Novembre 27, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Crepe previste con il cambiamento climatico

I residenti di Five Triplex nella stessa strada a Montreal si sono svegliati questo mese con la spiacevole sorpresa di vedere un’enorme crepa nel loro cortile che si credeva fosse causata dal cambiamento climatico.

• Leggi anche: Permafrost, una bomba a orologeria per il clima

“Siamo tutti preoccupati per l’edificio. È successo così rapidamente durante la notte che non abbiamo sentito né un botto né un terremoto”, afferma Alison Marchant.
Segovia, guardando la fessura larga 5 cm e profonda più di un metro tra la sua casa e la sua terra.

I suoi vicini di Taillon Street, a Tétreaultville, sono rimasti ugualmente scioccati quando hanno notato il danno la mattina del Ringraziamento. Ora devono convivere con la paura costante di veder sgretolarsi le fondamenta.

Justin Addison mostra con le sue mani la lunghezza della fessura tra il suo cortile e il suo edificio.

Foto di Chantal Poirier

Justin Addison mostra con le sue mani la lunghezza della fessura tra il suo cortile e il suo edificio.

“Si è capovolto. Non l’abbiamo mai visto prima. Anche gli ispettori della città di Montreal ci hanno detto che era la prima volta che venivano a vedere i danni”, afferma Le Journal Justin Addison, uno dei proprietari degli edifici in un’intervista con Le Journal Justin Addison.

Secondo il Comune di Mercier – Hochelaga-Maisonneuve, “causa naturale” è l’origine del fenomeno in Taillon Street, dove le case sono costruite sul fango.

“È possibile confermare che i terreni argillosi sono sensibili alla siccità e che gli edifici costruiti su di essi hanno maggiori probabilità di subire l’erosione del suolo quando l’argilla si asciuga”, spiega Jane Fournier, responsabile delle comunicazioni di quartiere.

“A causa del cambiamento climatico, questo fenomeno dovrebbe accelerare”, aggiunge.

READ  Da dove vengono le impressioni di dejà vu?

lavora nelle vicinanze

Da parte sua, Edison ritiene che la città di Montreal dovrebbe studiare i cantieri vicino al suo edificio.

“Ci sono costruzioni in tutta la nostra strada e molte vibrazioni. Dovremmo vedere se è fatto in modo intelligente. Presto esploderanno a 500 piedi da dove siamo. Temo che distruggerà davvero il campo. ”

“Dopo le verifiche, questa situazione non sarà più legata al lavoro svolto nel settore”, conferma comunque la Fournier.

Il signor Addison è ora costretto a spendere decine di migliaia di dollari “per essere coinvolto” nella sua fondazione fratturata. Di solito, la città offre ai proprietari di abitazione assistenza finanziaria per questo tipo di lavoro attraverso il programma di sostegno alla ristrutturazione RénoPlex.

Può inserire un pezzo di legno in questo enorme buco.

Foto di Chantal Poirier

Può inserire un pezzo di legno in questo enorme buco.

Il problema è che questo programma è vittima del proprio successo. La città non ha accettato alcuna domanda da luglio. I proprietari di abitazione potranno presentare nuovamente domanda, ma solo a gennaio.

Nulla ci dice che accetteranno la nostra richiesta il prossimo gennaio. Vorrei portarlo all’Assemblea Nazionale perché la città ei politici a Montreal dicono che non possono fare di più per noi. […] Sappiamo anche che c’è il rischio che ci siano più fondazioni che si fratturano con il cambiamento climatico”, deplora Addison.

Piano di pensionamento

Per il 28enne, non sono stati solo i muri che si sono incrinati questo mese, ma anche il suo piano di pensionamento.

“Ho comprato cinque anni fa e ho pensato tra me e me: Bene Affare. Ma qui diciamo che ci piace un po’ meno quello che abbiamo”, conclude.

READ  "Il virus si sta diffondendo"

Sempre più case rischiano il crollo

Uno scienziato del clima si dice “estremamente preoccupato” per le case costruite su terreni argillosi poiché è probabile che si deteriorino ulteriormente nei prossimi anni con la crisi climatica.

“Questa estate abbiamo notato che molte abitazioni su terreni argillosi avevano le fondamenta incrinate a causa del clima secco. Senza acqua nel terreno, il terreno perde la sua portanza. Quindi stiamo vedendo sempre più edifici con crepe e fondamenta danneggiate”, spiega Philip Gatchon.

Dice che la scorsa estate ha battuto i record di siccità in diverse regioni, inclusa Montreal.

“Sono molto preoccupato. È un problema a breve termine e si amplificherà con il cambiamento climatico. Non potremo mai dire abbastanza: il ciclo dell’acqua sta cambiando in modo sostanziale nel contesto del riscaldamento globale”, insiste lo scienziato del clima.

Adeguamento dei nostri edifici

Specifica che il problema degli scricchiolii delle case potrebbe essere aggravato questo inverno con episodi di gelo e disgelo. Ricorda anche che troppa acqua nel terreno argilloso può portare a frane come quelle avvenute durante le catastrofiche alluvioni della primavera 2017 in Quebec.

“Dovremo rivedere il nostro modo di pensare e costruire in Quebec e altrove nel mondo. Potrebbe essere necessario utilizzare materiali più adatti ai cambiamenti climatici e ai cambiamenti idrologici. Bisogna abituarsi all’idea di adesso vivere in periodi molto secchi e altri con molta acqua in eccesso”, avverte il signor Jatchon.

miliardi di dollari

Secondo uno studio pubblicato il mese scorso dal Canadian Institute for Climate Options, l’aggiornamento delle infrastrutture per raggiungere standard accettabili costerebbe miliardi di dollari all’anno in tutto il paese.

READ  Acque in aumento in Occitania: scopri se la tua città sarà colpita dal riscaldamento globale

“Il costo dei danni e dei disagi associati ai cambiamenti climatici che colpiscono le infrastrutture del Canada, a rischio per decenni di sottoinvestimenti, potrebbe essere significativo”, afferma il rapporto.

Con Elizabeth Maynard, QMI

Guarda anche…