Maggio 25, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

salute. I disturbi del sonno sono un sintomo precoce della malattia di Alzheimer?

salute.  I disturbi del sonno sono un sintomo precoce della malattia di Alzheimer?

Prima che compaiano i primi segni dell’Alzheimer, molti pazienti riferiscono disturbi del sonno. Pertanto, la difficoltà ad addormentarsi, gli stadi di insonnia o gli episodi ricorrenti di incubi possono aumentare prima che si manifesti la demenza.

Questi disturbi del sonno Sono causati dalle fasi iniziali della malattia o, al contrario, sono un fattore di rischio, favorendo la neurodegenerazione? ».

E ” Esiste una relazione tra i disturbi del sonno e la presenza di depositi neurotossici caratteristici della malattia di Alzheimer? I ricercatori del GIP Cyceron di Caen si sono posti queste domande nel loro studio pubblicato a gennaio sulla rivista Annali di neuroscienze.

Individuazione precoce dei neuroni colpiti

Per rispondere a questa domanda, hanno scansionato il cervello di adulti più anziani senza compromissione cognitiva, durante la paradossale fase del sonno, caratterizzata dal verificarsi dei sogni.

Per rilevare la presenza di depositi di placca amiloide, che è importante nell’insorgenza della malattia di Alzheimer, gli scienziati hanno anche eseguito scansioni di immagini (PET e MRI). opportunità, inoltre, Valutazione della struttura e della funzione del cervello Geraldine Rauchs*, il team della Dott.ssa Geraldine Rauchs*, descrive all’origine di questo studio.

L’interesse principale nello studio del sonno paradossale: questa fase” I neuroni (…) colpiti precocemente dalla malattia di Alzheimer includono i neuroni di tipo colinergico ». A « I cambiamenti nel sonno REM si osservano nelle prime fasi della malattia, prima di quelli che interessano il sonno a onde lente continua il dott.

Finora, il lavoro che è stato svolto è stato specificamente correlato allo studio del sonno ad onde lente”, Perché corrisponde a un intenso periodo di recupero, e perché è durante questo periodo che verranno eliminate le scorie tossiche prodotte dai nostri neuroni ».

READ  Uno strano asteroide scuote il mondo degli scienziati: La Nouvelle Tribune

Osservazioni che confermano anche il legame tra ‘ Accumulo di proteine ​​amiloidi e disturbi del sonno al rallentatore ».

A lungo termine, “l’identificazione dei disturbi del sonno può consentire di identificare quelli a rischio e consentire approcci preventivi”, secondo il dott. Rauch.

Immagini Stock di Adobe

Il potere delle onde cerebrali per la prova

Cosa hanno imparato i ricercatori da queste osservazioni? Primo punto: La forza delle onde cerebrali che caratterizzano il sonno paradossale, le onde theta, è più debole perché i depositi di amiloide nella corteccia cerebrale sono numerosi.. »

La correlazione è completamente assente durante le osservazioni effettuate nelle fasi di sonno lento. Cosa dovrebbe essere rafforzato quindi? Ipotesi di un legame tra i primi cambiamenti nel sonno REM e il rischio di demenzaH conferma il ricercatore.

e dopo?

A dire il vero, le squadre dovranno farlo Studiare lo sviluppo dei disturbi del sonno, dei disturbi cognitivi e dell’accumulo di amiloide nel tempo negli stessi volontari E nel secondo passaggio, apri la ricerca di persone in ” Buona salute cognitiva, ma anche con volontari con disturbi cognitivi di varia gravità ».

* Ricercatore all’interno del team Neurogenesipresso l’Unità di Fisiopatologia e Neuroimaging (Unità 1237 Inserm / Università di Caen-Normandie) presso il GIP Cyceron, a Caen.