Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’oro nero russo gira a destra!

SNove mesi dopo la “operazione militare speciale” lanciata dal presidente della Russia sull’Ucraina, i paesi occidentali non hanno perso la speranza nella loro battaglia per frenare lo sforzo bellico della Russia. Pertanto, da questa prospettiva, è anche per costringere la Russia a venderlo. Olio crudo A buon mercato Per tagliare le sue entrate dal bilancio, gli europei hanno imposto un embargo sul petrolio russo e hanno limitato il prezzo al barile a 60 dollari. Soprattutto, questo prezzo massimo garantisce una certa stabilità del mercato e non destabilizza la produzione mondiale.

In risposta, i furbetti hanno approfittato dell’occasione: Cina, India e persino Turchia hanno cominciato a divorare, approfittando dello sconto, tutto quel greggio che non veniva venduto agli europei. Le importazioni cinesi di petrolio russo sono aumentate del 28% lo scorso maggio e probabilmente continueranno a crescere. Allo stesso modo, l’India ha acquistato 60 milioni di barili dalla Russia nel 2022, rispetto ai 12 milioni del 2021, e il petrolio russo ora rappresenta il 22% delle importazioni di petrolio del paese. I russi useranno “portaerei ombra” per aggirare le basi occidentali e consegnarle a Cina e India senza passare per i porti o le acque territoriali dei paesi europei.

In attesa che arrivino a febbraio 2023 altre sanzioni sui prodotti raffinati, il Cremlino è ancora alla ricerca di soluzioni alternative. Se queste azioni non destabilizzanoFinalmente nessunoNe beneficiano alcuni. La Cina e l’India accettano volentieri il petrolio russo a un costo inferiore.

Illustrazione di Amandine Victor per Zonebourse

READ  Immobilier: après deux années de crisi sanitaria, les loyers flambent