Dicembre 8, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Lio: “Ho aperto la porta ai minori criminali”

Al centro del libro di Chloe Thibaud Tutto per la musica, pubblicato il 20 ottobre, Lio si è lamentata del suo soprannome “Banana Split” (1979). “Questa è la caramella che l’abominevole pupazzo di neve dà all’abominevole adolescente / Candy LoveTutti ricordano il celebre ritornello della canzone “Banana Split” cantata da Leo, che all’epoca non aveva ancora 16 anni.Oggi, all’età di 60 anni, il belga si rammarica di aver accettato di cantare queste canzoni dal “suggestivo doppio senso. ” “So di aver aperto completamente la porta ai criminali pedofili e di aver portato il mulino nei loro mulini.Lio spiega a parigino. Me ne rendo conto oggi. Immagino di poter essere perdonato, infatti, all’epoca, non mi rendevo del tutto complice di questo trattamento oltraggioso delle ragazze e delle giovani donne.. E continua il suo pensiero. “Avevo la sensazione di giocare con qualcosa che era tabù. E trovo che qualunque cosa sia tabù, devi cambiarla un po’. Ma ora, non avrei affatto lo stesso atteggiamento, specialmente riguardo all’incesto .”

In conclusione, Lio confronta la sua situazione con quella di France Gall, che ebbe un titolo esplicitamente clamoroso con “Les Sucettes”, uscito nel 1966″.A differenza di France Gall, sapevo cosa significava la canzone Banana Split quando la cantavo. Ma ora capisco che non sapevo molto”.

READ  Frederic Lopez è apparso irriconoscibile in France 2, preoccupando gli spettatori