che “il comportamento umano è molto diverso dal comportamento di altri animali”.