Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La pulizia che Elon Musk ha fatto al suo accesso a Twitter potrebbe costargli caro

Ma “circa il 50%” dei 7.500 dipendenti è stato licenziato il 3 novembre, secondo una lettera interna. Elon Musk ha twittato il giorno successivo: “A tutti coloro che hanno perso il lavoro è stato offerto un risarcimento per tre mesi”.

Cinque dipendenti di Twitter recentemente licenziati hanno immediatamente intentato un’azione legale collettiva contro la società.

Hanno addotto due ragioni principali. D’altra parte, l’accordo è stato reciso prima dell’acquisizione del social network da parte del capo di Tesla.

L’estate scorsa, l’ex dirigente di Twitter ha effettivamente promesso ai dipendenti che se avessero avuto un piano sociale, avrebbero ricevuto un certo livello di compensazione finanziaria.

L’obiettivo era “rallentare le partenze”, afferma Shannon Lees-Riordan, avvocato dei querelanti. Circa 700 dipendenti si sono licenziati ancor prima che fosse confermato che il miliardario avrebbe effettivamente preso il controllo della piattaforma.

“Poi è arrivato Musk e ha buttato fuori dalla finestra questa promessa”, dice l’avvocato.

Il secondo motivo riguarda il periodo di preavviso di 60 giorni previsto dalla legge statunitense in caso di licenziamenti di gruppo (Warning Act), che per alcuni dipendenti non è stato rispettato.

Shannon Lys-Riordan continua: “Twitter afferma che sono stati licenziati per cattiva condotta professionale, quando a nostro avviso fanno parte del piano sociale”.

Uffici – dormitori

L’avvocato accompagna anche altre due cause legali, una per conto dei dipendenti di un subappaltatore, e l’altra per discriminazione.

Perché due settimane dopo i licenziamenti, Elon Musk ha imposto un ultimatum: lavorare “pienamente, senza condizioni”, in ufficio, o uscire. Tuttavia, il telelavoro è l’unica opzione per alcuni dipendenti con disabilità.

L’azienda di San Francisco è anche l’obiettivo di un’indagine sulla conversione di alcuni uffici della sua sede in camere da letto per i dipendenti che dormono lì, secondo la stazione radio locale KQED News.

READ  RTL Belgio cambia organizzazione

Il percorso legale intrapreso dai cinque ex dipendenti del social network è debole, perché «la maggior parte dei dipendenti di Twitter è vincolata da clausole compromissorie», il che significa che possono solo chiedere un risarcimento davanti al tribunale arbitrale.

Una volta stipulato il contratto, tale clausola impedisce al lavoratore di ricorrere alla giustizia ordinaria.

La piattaforma ha chiesto al giudice federale di San Francisco James Donato di respingere le precedenti affermazioni dei cinque uccelli e costringerli a sottoporsi ad arbitrato individuale.

I querelanti chiedono al tribunale di pronunciarsi collettivamente sulle potenziali violazioni della legge da parte di Twitter prima di rinviarli all’arbitrato.

“Se il tribunale sceglie l’arbitrato, siamo pronti a presentare centinaia, se non migliaia, di reclami individuali per garantire che i dipendenti ottengano ciò che gli è dovuto”, ha affermato Shannon Lees-Riordan.

“arbitrato collettivo”

L’avvocato della California Lisa Bloom ha dichiarato lunedì in una conferenza stampa che cercherà un arbitrato per molti dei suoi ex clienti dei social media.

“E continueremo a fare queste richieste, una per una, bombardando Twitter”, ha detto.

“Di solito, le clausole arbitrali sono viste come favorevoli al datore di lavoro e un modo per tagliare i costi”, descrive Eric Goldman, professore alla Santa Clara University School of Law.

“Ma poiché l’arbitrato pone questi costi su Twitter, crea un’opportunità per il conto di aumentare in modo significativo in una situazione di arbitrato di classe”, sostiene.

“Questo mette Twitter in una posizione peggiore che se non avesse chiesto l’arbitrato”, insiste l’accademico.

Se ci sarà resistenza da parte del social network, avverte, la farsa delle azioni individuali “potrebbe richiedere anni”.

READ  "BNP Paribas dovrebbe rimediare a me"

L’aspetto di classe crea un incentivo per un datore di lavoro a trovare un accordo amichevole “globale”, “piuttosto che perseguire individualmente ogni richiesta di arbitrato”, afferma Risa Liebrowitz, professore di diritto del lavoro alla Cornell University.

Eric Goldman ricorda che Twitter è già in pessime condizioni finanziarie, gravato da un debito di 13 miliardi a causa dell’acquisizione e privato di un’ampia percentuale delle sue vendite a causa del ritiro di molti inserzionisti.

Shannon Lys-Riordan, che sostiene anche gli ex dipendenti di Tesla, ha detto che Elon Musk “crede di essere al di sopra della legge e può fare quello che vuole”.

Ma “in questo Paese abbiamo leggi che tutelano i dipendenti. Anche l’uomo più ricco del mondo non può ignorare la legge”.