Ottobre 3, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Ucraina afferma di minacciare le forze russe nella regione di Kherson

Domenica, l’Ucraina ha affermato che le forze russe che attraversano il fiume Dnipro nella regione di Kherson, una città meridionale occupata da Mosca, hanno rischiato di rimanere bloccate lì dopo che tutti i ponti esistenti sono stati interrotti. “L’unico modo per attraversare il fiume per gli occupanti è sulle zattere vicino al ponte Antonevsky, ma non saranno in grado di soddisfare pienamente i loro bisogni”, ha detto alla televisione ucraina il vice regionale Sergey Khelan.

Secondo lui, “la Russia sta spostando i suoi posti di comando dalla riva destra del fiume a sinistra, rendendosi conto che in caso di escalation non possono essere evacuati in tempo”.

Ha messo il numero dei soldati russi sulla riva destra del fiume a circa 20.000 e ha specificato che potevano sempre “attraversare a piedi i ponti danneggiati”.

All’inizio dell’invasione dell’Ucraina da Kherson sul fiume Dnipro, le truppe russe occuparono l’unica capitale regionale che erano state finora in grado di occupare.

Sono avanzati di qualche decina di chilometri a ovest, ma i tre ponti (due strade e una ferrovia) che attraversano il fiume nella zona da loro controllata sono stati ripetutamente bombardati nelle ultime settimane.

Il più importante di questi è il ponte Antonevsky, situato alla periferia di Kherson, che è stato bombardato più volte dalla fine di luglio. Un altro è il ponte Nova Kakhovka, 50 chilometri a nord-est, che è stato oggetto di scioperi questa settimana.

“Ieri (venerdì), le nostre forze armate hanno finalmente ed efficacemente bombardato il ponte vicino a Nova Kakhovka. I russi non possono più trasportare attrezzature, munizioni e persino cibo alle loro forze”, ha detto sabato sera Sergoy Khellan.

READ  Guerre en Ucraina: Biden si qualifica Poutine de «boucher», mais revient sur ses propos

Il ministero della Difesa britannico ha confermato sabato nel suo briefing quotidiano che “i due ponti stradali principali che forniscono l’accesso alla sacca di territorio occupato dai russi sulla sponda occidentale del fiume Dnipro sono stati probabilmente rotti”.