Giugno 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Lukaku è decisivo, Mignan è solido: note dopo l’Inter

Lukaku è decisivo, Mignan è solido: note dopo l’Inter

Calhanoglu 7,5 molto prezioso. La sua protezione della palla, i suoi cambi di ritmo, il suo dribbling, il suo movimento e la sua precisione nella bassa stagione hanno spinto l’Inter. È il nerazzurro che ha toccato di più il pallone (68 tocchi).

Dzeko 7 Ha fatto il lavoro alla grande. Molto utile come punto di fissaggio e per la costruzione. Sempre ben piazzato, come nella sua deviazione di testa che ammonisce Mignan (39). Anche in difesa ha funzionato bene. Ha ricevuto una standing ovation.

Grazie all’aiuto di Lukaku, l’Inter ha vinto il derby contro il Milan e ha raggiunto la finale di Champions League

Luca 6.5 decisivo in sette minuti. Entrato a 66 anni per subentrare a Dzeko, che era in partenza – con il suo lavoro di protezione – e assistito dal gol da gol di Lautaro.

Megan 6 Mani molto forti. Come nel suo stop davanti a Barella (14esimo), anche se era in fuorigioco. O come il colpo di testa di Dzeko (39′) o il servizio di Lukaku (90+1). Tuttavia, non ha chiuso abbastanza l’angolo sul gol di Martinez.

Hernández 5 Inoltre avrebbe dovuto essere molto meglio. Un colpo all’inizio della partita, ma poco contributo offensivo dopo. Ha tirato i muscoli in diversi duelli importanti, e basta.

Leone 5 Ci aspettavamo molto da lui al rientro dall’infortunio. La sua mancanza di ritmo era lampante. Beh, è ​​gestito da Dumfries e Darmian, ma è molto discreto. Ha appena messo in campo una grande occasione alla fine del primo periodo (36).