Marzo 3, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

In questa città l’uso dello smartphone è vietato ai minori di 13 anni | anormale

In questa città l’uso dello smartphone è vietato ai minori di 13 anni |  anormale

Scala radicale. Nella cittadina irlandese di Greystones, a sud di Dublino, i bambini sotto i 13 anni non possono più avere smartphone a scuola e nemmeno a casa. Le otto scuole della città hanno firmato un accordo con i genitori per vietare completamente i telefoni cellulari per i bambini piccoli. l’obiettivo? Proteggili da contenuti inappropriati pubblicati sul web.

“Se lo fanno tutti, non sembra un caso speciale.” I genitori e le scuole della città irlandese di Greystones hanno deciso di unirsi per affrontare i pericoli di Internet. Insieme hanno firmato un accordo per vietare l’uso dei telefoni cellulari a scuola ea casa per i bambini sotto i 13 anni. Questa iniziativa è stata messa insieme sotto il nome di “Greyston Covenant”. Così i genitori si sono volontariamente impegnati a non fornire telefoni cellulari ai propri figli prima che entrino nella scuola secondaria.

Come spiega Rachel Harper, preside della St Patrick’s School, il progetto è nato dalla crescente ansia tra i bambini durante la pandemia di coronavirus. Desiderosi di proteggere i più piccoli da alcune informazioni inopportune, i genitori e le scuole hanno ideato questa iniziativa. “I loro anni spensierati e la capacità di vivere il momento sono ridotti perché possono facilmente trovare contenuti inappropriati per l’età”, ha detto il manager a France Info mic.


“è la legge”

“Più a lungo riusciamo a mantenere la loro innocenza, meglio è”, spiega in particolare Laura Bourne, madre di un bambino dell’asilo, citando Le Parisien. “Adesso posso dire loro: no, scusate, è la legge! Mia figlia maggiore mi ha chiesto se poteva avere presto un telefono se lavorava sodo, saltava due lezioni e andava al liceo”, aggiunge un’altra mamma intervistata da France Info . “Le ho detto che sarebbero ancora 11, non 13, quindi no, niente smartphone.”

La Carta di Greystones è giunta all’orecchio del ministro della Sanità irlandese, che sta valutando di estendere il progetto a livello nazionale. “L’Irlanda può e dovrebbe essere un leader globale nel garantire che i bambini e i giovani non siano presi di mira e danneggiati dalle loro interazioni con il mondo digitale”, ha scritto Stephen Donnelly in un editoriale per The Irish Times.

Leggi anche

“Numeri spaventosi”: uno studio di allerta sul consumo massiccio e precoce di pornografia da parte di minori in Francia

Telefono alla guida: cattive abitudini di alcuni automobilisti valloni