Settembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Ucraina svela i volti di 10 ‘macellai russi’ sospettati del massacro di Bucha: ‘La giustizia per i criminali di guerra è inevitabile’

E il mese scorso, la città di Bucha è stata testimone delle atrocità commesse dalle forze armate russe. Il filmato mostrava centinaia di corpi sparsi per terra nelle strade del sobborgo di Kiev. Mosca è accusata di essere colpevole di molti atti ripugnanti.

Sono stati trovati corpi con una pallottola in testa, pugni legati e segni di tortura. Sono stati segnalati anche casi di stupro, a volte di bambini. È stata anche scoperta una fossa comune in cui sono stati scaricati molti corpi di civili.

Questo massacro ha suscitato indignazione internazionale.

Da parte sua, il Cremlino ha negato le accuse e ha descritto le foto pubblicate come falsi e falsificazioni. Secondo la Russia, i corpi sono stati eliminati dagli ucraini dopo la partenza delle truppe russe. Ma le immagini satellitari contrastavano con la versione di Mosca.

Premio “Cattivissimo Ten” di Mosca

Giovedì 28 aprile, il Ministero della Difesa ucraino ha pubblicato le foto dei 10 soldati sospettati di aver commesso questa tragedia. Appartengono alla 64a Brigata Fucilieri a Motore, insigniti personalmente il 18 aprile del titolo onorifico da Vladimir Putin “per il loro eroismo, perseveranza e coraggio nelle ostilità in difesa della Patria e degli interessi dello Stato durante i conflitti armati”: “Abili e azioni decisive di tutto il personale durante l’esercito privato”, ha affermato il capo del Cremlino. L’operazione in Ucraina è un modello di dovere militare, coraggio, determinazione e alta professionalità.

L’Ucraina chiama questi soldati “Despicable Ones”: “I 10 teppisti russi della 64a Brigata sono stati identificati e sospettati di essere responsabili del massacro di Bucha. Questa unità è stata premiata per le sue atrocità e successivamente è tornata sul campo di battaglia. La giustizia per la guerra è inevitabile criminali Lo afferma nel bollettino del Ministero della Difesa dell’Ucraina.

Non sono stati forniti dettagli sul metodo utilizzato per identificarli.

READ  «On a passé un checkpoint et ils se sont mis à nous tirer dessus», blessé, l'autre giornalista témoigne