Luglio 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’intelligenza artificiale è la soluzione per il sistema sanitario?

L’intelligenza artificiale è la soluzione per il sistema sanitario?

CHUM sta attualmente cercando di implementare il primo modello di intelligenza artificiale relativo alla gestione delle emergenze. (Immagine: 123RF)

Blog degli ospiti. La recente crisi sanitaria ha confermato qualcosa che gli esperti negavano da molti anni: il sistema sanitario del Quebec è carente e l’accesso alle cure rimane complicato. Pronto soccorso sovraffollati, ospedali stracolmi, difficoltà a trovare un medico di famiglia, liste d’attesa infinite per interventi chirurgici… Anche se la rete è “gratuita”, non può permettersi di deludere i suoi residenti in questo modo.

E se ti dicessi che le soluzioni a questi problemi esistono? Che la tecnologia è matura e pronta ad aiutare il nostro sistema a crollare sotto la pressione? È possibile prendere decisioni di miglioramento in modo più efficiente grazie all’intelligenza artificiale e grazie al fatto che i robot possono facilmente alleviare il lavoro dei nostri professionisti oberati di lavoro?

Il Comitato per l’etica della scienza e della tecnologia (CEST) ha recentemente esaminato la questione e ha pubblicato alcuni risultati contrastanti. La trasformazione digitale della rete dei servizi sanitari e sociali non sarà sufficientemente avanzata da consentire l’integrazione dei dispositivi di intelligenza artificiale nella sua infrastruttura.

Ti darò un secondo per digerire questa osservazione.

Una delle nostre più grandi istituzioni, che consuma circa il 40% del budget dei cittadini del Quebec, non è abbastanza digitale per integrare gli strumenti tecnologici che potrebbero salvarla. È il 2023. Dove abbiamo sbagliato? Da dove possiamo iniziare per recuperare il ritardo?

Ebbene, per implementare i sistemi di intelligenza artificiale è necessario prima accedere ai dati digitali e garantire che le diverse interfacce comunichino tra loro. Ciò include l’abbandono delle cartelle cliniche cartacee e l’utilizzo del fax. Che dici? Sì, alcune abitudini sono dure a morire e i medici usano ancora il fax per comunicare.

READ  Scoperta di un antibiotico superiore contro i batteri mortali

Immagina un mondo in cui le cartelle cliniche dei pazienti diventano digitali e accessibili, consentendo ai pazienti di prenotare un appuntamento online o visitare qualsiasi clinica. Il vantaggio non sarà solo per chi ha bisogno di cure, ma anche per i professionisti che potranno scambiarsi informazioni tra loro e migliorare il coordinamento delle cure.

Pertanto, la digitalizzazione di tutti i processi e l’utilizzo delle tecnologie già a disposizione del sistema sanitario è una priorità. Dovrà anche compiere uno sforzo significativo se mai pensasse di accogliere l’intelligenza artificiale nella sua infrastruttura, che attualmente, secondo le parole del CEST, è obsoleta.

Concludiamo: quali tecnologie AI esistono in grado di sbloccare in modo rapido ed efficiente la nostra rete?

In cima alla lista possiamo parlare di triage dei pazienti al pronto soccorso, un processo che causa grattacapi a chiunque debba utilizzarlo. Se automatizzato utilizzando l’intelligenza artificiale, il paziente potrebbe avere l’opportunità di indicare i suoi sintomi e il motivo della sua visita direttamente al modello di intelligenza artificiale, che a sua volta potrebbe determinare la natura del problema e il suo grado di urgenza. L’intelligenza artificiale possiede la conoscenza combinata di tutti i dati esistenti su tutte le possibili malattie, permettendole di andare oltre la conoscenza di un singolo capo e di risparmiare enormi quantità di tempo, sia nel processo decisionale che nell’orario di lavoro.

CHUM sta anche lavorando per provare a implementare il primo modello di AI relativo alla gestione delle emergenze. Vorrebbero poter prevedere il traffico, cioè il numero di persone che si recano al pronto soccorso, i loro profili e le loro esigenze. Utilizzando i dati storici sulle presenze e aggiungendo altre variabili come il tempo o il calendario sportivo, sono stati in grado di trovare tendenze che altrimenti non sarebbero state distinguibili.

READ  Il telescopio James Webb ha visto una galassia che si è formata appena 390 milioni di anni dopo il Big Bang!

L’obiettivo di questo progetto è pianificare meglio le risorse come i letti e il personale in loco. In genere, sarebbe possibile migliorare l’efficienza dei casi di emergenza del 20%, così come la qualità del trattamento delle persone che vi si recano.

Come per il triage di emergenza, l’intelligenza artificiale può essere molto soddisfacente per rispondere a domande sanitarie da remoto. Utilizzando un modello in grado di riconoscere i dettagli nelle immagini, un paziente può inviare una foto della propria condizione per un consiglio migliore. Ad esempio, la piattaforma di telemedicina Dialogue del Quebec applica già l’intelligenza artificiale che semplifica la determinazione delle cure che un paziente dovrebbe ricevere, sulla base di una descrizione o di immagini dei suoi sintomi.

Parlando di riconoscimento delle immagini, alcuni software sono ora abbastanza potenti da identificare anomalie che non possono essere rilevate a occhio nudo, accelerando così la diagnosi di alcuni tumori e mirando ai trattamenti. Lo stesso vale per la radioterapia; Il modello AI può analizzarlo facilmente riducendo così il tempo dei medici. Anche Imagia, con sede a Montreal, ha iniziato a curare i pazienti, utilizzando il suo modello di intelligenza artificiale, per rilevare tipi specifici di cancro e sviluppare nuovi trattamenti personalizzati.

Gli esempi sopra riportati sono solo la punta dell’iceberg di ciò che l’intelligenza artificiale può fare per migliorare la rete sanitaria e saremmo pazzi a farne a meno.

Dopotutto, un ospedale è come una fabbrica. Entrambi devono gestire la propria produzione in base alla domanda, alcune situazioni devono essere automatizzate per facilitare l’avanzamento delle procedure e devono analizzare i propri dati per migliorare il processo decisionale. Se le aziende private, e tutti i settori messi insieme, stanno ora sfruttando tecnologie all’avanguardia come l’intelligenza artificiale e avviando il passaggio al 4G, non dovremmo chiedere che la nostra rete sanitaria pubblica segua l’esempio senza indugio? Tutti paghiamo le tasse e meritiamo di investire il nostro denaro in modo intelligente e con il miglior rendimento possibile.

READ  Corona virus in Belgio: continua a diminuire il numero dei pazienti in terapia intensiva

Il futuro del nostro sistema sanitario non può prescindere dall’intelligenza artificiale. È meglio iniziare il prima possibile la trasformazione digitale, cosa ne pensi?