Maggio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Lo studio dà il via alla storia ufficiale dell’American Plains Horse

Lo studio dà il via alla storia ufficiale dell’American Plains Horse
  • Per molto tempo, l’origine del cavallo negli Stati Uniti e la sua padronanza da parte delle popolazioni indigene sono state oggetto di contesa.
  • Mentre la storia tiene il 1680 per associare i nativi americani ai cavalli, le tradizioni orali dei popoli nativi indicavano che erano sempre dalla loro parte.
  • Uno studio pubblicato sulla rivista Scienze Mostra che le tribù delle Grandi Pianure americane avevano acquisito cavalli molto prima della storia scritta dei coloni.

Certamente i libri di testo sulla storia delle Americhe dovranno essere ristampati. Ad ogni modo, rispolvereremo la parte sui nativi americani e il loro rapporto con i cavalli. Secondo vari documenti creati dagli europei, i primi contatti tra cavalli e popolazioni indigene risalgono alla ribellione dei Pueblos nel 1680.

Una storia a cui i Comanche, i Lakota e i Pawnee non hanno mai aderito. Perché per loro, come Chef Joe American Horse, Presidente, Oglala Lakota OyateI cavalli hanno fatto parte di noi molto prima che altre culture arrivassero nelle nostre terre, e noi facciamo parte di loro. Questo membro di spicco della comunità degli indiani d’America ha co-firmato con 87 scienziati un articolo che era appena apparso su una rivista molto rispettata Rivista ScienzaH. Questo studio mina una parte di questa storia delle pianure americane che alcuni hanno dato per scontata.

Esiste già nel 1600 ma ancora di origine iberica

Grazie a fossili animali tra cui il DNA, una straordinaria macchina del tempo, questi ricercatori sono stati in grado di dimostrare che il cavallo era effettivamente presente nel West americano già all’inizio del XVI secolo. “Il modello, accettato consensualmente con l’eccezione di alcune popolazioni indigene, è quello di dire che al tempo della rivolta dei Pueblo, i nativi americani controllavano i loro cavalli. Abbiamo datato i resti archeologici di cavalli, associati a contesti indiani nativi americani , al carbonio 14 intorno all’anno 1600. Ciò significa che dobbiamo rafforzare il legame tra il cavallo e i nativi americani di circa un secolo.Questo è importante. Perché mostra i limiti dell’approccio storico quando c’è il genocidio, quando c’è colonizzazione.” Ludovico Orlando IL Centro di Antropologia e Genomica (CNRS-UT3) A Tolosa.

READ  Virus invernale: sorveglianza epidemiologica

Per più di dieci anni, lui e il suo team di genetisti hanno sequenziato il DNA di più di mille cavalli che vivevano ai quattro angoli del pianeta, sia contemporanei che vecchi di 12.000 anni. Grazie alla molecola, che non mente mai e non subisce le vicissitudini della storia, è riuscita così a dimostrare nel 2018 che il cavallo di Przewalski, ritenuto l’ultimo sopravvissuto all’addomesticamento, è uscito dalla natura 5.500 anni fa.

Una piccola rivoluzione, all’epoca, fece uscire di scena alcuni specialisti. Una voce sottintendeva ma persuase Yvette Running Horse Colleen, una studentessa di dottorato della comunità Lakoda, a parlargli. Nasce così questo progetto sulla storia del cavallo delle pianure americane, all’incrocio tra studiosi del mondo occidentale e nazioni indigene, su entrambe le sponde dell’Atlantico.

Effetto colonizzazione, anche sul DNA animale

“L’archeologia presentata nella nostra ricerca dimostra tutti i vantaggi dello sviluppo di collaborazioni leali ed eque con le comunità indigene”, afferma Carleton SH Gopher Presidente, archeologo di Pawnee e coautore dello studio, che lascia ancora questioni in sospeso.

Perché mentre scoprirono che il cavallo era davvero un compagno delle popolazioni indigene nell’anno 1600, il sequenziamento mostrò che questi cavalli del diciassettesimo secolo non furono riportati dai Vichinghi nell’undicesimo secolo, né sono stati in America per sempre. Ma sono di origine iberica. Come sono arrivati ​​li? Per quanto ?

Se dobbiamo aspettare nuovi fossili per poter fornire l’inizio della risposta nella storia della loro presenza nelle pianure americane, una cosa è certa.
Una volta arrivati, come gli uomini, non sono stati risparmiati dal colonialismo. Squadre di studiosi hanno anche sistemato i cavalli indigeni di oggi, e oltre alla loro ascendenza iberica, ora ci sono tracce inglesi. “È assolutamente sorprendente rendersi conto che la colonizzazione non solo ha colpito gli esseri umani, ma li ha ‘genocidiati’ e li ha soggiogati. Ha fatto il record parafrasando e riscrivendo il patrimonio genetico del loro animale preferito. Il colonialismo non è solo una relazione da uomo a uomo , conclude Ludovic Orlando Dall’uomo all’ambiente: un nuovo pilastro del lavoro in prospettiva.

READ  Corona Virus: superato il traguardo delle 500 persone in terapia intensiva