Dicembre 9, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Lo scioglimento del permafrost minaccia diversi villaggi svizzeri – rts.ch

In Svizzera, le temperature medie stanno aumentando più rapidamente che altrove a causa del cambiamento climatico. Questo riscaldamento ha conseguenze per il permafrost: quando si scioglie, rilascia tonnellate di materiale, minacciando infrastrutture e aree abitate in diverse regioni.

Il permafrost in Svizzera è stato studiato per la prima volta al passo della Floella, situato a 2.400 metri di altitudine nel cantone dei Grigioni. Detto anche permafrost, questo termine geologico si riferisce al suolo la cui temperatura rimane al di sotto di 0 gradi per più di due anni consecutivi.

“Qui, grazie a un pozzo profondo 20 metri, possiamo misurare e analizzare l’evoluzione delle temperature del permafrost: lì il terreno è costantemente ghiacciato”, spiega domenica alle 19:30. Marcia Phillips, capo del gruppo di ricerca presso la Rete svizzera di monitoraggio del permafrost (PERMOS).

Non si conoscono ancora le conseguenze della torrida estate del 2022 sul permafrost: “La terra si sta ancora riscaldando e ci vogliono sei mesi perché il caldo scenda in profondità”.

Veduta aerea del Passo Floila. [Stefan Schurr – mauritius images via AFP]

sottile strato di ghiaccio

In Svizzera, lo scioglimento del permafrost ha iniziato a interessare gli scienziati solo all’inizio degli anni 2000. Da allora sono stati istituiti 30 punti di studio in tutta la regione alpina. Oggi la Svizzera possiede la più grande raccolta di dati sulle montagne al mondo.

Questi dati mostrano lo stesso fenomeno in tutto il territorio, dove le temperature globali sono in aumento. “Ogni estate lo strato che si scioglie in superficie è sempre più spesso (…) il permafrost in cima alla montagna, nelle rocce, dove c’è poco ghiaccio, si scalda più velocemente”. , avverte Marcia Phillips.

READ  "Stiamo lavorando per un ritorno sostenibile sulla Luna"

Regioni in allerta

Situato sotto uno strato invisibile di terra o ghiaia, il permafrost copre circa il 5% della superficie del paese e il 22% della superficie terrestre. Il suo scongelamento è un’altra grande sfida posta dal cambiamento climatico, con alcuni che propongono il termine bomba a orologeria, che potrebbe accelerare ulteriormente il riscaldamento globale.

Inoltre, lo scongelamento del permafrost può mettere in pericolo alcune aree abitate. Così, sopra il villaggio di Zinal, nel Vallese, c’è un ghiacciaio roccioso sotto costante controllo. Nel 2012, la lava spontanea, associata allo scioglimento del permafrost, ha segnato gli spiriti e messo in allerta la zona.

“Per centinaia e migliaia di anni abbiamo avuto questo ghiacciaio roccioso, ma il ghiaccio era molto freddo, quindi poco materiale poteva cadere, mentre oggi si scioglie”, testimonia Guillaume Favre-Poole, Head of Geological Hazards and Subsoil Resources in il cantone del Vallese. .

“È una miscela di ghiaccio, grumi e sabbia che si muovono insieme”, ha spiegato, commentando le immagini riprese dai droni, dove vediamo un flusso di flusso vicino alle case.

>> Leggi anche Sensori sismici per il rilevamento di colate detritiche

Muri alti per protezione

Per ridurre i pericoli, le autorità comunali vallesane hanno bloccato tutte le stazioni: sono stati necessari quattro anni di lavori e 4 milioni di franchi per costruire un’enorme infrastruttura che consentisse di mettere in sicurezza le vie di comunicazione e l’area edificabile nella regione. Villaggio Zinal.

“Questa grande discarica, con una superficie di 40.000 metri cubi, è stata costruita per mettere in sicurezza tutta questa zona del villaggio”, mostra con orgoglio David Zoveri, assessore comunale alla sicurezza nel comune di Annivers.

READ  Un raro tipo di buco nero trovato in una galassia vicino a noi

>> Leggi anche Accelerazione della roccia vicino a Kandersteg, minacciata da 500.000 metri cubi di roccia

Tema TV: Julian von Routine

Adattamento della rete: Miroslav Maris